laRegione
mendrisio-il-parco-di-villa-argentina-si-ricompone
Si ridisegna il perimetro del giardino storico (Ti-Press)
Mendrisiotto
24.08.21 - 17:500

Mendrisio, il Parco di Villa Argentina si ricompone

Il Municipio è pronto a far suo il terreno collinare privato di 18mila metri quadri. Nel piatto ci sono 8 milioni di franchi, come stimato dai giudici

L'identità di una città si legge anche attraverso la sua anima 'verde'. E ora che Mendrisio è a un passo dal sentire davvero suo (e per intero come un tempo) il Parco di Villa Argentina, ci sarà una ragione in più per dirsi pienamente una realtà urbana. Perché, come ricorda lo stesso sindaco Samuele Cavadini, occorre avere la «cultura della città», con tutto ciò che questo comporta. Si può ben dire, dunque, che il momento è di quelli importanti e da ricordare per il Municipio: dopo anni di discussioni, anche animate, ricorsi e vertenze si è arrivati a mettere la parola fine su una vicenda che ha impegnato più di un politico, tanto sullo scranno dell'esecutivo che fra i banchi del legislativo. Certo, c'è voluta la sentenza di un Tribunale, quello di espropriazione - al quale ci si è appellati nel 2017 - per chiudere la partita.

Per finire, gli oltre 18mila metri quadrati del terreno collinare, sin qui in mani private, saranno dunque parte integrante di uno dei comparti considerati strategici (come ricordato dal sindaco) del Comune. Mendrisio mette sul tavolo 8 milioni di franchi e non solo indennizza i proprietari - che nel 2008 erano pronti a costruirvi sei stabili residenziali -, ma include l'area nel perimetro del giardino storico. E tutto ciò con la benedizione dei giudici, i quali, oltre a fissare il prezzo del terreno - a 760 franchi il metro quadro - hanno accolto la richiesta del Municipio di procedere con un esproprio formale, ovvero l'acquisto vero e proprio del fondo. A questo punto per dare l'ultima accelerata non manca che il sigillo del Consiglio comunale, al quale è giunta di recente una anticipazione per voce dei capigruppo.

Un atto dovuto

Dalla petizione del 2009 che invocava - forte di 2'870 firme - lo stop alle ruspe e chiedeva di comperare quel terreno a monte del giardino, di strada se ne è macinata, e spesso e volentieri in salita. L'ultimo passo compiuto, però, vale gli sforzi profusi sin qui. Oggi, rimarca il sindaco Cavadini, che nel 2009 era peraltro tra i firmatari della mozione interpartitica che dava forma e sostanza alle aspirazioni popolari, vi è «una nuova consapevolezza di dotarsi di un parco cittadino a beneficio della popolazione e con una connotazione pubblica». Come dire più verde e occasioni di svago per tutti. Adesso più di prima, in effetti, ci si rende conto, del resto, che quella proprietà era ben più di un prato. «Il Municipio - annota ancora il sindaco - ha capito e metabolizzato la volontà di creare un polmone verde, inteso appunto come parco cittadino». Il sindaco rivendica alla politica una attenzione verso gli spazi verdi. Ecco che il messaggio municipale recapitato ai consiglieri comunali rappresenta, ribadisce, «un atto dovuto» a fronte di quanto manifestato più volte.

I conti tornano

Alla fine anche i conti della Città, tutto sommato, sono tornati. Il Tribunale di espropriazione con la sua valutazione ha confermato che la perizia condotta a suo tempo, e che prospettava la possibilità di doversi muovere, quanto a costo del terreno, in una forchetta fra i 5 milioni e mezzo e gli 8 milioni e mezzo - ovvero la spesa massima e la somma accantonata da tempo nei piani finanziari comunali -, non era fuori strada. I proprietari che, come annota il sindaco, sinora non hanno fatto sapere nulla in merito alle loro intenzioni, dal canto loro avevano alzato un po' la posta, rivendicando 10 milioni e mezzo. Ora, però, i giudici hanno parlato.

La pianificazione invece 'deborda'

Il parere del Tribunale di espropriazione non è giunto certo inaspettato, soprattutto su un altro aspetto. In effetti, il Municipio cittadino si è sentito dire, una volta di più, che il Piano regolatore (Pr) del Quartiere di Mendrisio risulta essere sovradimensionato; di conseguenza non è conforme alla Legge federale sulla pianificazione del territorio. Infatti la prima variante in linea con le norme federali è quella approvata dal Cantone nel 2017 e che fissa i contenuti del Parco (incluso il terreno collinare), riducendo il potenziale edilizio.

