laRegione
03.10.21 - 15:30
Aggiornamento: 15:50

Dogana di Brogeda, per la A9 ancora lavori per oltre due mesi

Proseguono i disagi: per l’ammodernamento e il consolidamento delle tre gallerie a ridosso del confine occorre attendere almeno fino alla fine dell’anno

di Marco Marelli
dogana-di-brogeda-per-la-a9-ancora-lavori-per-oltre-due-mesi
Ti-Press
Code in dogana

Ancora almeno due mesi e mezzo di lavori sul tratto finale dell’autostrada A9 tra la barriera di Grandate e la dogana di Brogeda. Lo ha comunicato la società Autostrade per l’Italia: il cantiere per l’ammodernamento e il consolidamento delle tre gallerie a ridosso del confine dovrebbe quindi concludersi a fine anno, poco prima del periodo natalizio. Il condizionale resta però d’obbligo quando si parla d’interventi e lavori, il cui avanzamento è legato inevitabilmente anche alle condizioni meteorologiche.

Protestano automobilisti e camionisti

Insomma, per automobilisti e camionisti (proteste sono arrivate anche dal Ticino) ancora disagi. Fra coloro che stanno pagando un prezzo molto alto ci sono anche gli abitanti di Ponte Chiasso e Monte Olimpino, in quanto il traffico pesante diretto in Svizzera viene deviato sulle strade dei due cantieri, così come di notte in entrata in Italia occorre uscire dall’autostrada. Da ‘Autostrade per l’Italia’ giunge la notizia che, oltre alla messa in sicurezza delle tre gallerie della A9, si sta realizzando anche una “galleria fonica’’ per “la mitigazione acustica’’. Insomma, barriere antirumore per gli abitanti di Monte Olimpino, che da anni sono alle prese con un traffico autostradale sempre più intenso e in qualsiasi ora del giorno e della notte, con pesanti conseguenze per la salute delle persone. Monte Olimpino è il quartiere di Como con il più alto tasso d‘inquinamento acustico. Una volta era Ponte Chiasso, a causa soprattutto del traffico pesante, in quanto a ridosso della dogana commerciale di Brogeda. Il problema è stato risolto con la posa di barriere fonoassorbenti. Stessa cosa, assicura ’Autostrade per l’Italia’, a Monte Olimpino il disagio sarà risolto entro il 15 novembre.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Usura e migranti: quattro arresti tra il Luganese e Zurigo
Sono sospettati di far parte di un sodalizio internazionale dedito da tempo al trasporto di clandestini provenienti dall’Italia e diretti nel Nord Europa
Locarnese
4 ore
Servizi culturali, pubblicato il nuovo bando per la Direzione
Locarno cerca una figura ‘in grado di ridisegnare coerentemente e in maniera funzionale ed efficace la struttura’, ed elaborarne la gestione ideale
Locarnese
4 ore
Pedofilo tra Ticino e Thailandia, chiesti 9 anni di carcere
Un 77enne del Sopraceneri è accusato di ripetuti atti sessuali con fanciulli e con persone inette a resistere per fatti compiuti tra il 2000 e il 2021
Bellinzonese
5 ore
Alessandra Genini nuova direttrice di Comundo a Bellinzona
È la principale organizzazione non governativa svizzera di cooperazione allo sviluppo tramite l’interscambio di persone
Mendrisiotto
6 ore
‘Le fermate Ffs di Mendrisio sono di serie B?’
Il Centro lo chiede al Municipio con un’interpellanza dopo che da mesi gli ascensori della stazione di San Martino sono fuori uso
Locarnese
6 ore
Traffico e spaccio di cocaina nel Locarnese: inchiesta chiusa
L’inchiesta ha permesso di determinare un traffico di droga tra l’Italia, il Ticino e altri cantoni della Svizzera interna
Bellinzonese
6 ore
Prato Leventina, campo da calcio distrutto: è denuncia
Lo ha fatto sapere il municipale Sergio Sartore dopo il grave atto di vandalismo avvenuto fra venerdì e sabato: ‘Mi piange il cuore’
Ticino
9 ore
Cadono le foglie, a Novaggio e Airolo cresce il Pedibus
Nate due nuove linee dell’iniziativa che incentiva la trasferta casa-scuola a piedi di bambini accompagnati e in compagnia
Locarnese
12 ore
Pila: ‘Niente funivia, niente tasse d’uso e consumo’
A chiederlo al Municipio è una raccolta firme sottoscritta da 90 proprietari di abitazioni e frequentatori della frazione centovallina. L’impianto è fermo
Bellinzonese
12 ore
Dalla paura nei rifugi alla motivazione negli spogliatoi dei Gdt
L’impegno della società turrita ha portato a offrire a giovani hockeisti ucraini l’opportunità di venire in Svizzera e giocare a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved