laRegione
i-bambini-sono-pronti-ad-andare-a-scuola-a-piedi
L’intenzione è di riprovarci
15.10.21 - 16:52

I bambini sono pronti ad andare a scuola a piedi

Un progetto pilota della Supsi nelle scuole di tre comuni rivela la voglia dei piccoli utenti di cambiare mobilità. Convinti anche i genitori

Più bambini a scuola a piedi, più genitori convinti, ma soprattutto meno ‘mamme-taxi’: l’esperimento messo in campo lo scorso anno scolastico dalla Supsi nelle scuole di tre comuni del Mendrisiotto può dirsi riuscito. In quattro scuole dell’infanzia - a Balerna, Novazzano, Salorino e Capolago - e in una sede delle Elementari, quella di Canavée a Mendrisio, si è fatta largo (ancora di più) l’idea che il Pedibus non solo è bello ma è anche meglio. In totale fra gennaio e maggio sono stati 688 i bambini che si sono ritrovati al centro del progetto pilota ‘S2Hoes - Safe and sustainable HOmE School mobility’ e sono stati seguiti da vicino dai ricercatori dell’Istituto sostenibilità applicata all’ambiente costruito del Dacd (Dipartimento ambiente, costruzione e design). Ragazzi che hanno così contribuito ad aprire la strada ad altri coetanei nel segno di una mobilità “attiva, sicura e sostenibile” sul percorso casa-scuola. La sperimentazione ha entusiasmato a tal punto che, si fa sapere dalla Supsi, si sta già pensando a una nuova edizione. Per il momento, comunque, si fa tesoro dei risultati raggiunti sulla spinta del Coordinamento Pedibus Ticino dell’Associazione traffico e ambiente (Ata) e della Fondazione Bruno Kessler di Trento, con il supporto della Fondazione Axa per la prevenzione. In effetti, combinare un approccio ludico-educativo - grazie a una piattaforma didattica, KidsGoGreen - al Pedibus - reso più snello da un applicazione mobile, PedibusSmart - ha permesso di aumentare del 10 per cento il numero dei piccoli utenti, vedendo crescere tanto gli alunni che gli accompagnatori volontari. Non solo, a Balerna l’Assemblea dei genitori ha deciso di creare una linea di Pedibus a misura dei bambini della Materna. Un servizio attivato con l’inizio di questo anno scolastico e che ha frequenza giornaliera.

Serve un’azione combinata

La tecnologia ha dunque dato una mano non solo a veicolare il messaggio - preferire andare a scuola a piedi - ma altresì a rendersi conto dell’efficacia delle soluzioni prospettate - tre le combinazioni d’intervento previste - e adottate dalle varie scuole. In questo modo, si conferma dalla Supsi, i ricercatori hanno potuto valutare l’impatto delle misure e “individuare criticità e potenzialità”, raccogliendo attraverso un sondaggio condotto fra i partecipanti “eventuali suggerimenti, idee e proposte di miglioramento”. Ciò che è apparso evidente è che unendo le opzioni l’effetto è assicurato, registrando al contempo un calo della mobilità motorizzata, “in particolare l’uso dell’auto privata”. Di fatto, si spiega, alla fine della sperimentazione è “aumentata l’inclinazione da parte dei genitori a considerare la mobilità attiva la forma di mobilità scolastica che prediligerebbero per i loro figli in futuro, potendo scegliere”. In buona sostanza nella globalità l’84 per cento dei genitori si è dichiarato “soddisfatto/molto soddisfatto” del progetto S2HOES. In media, si annota, mamme e papà hanno “convenuto che l’impiego dell’app mobile PedibusSmart rappresenti un valore aggiunto e che l’approccio ludico-educativo proposto (la piattaforma di gioco KidsGoGreen) rappresenti un metodo d’insegnamento innovativo, in grado di suscitare curiosità e maggiore sensibilità dei bambini verso il tema della mobilità sostenibile, producendo un effetto positivo sulle loro abitudini di spostamento sul tragitto casa-scuola”.

Non ci si fermerà qui

Visto l’esito del progetto pilota si è propensi a non fermarsi qui. “Vorremmo avviare un processo di co-progettazione capace di coinvolgere sin dall’inizio sia i genitori che la scuola nel perfezionamento delle soluzioni tecnologiche S2HOES, per adattare le funzionalità dell’applicazione mobile e della piattaforma di gioco alle effettive esigenze dei loro fruitori finali”, commenta Roberta Castri, responsabile del progetto alla Supsi. “Di certo - ribadisce la ricercatrice -, il dialogo e l’unità di intenti tra genitori e scuola sono elementi cardine per poter raggiungere un cambiamento più profondo nelle pratiche di mobilità scolastica. Fare rete tra scuola, genitori e altri attori locali è dunque fondamentale se si vogliono creare nuove opportunità”.

Sul grafico che sintetizza una parte del lavoro della Supsi la linea della mobilità attiva (il Pedibus) tende a salire, quella veicolare a scendere: un’inversione di tendenza incoraggiante, soprattutto per Ata che da anni crede nella necessità di spronare i genitori e invogliare i bambini a... cambiare passo. Un obiettivo, quello dell’Associazione, condiviso con slancio nel Mendrisiotto, dove negli anni le linee di Pedibus si sono moltiplicate.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bambini genitori mobilità progetto scuola supsi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Lega dei Ticinesi, Consiglio esecutivo al completo
Agli eletti in Cds e al Nazionale, si aggiungono Sabrina Aldi, Massimiliano Robbiani, Patrizio Farei e Alessandro Mazzoleni
Ticino
4 ore
Referendum sulla giustizia, votano anche gli italiani all’estero
Il plico con il materiale di voto arriverà per posta entro il 25 maggio a tutti gli iscritti alle anagrafi consolari
Ticino
5 ore
È attivo il Centro tumori cutanei complessi dell’Eoc
Il cancro della pelle è in costante aumento in tutto il mondo. Diagnosi e cura sono ora più efficaci e i tassi di mortalità in calo
Luganese
6 ore
Fienile distrutto dalle fiamme ad Arogno
Le cause del rogo sono per ora sconosciute. Non ci sarebbero feriti o intossicati.
Locarnese
7 ore
Locarno, Ps: ‘Accuse spiacevoli, pretestuose e imbarazzanti’
Bocciatura mozione contro il tabagismo nei parchi giochi: il Ps locale risponde alle insinuazioni della presa di posizione dell’associazione non fumatori
Luganese
7 ore
Molestie all’Unitas, assemblea tesa
Allontanati i giornalisti, trapela malcontento; il Comitato attende l’esito dell’inchiesta
Locarnese
9 ore
San Nazzaro, annegamento al bagno pubblico
Si tratterebbe di un turista. Sul posto sono intervenuti i soccorritori e gli agenti della Polizia cantonale e della Polizia lacuale
Grigioni
1 gior
Lostallo, tamponamento sull’A13: due feriti
L’incidente è avvenuto ieri pomeriggio. Un 79enne e un 30enne sono stati trasportati in ospedale.
Bellinzonese
1 gior
Monte Carasso, auto colpisce un motociclista e si dà alla fuga
L’incidente è avvenuto poco prima delle 00.30 su via El Stradun. La Polizia cantonale cerca testimoni
Luganese
1 gior
Guerra in Ucraina, a Lugano storie di donne e del loro riscatto
Testimonianze di ucraine sopravvissute al conflitto e della loro forza in una conferenza tenutasi giovedì sera al Palazzo dei congressi
© Regiopress, All rights reserved