laRegione
27.09.21 - 15:28
Aggiornamento: 17:45

Tre rapine a Brusino, ‘mi spiace per il trauma alle vittime’

L’imputato estradato dall’Italia ha ammesso la paternità dei colpi ai distributori di benzina. Condannato a 3 anni e 10 mesi e all’espulsione dalla Svizzera

di Guido Grilli
tre-rapine-a-brusino-mi-spiace-per-il-trauma-alle-vittime
Rescue Media
La rapina al Piccadilly il 5 novembre 2017

«Come ci siamo suddivisi il bottino? Preferisco non rispondere nel dettaglio. Sono qui per pagare il mio debito con la giustizia. Mi spiace per le vittime che hanno dovuto subire questo trauma e spero di uscire presto dal carcere per realizzare i miei progetti di vita con la mia famiglia e di poter tornare a lavorare». Parola di ex rapinatore. Così si è espresso stamane, davanti alla Corte delle assise criminali di Mendrisio, il 37enne del Varesotto estradato all’inizio dell’anno dall’Italia dopo l’arresto per i 3 colpi compiuti a Brusino Arsizio ai danni di distributori di benzina tra il 2017 e il 2018 con un complice che sarebbe tuttora uccel di bosco.

Bottino di oltre 90mila franchi

L’imputato ha vuotato il sacco, ma, a mente del suo avvocato d’ufficio, Mario Bazzi, «se non racconta ogni dettaglio è perché teme ripercussioni». Il 37enne italiano ha ammesso il contenuto dell’atto d’accusa, stilato dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo, che al termine della sua requisitoria ha proposto una pena di 3 anni e 10 mesi da espiare e l’espulsione dalla Svizzera per 7 anni. Complessivamente ammonta a oltre 90mila franchi, tra denaro e stecche di sigarette, il danno patrimoniale delle rapine.

Il correo ha agito in modo ancora più pericoloso dell’imputato, dal momento che non ha esitato a imbracciare una pistola simil vera del tipo semiautomatica calibro 9. L’imputato ha invece soprattutto ordinato durante le azioni criminali ai clienti presenti di allontanarsi. La prima rapina è avvenuta il 7 aprile 2017, pochi minuti prima delle 19, alla stazione di servizio e coloniali di Brusino Arsizio. Trentasettenne e complice vi sono giunti in sella a una moto, entrambi con volto completamente coperto da casco, cappellino e passamontagna. È il complice assente dall’aula giudiziaria, non prima di aver pronunciato la fatidica frase, “questa è una rapina”, ad aver costretto con la forza la commessa, dopo averla insultata pesantemente e minacciata di morte, ad aprire la cassaforte e a farsi consegnare il denaro. Non dissimile la dinamica della seconda rapina: nel mirino degli autori, il Piccadilly di Brusino Arsizio, preso di mira alle 7.15 del mattino del 5 novembre 2017. Sempre il correo sfuggito alla giustizia ha usato la maggiore violenza: dopo aver scavalcato bancone, ha preso per il collo la commessa e, sotto la minaccia di un coltello e terrorizzandola con l’imperativo “dammi i soldi, portami in cassaforte, altrimenti ti squarcio la gola”, si è fatto consegnare il denaro e con l’imputato ha lasciato indisturbato la stazione di servizio. E proprio in questo stesso luogo, meno di un anno dopo, la sera del 4 aprile 2018 i due autori si sono ripresentati, questa volta in auto e sempre a volto coperto: ad aprire il varco, l’imputato che si è precipitato a bloccare per un braccio il commesso. Quindi il complice si è unito alla rapina armato di coltello, con il quale ha intimato alla vittima di aprire la cassaforte e riuscendo anche in questa occasione a farsi consegnare alcune migliaia di franchi e a fuggire. Non senza, prima, aver trascinato a terra un cliente, costringendolo a rimanere in quella posizione durante l’intera azione criminale.

La sentenza con due aggravanti

«Rapina e aggravante non solo per aver compiuto i colpi in banda ma pure per aver agito in modo pericoloso». È quanto ha stabilito la Corte delle assise criminali, presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchietti. Che ha ritenuto grave anche il breve periodo entro cui l’imputato ha delinquito: circa un anno. Nonché per il bottino elevato. La Corte ha confermato la pena di 3 anni e 10 mesi e l’espulsione dalla Svizzera per 7 anni come ha proposto la pubblica accusa.

Pubblica accusa e difesa, in mattinata, avevano raggiunto l’intesa di una pena concordata. L’avvocato d’ufficio, Mario Bazzi, durante la sua arringa ha sottolineato che il suo assistito si è volontariamente ripresentato alla Procura di Varese per farsi estradare in Svizzera, dopo che era già stato scarcerato tra il febbraio e il dicembre 2020: «Un chiaro segno che vuole cambiare pagina, una volta espiata la pena», ha evidenziato il legale. Che ha aggiunto: «L’imputato ha ammesso i fatti così come riportati dall’atto d’accusa. Se non ha raccontato tutto è perché ha buone ragioni per temere ripercussioni contro la sua famiglia. Lui ha avuto un ruolo più da gregario, eppure non ha voluto appesantire la posizione del correo. L’avvocato Bazzi ha inoltre sottolineato che il 37enne il prossimo novembre dovrà rispondere in Italia per altri reati: si tratta di una coda delle rapine, segnatamente del reato d’incendio doloso per avere dato fuoco nella località di Bisuschio all’auto usata per compiere il terzo colpo. Un gesto per cancellare ogni traccia, ma che gli inquirenti sono invece riusciti a scoprire.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
2 ore
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
6 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
6 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
6 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
15 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
16 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
17 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
18 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
18 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
19 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
© Regiopress, All rights reserved