laRegione
aziende-e-salari-serve-una-vera-politica-del-lavoro
Che direzione si sta prendendo? (Ti-Press)
Mendrisiotto
13.09.21 - 18:380
Aggiornamento : 19:23

Aziende e salari, ‘serve una vera politica del lavoro’

Il caso delle tre industrie fa reagire l’AlternativA di Mendrisio. E i Verdi replicano a Ticino Manufacturing

Non è andata giù a gran parte della politica regionale e cantonale l’operazione messa in campo dalle tre industrie del Mendrisiotto, pronte a virare verso un Contratto collettivo di lavoro. Quel Ccl che dà loro modo di evitare l’introduzione del salario minimo, ora ancorato alla legge cantonale e in vigore da dicembre. Anche le dichiarazioni di Ticino Manufacturing hanno fatto subito reagire i Verdi del Ticino, che alla nuova norma e alla sua valenza sociale “hanno sempre creduto fino in fondo”.

Verdi: ‘Nessuno li rimpiangerà’

Si minaccia la delocalizzazione? “Non possiamo che ribadire quanto abbiamo sempre sostenuto: a chi giova mantenere sul territorio ticinese aziende senza valore aggiunto? – interroga il gruppo –. Non al territorio e non ai lavoratori. Quindi se dovessero partire nessuno li rimpiangerà”, taglia corto. Ciò non toglie che quanto sta accadendo nel distretto lascia “perplessi” i Verdi. In effetti, è una questione di dignità salariale. “Se le aziende con Ccl sono state escluse dalla normativa – rendono attenti in una nota – è perché si dà per scontato che il quadro complessivo delle condizioni di lavoro siano superiori al minimo, non certo per aggirare la legge pagando salari da fame. Se i partner sociali sono i primi a fare i furbetti bisognerà impedirglielo”.

AlternativA: ‘Serve una vera politica del lavoro’

A dar voce alle sue preoccupazioni, di fronte a quel “maldestro e pericoloso tentativo di aggirare la volontà popolare espressa nella votazione sul salario minimo e i diritti di lavoratrici e lavoratori ticinesi, già da troppo tempo sotto attacco”, è altresì l’AlternativA di Mendrisio. Del resto, due delle tre aziende – Plastifil e Ligo Electric – hanno la loro base in Città. Questo episodio, si richiama in una nota, “dimostra una volta ancora come la strategia politica consistente nell’effettuare concessioni, anche considerevoli, al settore privato (che sia sotto forma di sgravi fiscali, di agevolazioni sui Piani regolatori, di incentivi diretti, …) aspettandosene poi in cambio una ricaduta positiva per il pubblico (posti di lavoro, entrate fiscali e tutta la trickle down economy cantante) non funziona senza precise regole, condizioni e controlli: non funziona, insomma, se lo Stato rinuncia del tutto al suo ruolo in nome della maggiore libertà di mercato possibile”.

Per il gruppo sarebbe “ora di promuovere una vera politica del lavoro, una solida politica occupazionale, pensando a sviluppare i settori legati alla cura e all’ambiente”. Con una speranza: “Che l’accaduto sia di monito a chi, in tutto il Ticino, ancora porta avanti l’idea che lo Stato debba delegare il più possibile alla buona fede dei singoli (alla responsabilità individuale, per sfondare una porta aperta di questi tempi), che la colpa dei salari bassi non sia da cercarsi sul nostro territorio e che regole e controlli non servono perché nessuno – almeno nessuno dei nostri – può essere malintenzionato”.

A ‘inquietare’ tanto i Verdi a livello cantonale che l’AlternativA (Verdi e Sinistra) cittadina sono poi i legami politici dietro le quinte. E il riferimento neanche troppo velato è alla Lega dei ticinesi, sostenitrice, ricordano i Verdi, del salario minimo. “Sembra paradossale – scrivono – che prima si è a favore di buste paga più dignitose per favorire un maggior numero di lavoratrici e lavoratori residenti, e poi si fa in modo di favorire l’assunzione quasi esclusiva dei frontalieri aiutando aziende a sottoscrivere Contratti collettivi con salari indegni”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 min
Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti
La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Locarnese
47 min
Il ragazzo pestato è tornato a casa
La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
1 ora
La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere
L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
2 ore
Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva
Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
7 ore
Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo
Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
7 ore
Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo
A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
7 ore
Gole profonde... per legge
Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
7 ore
Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360
Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
12 ore
Locarno, ancora un caso pestaggio in centro
Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
14 ore
Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’
Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile