laRegione
mendrisio-la-rete-di-teleriscaldamento-prende-forma
archivio Ti-Press
La centrale sarà realizzata all’Osc
laR
 
14.09.21 - 16:29
Aggiornamento : 17:19

Mendrisio, la rete di teleriscaldamento prende forma

Grazie alla partecipazione della Città a una società con il Cantone, sarà il quarto vettore energetico delle Aziende Industriali. Parola al Consiglio comunale

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La nascita della ‘Teleriscaldamento del Mendrisiotto’ è una “visione lungimirante”. È favorevole il rapporto della Commissione della gestione (due firme sono con riserva) e della Commissione delle petizioni di Mendrisio sulla proposta del Municipio di riconoscere il teleriscaldamento quale servizio d’interesse comunale, con l’adesione alla nuova società con una partecipazione di 500mila franchi, preceduta nei mesi scorsi dalla firma di una lettera d’intenti con il Cantone e la Teris (società a partecipazione cantonale). Come si legge nel rapporto firmato da Simone Galli e Gabriele Ponti (Plr) per la Gestione e Niccolò Bordogna (Plr) per le Petizioni, “la costruzione di questo impianto permetterà di ottenere energia da una fonte rinnovabile, alternativa e a chilometro zero che permetterà di stabilizzare i prezzi dell’approvvigionamento degli stabili collegati, evitando così le sempre maggiori fluttuazioni dei prezzi del mercato energetico”. Nel messaggio, il Municipio aveva definito questo passaggio come “indispensabile per dare una chiara svolta all’approvvigionamento in energia rinnovabile”. La decisione finale sarà presa dal Consiglio comunale: la seduta è convocata lunedì 20 settembre al Centro manifestazioni mercato coperto.

Centrale termica all’Osc

La ‘teleriscaldamento del Mendrisiotto Sa’ si occuperà di progettare, costruire e gestire la nuova rete di teleriscaldamento che avrà come nodo principale la centrale che verrà ubicata all’interno dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale (Osc) di Mendrisio, vicino all’attuale laboratorio protetto. Il progetto, si legge ancora nel rapporto, “prevede la realizzazione a tappe di una centrale termica con l’obiettivo di fornire teleriscaldamento agli stabili dell’attuale comparto Osc e il comparto scolastico in una prima fase, per poi estendere il servizio all’Ospedale Beata Vergine, alle scuole Canavee, alle case di riposo Torriani così come agli edifici dell’Accademia di architettura”. Il capitale iniziale servirà a finanziare il credito di progettazione del nuovo impianto. Un’opera che, ricordano i commissari, di fatto “erige il teleriscaldamento a quarto vettore energetico delle Aziende industriali di Mendrisio”. L’investimento complessivo dell’opera sarà di 15 milioni: sarà compito della ‘Teleriscaldamento del Mendrisiotto Sa’ – i rappresentanti della Città di Mendrisio nel Consiglio d’amministrazione saranno il direttore delle Aim Gabriele Gianolli e il capodicastero Massimo Cerutti – occuparsi di ottenere i finanziamenti necessari dagli istituti di credito.

Le rassicurazioni

Nel rapporto commissionale viene indicato che, per essere finanziariamente sostenibile, il prezzo dell’energia per l’utente finale è di 12 cts/kWh. Un costo “decisamente interessante per gli utenti a consumi limitati”. Per le grandi strutture si parla invece di un maggior prezzo di 0,4 cts/kWh. “Le dovute rassicurazioni della sostenibilità sono garantite dalla lettera d’intenti sottoscritta dal Cantone che garantisce che l’approvvigionamento dei propri stabili presenti sul territorio della Città di Mendrisio avverrà tramite la Teleriscaldamento del Mendrisiotto Sa”. Oltre che a migliorare l’impatto ecologico, il progetto “permetterà di ottenere indotti economici per l’industria locale del legno”.