In una tale situazione rendere non più edificabile un fondo che lo è non comporterebbe neppure un indennizzo per procedere all'esproprio materiale. L'area al centro della querelle giuridica, oggi sciolta, rientra però nelle eccezioni, essendo stata già urbanizzata. Tanto da aver fissato un risarcimento. Indietro (anche a livello pianificatorio) non si può tornare. Così, come anticipa Francesca Luisoni, a capo del dicastero Pianificazione, sul Pr del Borgo verrà presentata «una strategia ad hoc» per ridurre le aree edificabili.

Sul Parco una variante di Pr acquisita

Sono già stati codificati, invece, i contenuti della variante di Pr tratteggiata nel 2017 sul comparto e che pone un vincolo pubblico anche sull'uso degli oltre 18mila metri quadri collinari. Una proposta pianificatoria, quella ormai cresciuta in giudicato, chiamata, come ricorda lo stesso esecutivo nel suo messaggio, a "proporre una soluzione per garantire la massima fruibilità e l’integrazione del parco pubblico da una parte, e dall’altra considerare le esigenze di sviluppo sul lungo termine del comparto, per contribuire a rafforzare il ruolo di Mendrisio Città Universitaria".

All'interno del terreno che si sta per acquisire, come ribadisce Francesca Luisoni, si inserisce una parte edificabile - si parla di una superficie di circa 3mila metri quadri -, quale estensione del campus universitario, quindi a vocazione formativa e scolastica. Una destinazione, quest'ultima, che aveva fatto dibattere in Consiglio comunale: c'era chi avrebbe voluto solo parco. Lo sarà il resto della zona collinare, che verrà riservata a "utilizzazione pubblica". D'altro canto, nello stesso comparto comprende una valvola di sfogo pure per le vicine case anziani (Torriani). Questa parte della Città, che affaccia su via Turconi e guarda verso l'ospedale, fa presente da parte sua il sindaco, vede convivere vari interessi; e proprio per questo è strategico.

Al Parco in quanto tale, in ogni caso, si continuerà a pensare: il tema, annuncia la capo dicastero, sarà affrontato fra il 2023 e il 2025. Periodo durante il quale, a piano finanziario, si sono già dedicati 3 milioni di franchi.

 

Guarda le 2 immagini
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
2 min
Disagio nelle case anziani, colloqui con tutti i dipendenti
La Delegazione consortile ha affidato un audit esterno al Laboratorio di psicopatologia del lavoro dell’Organizzazione sociopsichiatrica cantonale
Locarnese
48 min
Il ragazzo pestato è tornato a casa
La madre chiede a chiunque abbia delle prove di farsi avanti
Bellinzonese
1 ora
La Lingera (per ora) ha deciso di non decidere
L’edizione 2022 del carnevale di Roveredo è in sospeso, il comitato riunitosi ieri deciderà entro la metà di gennaio
Ticino
2 ore
Coronavirus, 188 casi in più e 11 pazienti in terapia intensiva
Nelle case per anziani gli ospiti attualmente positivi sono 5
Bellinzonese
7 ore
Ritom, rinnovo della funicolare e 2,38 milioni per il turismo
Altre all’ammodernamento dell’impianto, si intende investire per marketing, segnaletica e veste grafica. Previsto anche un ponte tibetano lungo 413 metri
Ticino
7 ore
Babbo Natale è alle prese con qualche grattacapo
A causa di colli di bottiglia nella distribuzione globale, alcuni regali sono difficili da reperire. Ma i commercianti rassicurano: l’offerta resta ricca
Ticino
7 ore
Gole profonde... per legge
Whistleblowing, il Gran Consiglio si appresta a codificare le regole a tutela di chi nell’Amministrazione segnala irregolarità
Bellinzonese
7 ore
Officine di Castione, i tempi pieni salirebbero da 300 a 360
Oggi le Ffs comunicheranno i dettagli del Piano industriale: ecco le prime cifre, che richiedono tuttavia dei chiarimenti sul lato occupazionale
Locarnese
12 ore
Locarno, ancora un caso pestaggio in centro
Un ragazzo di 18 anni vittima di un gruppo di giovani. La denuncia della madre sui social media
Luganese
14 ore
Glamping a Carona, ‘scelta giusta ma ci sono questioni aperte’
Apprezzato anche dal promotore della petizione il progetto premiato dalla giuria e dal Municipio: ’È stato ridimensionato lo spazio ai privati’
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile