laRegione
13.10.21 - 19:07
Aggiornamento: 20:10

Pratiche telematiche per i Tir al confine entro il 2025

Le Dogane chiariscono il piano d’azione per facilitare lo sdoganamento delle merci. Al Municipio di Chiasso però non basta

pratiche-telematiche-per-i-tir-al-confine-entro-il-2025
Ti-Press/Gianinazzi
Già oggi capita, e non di rado, nel tratto chiassese

Nel Mendrisiotto non si ha nessuna intenzione d’inghiottire il boccone amaro di una corsia autostradale dedicata ai Tir diretti a sud – lì fra l’area di servizio di Coldrerio e il viadotto di Bisio – come se nulla fosse. Dopo il veto corale espresso una settimana fa dai Municipi di Balerna, Novazzano e Mendrisio, dal Distretto sale un’altra voce dissonante. È quella del già sindaco di Chiasso Moreno Colombo, il quale ha indirizzato a governo e parlamento una petizione accorata per scongiurare di compiere “un passo nella direzione sbagliata”, legalizzando, di fatto, una situazione – quella delle colonne di camion lungo l’A2 in territorio di Chiasso – che da tempo penalizza la regione. L’appello rivolto mercoledì al Consiglio di Stato e al Gran Consiglio – ma che parla pure ai Comuni e alla Commissione regionale dei trasporti – è pressante: occorre “attivarsi per trovare delle soluzioni”, ma alternative. Colombo suggerisce così di domandare aiuto all’autorità federale con l’intento di “mettere in atto al più presto la digitalizzazione”. Un processo che l’Amministrazione federale delle dogane (Afd) ha già avviato e che nella tempistica prevista – si parla del 2024-2025 – anticiperebbe il progetto dell’Ufficio federale delle strade (Ustra). Il dossier presentato il settembre scorso ai Comuni del Basso Mendrisiotto prevede infatti di concretizzare la corsia di stoccaggio dei mezzi pesanti – assieme ad altre opere – da qui al 2028.

Il Distretto fa muro

C’è da credere, quindi, che il Distretto farà di tutto per allontanare da sé quella che lo stesso Moreno Colombo – già da granconsigliere attento al tema – etichetta come una scelta-cerotto a fronte di una realtà che già paga pegno a livello ambientale, viario e della sicurezza. Ad alzare un muro, del resto, non sono solo Balerna, Novazzano e Mendrisio, posti davanti alla prospettiva di convivere con una corsia per Tir, ma pure Chiasso che in questi anni, come fa memoria nella risposta alle sollecitazioni di quattro consiglieri comunali del Plr, non si è mai stancato di attirare l’attenzione “su una delle problematiche più rilevanti del nostro territorio”. Infatti, già nel maggio del 2001 l’allora vicesindaco Ettore Cavadini, appoggiato dai capidicastero Ambiente dei Comuni del Mendrisiotto e Basso Ceresio, annota l’esecutivo, aveva domandato al Dipartimento del territorio (con copia a Berna) di “vietare in modo assoluto la formazione di colonne di veicoli pesanti sulla A2, nel senso che tutta l’autostrada non possa essere utilizzata come area di posteggio per questi veicoli”. Un appello che, a quanto pare, visto gli sviluppi recenti, è rimasto inascoltato.

Le Dogane hanno un piano d’azione

In realtà, anche oggi l’autorità chiassese si aspetta più di quello che è stato annunciato e promesso. Dopo che il Plr a Chiasso – per voce di Giovanni Pezzotti, Luca Bacciarini, Davide Capoferri e Daniele Godenzi – e a Mendrisio ha rilanciato la problematica dei camion in fila nel tratto finale dell’autostrada, il Municipio ha interpellato l’Afd, chiamata in causa sui ritardi delle pratiche di sdoganamento alla frontiera meridionale. Lo abbiamo fatto anche noi per capire a che punto siamo con lo sdoganamento telematico. La svolta è rappresentata dal programma DaziT. Un programma, conferma a ‘laRegione’ la portavoce Nadia Passalacqua, lanciato tre anni fa e che «ha come obiettivo la trasformazione digitale dell’Amministrazione federale delle dogane verso l’Ufficio federale della dogana e della sicurezza dei confini (Udsc). L’obiettivo? È implementare gli elementi centrali di DaziT entro il 2024. Tra il 2022 e il 2025 verranno messe in funzione le applicazioni principali, tra cui il nuovo sistema per il traffico delle merci Passar, che sostituisce le attuali applicazioni digitali nel traffico di transito (Ncts) e nel traffico d’importazione – e-dec/e-dec web (2023/2025) –, il nuovo sistema di controllo dei confini, che comprenderà gli ulteriori sviluppi di Schengen/Dublino (2022/2023), il nuovo sistema di rapporto uniforme (2024) e il sistema di rilevamento Ttpcp (la Tassa sul traffico pesante commisurata alle prestazioni) di nuova generazione per autocarri svizzeri (2024)». Un piano d’azione e una cronologia che l’Amministrazione ha condiviso con la cittadina in una missiva recapitata a inizio ottobre.

A Chiasso e Stabio si sono fatti passi avanti

E sino ad allora? «Nel frattempo – spiega la portavoce – abbiamo potuto implementare nuove soluzioni digitali, anche a Chiasso e a Stabio, come per esempio Eets – il Servizio europeo di telepedaggio, ndr –, che permette di effettuare i pagamenti in forma digitale della Tassa sul traffico pesante, come pure le applicazioni Activ e Periodic che facilitano il passaggio della frontiera, senza l’obbligo per l’autista di dover scendere dal proprio veicolo per l’espletamento delle formalità». Tutto è pensato per raggiungere il traguardo fissato con DaziT e accelerare le procedure. «Un esempio concreto – chiarisce ancora Nadia Passalacqua – sono le cifre della situazione a Chiasso e Stabio. Dopo la certificazione del primo provider Eets nel mese di gennaio, più di 60’000 camion hanno potuto attraversare il confine italo-svizzero in Ticino (entrata e uscita) senza doversi fermare per pagare la Tassa. Questo rappresenta più del 15 per cento di tutti i viaggi ed è in aumento costante. Il numero di camion che beneficia di questo sistema crescerà significativamente a partire da questo autunno con la certificazione di un secondo provider».

D’altro canto, l’Afd ha fatto sapere a Chiasso di essere “consapevole della situazione esposta” e in tal senso di collaborare “attivamente” con l’Agenzia delle dogane e dei monopoli italiana proprio sul fronte della “digitalizzazione e dell’armonizzazione dei processi doganali con l’Italia”. Tant’è che a breve partirà un’ulteriore fase sperimentale a Stabio. Passi avanti, insomma se ne sono fatti. Anche se il Municipio di Chiasso non si è dimostrato del tutto soddisfatto dalla risposta fornita dall’Ammistrazione.

Leggi anche:

Tir sulla A2: Balerna, Novazzano e Mendrisio sono contrari

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
46 min
Prima condanna in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso
Locarnese
2 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
2 ore
Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps
L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
video
Bellinzonese
2 ore
Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’
Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
3 ore
A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’
Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Ticino
3 ore
In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre
Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
4 ore
Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco
Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
5 ore
È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona
Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Luganese
6 ore
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
9 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
© Regiopress, All rights reserved