Ci sarà una seconda fase

Il progetto verrà realizzato a tappe. Come spiegato dall’esecutivo nel messaggio, la seconda fase della rete di teleriscaldamento “sarà realizzata secondo le richieste e le tempistiche di allacciamento degli stabili”. Sarà quindi una fase “prettamente d’interesse comunale”. Il Municipio precisa che “sarà sicuramente possibile estendere il progetto includendo anche altre zone della Città (le Aim hanno fatto eseguire recentemente uno studio di fattibilità per la zona di San Martino)”. Sarà quindi ipotizzabile, aggiungono i commissari, “garantire l’integrazione delle grandi opere in fase di realizzazione, come il nuovo comparto scolastico”.

A livello ambientale

L’analisi del messaggio ha portato i commissari a chinarsi anche su un’analisi ambientale del progetto. Progetto che “si allinea alle politiche federali in materia energetica 2050, in quanto la realizzazione della rete di teleriscaldamento è positiva grazie alla neutralità in materia di CO2 del cippato”. Passando agli ossidi di azoto, “si può affermare come l’ubicazione nei pressi dell’autostrada del futuro impianto sia particolarmente adatta in quanto la concentrazione di questi elementi decresce rapidamente con l’allontanarsi dalla fonte. Lo stesso vale per le Pm10, inquinante particolarmente importante per la salute della popolazione”.

Leggi anche:

La rete di teleriscaldamento si diffonde nel Distretto

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
4 ore
L’Ispettorato del lavoro sanziona l’‘operazione TiSin’
L’autorità contesta a un’azienda la legittimità del contratto stipulato insieme al sedicente sindacato leghista per aggirare il salario minimo
Locarnese
5 ore
Giallo di Solduno, indagini a tutto campo
Per la morte del 25enne, rinvenuto senza vita e con una ferita al volto dopo diversi giorni, gli inquirenti non escludono nessuna ipotesi
Bellinzonese
5 ore
Piazza ex Mercato, un ‘sentiero’ in granito verso Palazzo civico
La riqualifica dell’area a Bellinzona è sul tavolo dell’Ufficio dei beni culturali. L’intenzione è di presentare un messaggio municipale entro fine anno
Ticino
6 ore
L’Ocst: ‘No a un’altra riduzione delle rendite pensionistiche’
L’Organizzazione cristiano sociale chiede che inizi subito una trattativa con il governo per concordare una soluzione che mantenga l’attuale livello
Luganese
6 ore
Lugano, una spiaggetta in ghiaia lungo Riva Caccia
Mozione interpartitica chiede di riqualificare e rendere accessibile il lago a favore della cittadinanza, piante acquatiche e pesci
Mendrisiotto
6 ore
Il ‘caso TiSin’ finisce in Pretura per mano di una lavoratrice
Licenziata per non aver firmato il contratto, l’ex dipendente di una ditta di Stabio reagisce al licenziamento e fa causa al datore di lavoro
Bellinzonese
6 ore
Bellinzona, prime misure per la riorganizzazione della scuola
La nomina di 3 vicedirettori e la prevista figura di un responsabile generale segue l’obiettivo di sgravare i direttori d’area dalla parte amministrativa
Ticino
7 ore
Attenzione alla ‘pioggia’ di multe: ecco dove saranno i radar
Come ogni venerdì, la Polizia cantonale comunica l’elenco dei comuni oggetto la prossima settimana dei controlli elettronici della velocità
Bellinzonese
7 ore
Galleria del Gottardo chiusa per incidente con feriti
Le collisioni intorno alle 14.15 nella parte urana del traforo. Tunnel chiuso fino a nuovo avviso
Locarnese
12 ore
Globus e botteghe Varenna a Locarno, progetto pronto
Proposte ad ampio respiro per gli edifici affacciati su Largo Zorzi: negozi, appartamenti, terrazza, percorso pedonale e un boutique hotel
© Regiopress, All rights reserved