laRegione
salario-minimo-e-ccl-altre-aziende-alla-finestra
Il 9 ottobre si manifesta a Mendrisio (Ti-Press)
Mendrisiotto
01.10.21 - 20:350

Salario minimo e Ccl, altre aziende alla finestra

Dopo il caso delle tre industrie manifatturiere, ci sarebbero ditte interessate al loro accordo. TiSin: ‘Non ci risulta’

I sindacati storici hanno temuto da subito un possibile effetto domino. Anzi, si può dire che si aspettassero già che altre aziende del Mendrisiotto avrebbero seguito l’‘esempio’ delle tre industrie manifatturiere della regione pronte a sottoscrivere un Contratto collettivo di lavoro (Ccl) giusto in tempo per bypassare l’applicazione del salario minimo di legge attesa per il dicembre prossimo. Da indiscrezioni trapelate dalla Commissione tripartita alcune ditte del Distretto hanno manifestato interesse per il Ccl proposto da Ticino Manufacturing, avallato dall’organizzazione TiSin, ma soprattutto firmato da Plastifil a Mendrisio, Ligo Electric a Ligornetto e Cebi (l’ex Mes-Dea) a Stabio. Lo stesso accordo che ha fatto infuriare Ocst e Unia e che, di fatto, aggira l’obbligo di riconoscere ai dipendenti i fatidici 19 franchi l’ora.

Dagli ambienti imprenditoriali così come da quelli sindacali si preferisce non confermare né smentire l’informazione filtrata dall’ultima riunione. Raggiunto da ’laRegione’ il direttore di Aiti Stefano Modenini non ha voluto sbilanciarsi. A sua volta Giangiorgio Gargantini ha preferito non commentare; limitandosi a ricordare come, aperta una breccia, sia normale che anche altri seguano la stessa strada, facendo leva sulla deroga che, di fatto, dà modo a chi fa capo a un Ccl di fare un’eccezione e non adeguarsi al salario minimo. Come dire che si tratta di una ‘tentazione’ alla quale può essere difficile resistere, soprattutto là dove la maggior parte della manodopera è frontaliera.

Al di là dell’ufficialità, secondo quanto riscontrato da ‘laRegione’ ci sarebbero, però, delle discussioni in corso. Non solo, dei lavoratori, ancora venerdì, avrebbero segnalato ai sindacati la presenza o l’arrivo di TiSin. Resta da capire se e quante altre industrie seguiranno le tre fabbriche momò su questo cammino. Interpellato, il presidente di TiSin, Nando Ceruso, ci ha risposto che, per quanto lo concerne, «al momento attuale non risultano» altri interessamenti. In ogni caso i sindacati storici restano sul chi va là. Mentre la politica continua a interrogarsi su come reagire a quanto accaduto nel Mendrisiotto. «Il problema è tutt’altro che risolto - richiama Vincenzo Cicero, cosegretario di Unia Sottoceneri -. Questa situazione è la dimostrazione che, al di là dell’impegno messo dal governo, serve una modifica della legge cantonale». Nel frattempo, Ocst e Unia sabato 9 ottobre a Mendrisio chiameranno a raccolta la popolazione in segno di solidarietà con i lavoratori e per lottare contro il dumping salariale strisciante.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
15 min
Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti
La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Locarnese
1 ora
Il ragazzo pestato è tornato a casa
La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
1 ora
La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere
L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
2 ore
Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva
Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
7 ore
Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo
Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
7 ore
Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo
A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
7 ore
Gole profonde... per legge
Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
7 ore
Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360
Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
13 ore
Locarno, ancora un caso pestaggio in centro
Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
14 ore
Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’
Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile