laRegione
30.09.21 - 11:32
Aggiornamento: 18:06

‘Davo i soldi al padre di mia figlia’, prostituta condannata

36 mesi parzialmente sospesi a una 34enne rumena che in 7 anni ha truffato due clienti sottraendo 1,8 milioni di franchi e 75mila euro

davo-i-soldi-al-padre-di-mia-figlia-prostituta-condannata
Archivio Ti-Press
La donna è stata espulsa per 10 anni dalla Svizzera

Nel giro di 7 anni, dal settembre 2014 al marzo di quest’anno, ha sottratto a due vittime 1,8 milioni di franchi e 75mila euro. La donna, una 34enne cittadina rumena residente nel Mendrisiotto, è comparsa stamattina davanti alla Corte delle Assise criminali di Mendrisio. Con procedura di rito abbreviato, il giudice Amos Pagnamenta l’ha riconosciuta colpevole di ripetuta truffa qualificata e condannata a 36 mesi di detenzione. La pena è stata parzialmente sospesa, per un periodo di prova di due anni, per 27 mesi. La Corte ha inoltre stabilito 10 anni di espulsione dalla Svizzera.

Come spiegato nell’atto d’accusa della procuratrice pubblica Raffaella Rigamonti, l’imputata ha conosciuto entrambe le vittime in un locale del Bellinzonese “quali clienti nell’ambito dell’attività dell’esercizio della prostituzione”, facendo credere loro che il loro sentimento di affetto fosse corrisposto. Alla prima vittima, adducendo presunti problemi di salute suoi e di membri della famiglia, sono stati sottratti 1,6 milioni, consegnati all’imputata in 52 occasioni. Alla seconda, tra il settembre 2019 e il giugno 2020, 133mila franchi e 75’100 euro (in questo caso le consegne sono state 28). «Avevo bisogno di soldi e ho sbagliato», sono state le parole pronunciate dalla donna. Denaro che, ha aggiunto sollecitata dal giudice, «sono stati spesi e sono stati dati al papà della mia bambina». A fare scattare i controlli sfociati nell’inchiesta penale è stata la segnalazione della famiglia di una delle due vittime, insospettita dai movimenti sul conto bancario. Dopo la sua scarcerazione, tra circa due mesi, la 34enne è intenzionata a raggiungere i genitori che vivono in Spagna. La Corte ha accolto l’atto d’accusa, definendo «adeguata» la pena proposta da accusa e difesa, rappresentata dall’avvocato Yasar Ravi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
2 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
2 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
12 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
13 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
Grigioni
17 ore
Sindaco di Lostallo, Moreno Monticelli pronto a rinunciare
Municipio riconfermato in blocco: ‘Lavoriamo bene, se Giudicetti vuole continuare io faccio un passo indietro’. A Castaneda la novità è Salvanti
Ticino
19 ore
I Verdi approvano la lista col Ps: ‘Saremo la vera novità’
L’Assemblea ha ratificato le candidature di Samantha Bourgoin e Nara Valsangiacomo per il Consiglio di Stato. ‘Bisogna puntare al raddoppio in governo’
Video
Ticino
1 gior
La Chiesa si mette in attesa ‘un po’ particolare’ del Natale
Messaggio alla Diocesi ticinese del vescovo Alain de Raemy in occasione domenica dell’inizio del cammino d’Avvento
Luganese
2 gior
A2, PoLuMe anche da Gentilino alla Vedeggio-Cassarate
L’Ustra conferma: in autostrada si potrà usare la terza corsia d’emergenza come ‘dinamica’ in caso di necessità fino a Lugano nord
Ticino
2 gior
Cantonali ’23, Andrea Giudici torna in pista. E lo fa con l’Udc
Deputato liberale radicale dal 2003 al 2019, l‘avvocato locarnese proverà a tornare in Gran Consiglio: ’I democentristi rappresentano meglio le mie idee’
© Regiopress, All rights reserved