laRegione
26.08.21 - 16:47

Un credito per la rigenerazione del bosco di protezione

È quanto chiede in un messaggio il Municipio di Castel San Pietro. Sono stati otto i comparti danneggiati dal maltempo a inizio ottobre del 2020.

un-credito-per-la-rigenerazione-del-bosco-di-protezione
I danni in quei giorni erano stati ingenti (Archivio Ti-Press)

Rigenerare il bosco di protezione in diverse aree del territorio comunale. È con questo scopo che il Municipio di Castel San Pietro ha licenziato un messaggio nel quale chiede al Consiglio comunale di approvare un credito di 310’000 franchi. Il 70% della spesa sarebbe comunque coperta dal Cantone. L'intervento si è resa necessaria “a causa della tempesta di scirocco del 2 e 3 ottobre 2020 che si è abbattuta sulla regione, danneggiando con la caduta di alberi numerosi comparti boschivi”, si legge nel testo. Una prima stima aveva rilevato che a essere colpite dalla tempesta erano state otto zone, per un'area complessiva di circa 44 ettari, con 1’600 metri cubi di legname abbattuti. Una serie di primi interventi, autorizzati con la clausola dell’urgenza e già terminati, sono stati fatti negli scorsi mesi. Nel contempo il municipio ha affidato a uno studio d’ingegneria l’allestimento di un progetto selvicolturale, “necessario per beneficiare degli importanti sussidi federali e cantonali”. Dalle analisi è emerso che “il principale rischio connesso all’attuale situazione d'instabilità è lo scivolamento del materiale a valle, uno dei pericoli da prevenire a protezione dell’abitato, della via commerciale e dei sentieri”. Il progetto prevede pure il rifacimento di un muro a secco e il ripristino di un tratta di 250 metri di sentiero nella zona sopra il grotto Loverciano, area che è stata gravemente danneggiata dalla caduta di piante. Oltre la metà dei terreni boschivi toccati si trova su proprietà private, “tuttavia trattandosi di una situazione d’emergenza e dell’importante interesse collettivo, il Municipio si è promosso quale ente esecutore e si prende a carico i costi d’intervento”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Ticino
1 ora
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Luganese
4 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
4 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
12 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
14 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
14 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
15 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
15 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
15 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
© Regiopress, All rights reserved