laRegione
28.07.21 - 17:18
Aggiornamento: 29.07.21 - 08:16

Tagli alla Burberry, ridotto il numero di licenziamenti

Sindacati e azienda hanno trovato un accordo su un piano sociale e sulle misure di accompagnamento per i dipendenti toccati

tagli-alla-burberry-ridotto-il-numero-di-licenziamenti
L'intervento dei sindacati ha dato i suoi frutti (Archivio Ti-Press)

È giunta alla fine la trattativa, tra sindacati e azienda, in merito al licenziamento collettivo alla Burberry di Mendrisio. La misura, in un primo momento, avrebbe dovuto toccare 15 dei 35 dipendenti impiegati presso i due punti vendita al terzo piano del FoxTown. La discussione avvenuta ieri tra le parti ha però portato dei risultati significativi, come ci conferma telefonicamente il segretario regionale Unia Ticino e Moesano Giangiorgio Gargantini: «Siamo riusciti a ridurre il numero di licenziamenti, che non saranno quindi più 15 come previsto in un primo momento». Per i dipendenti che saranno lasciati a casa è inoltre stato trovato un accordo in merito a un piano sociale e a una serie di misure d'accompagnamento. Dipendenti e sindacati si sono invece riuniti questa mattina per fare il punto della situazione. Un incontro che ha dato la luce verde all'accordo dato che l'ultima parola spettava ai lavoratori. «Quella di oggi resta comunque una giornata difficile e non si può certo esprimere soddisfazione quando delle persone perdono il proprio posto di lavoro. Ai collaboratori lasciati a casa va tutta la nostra solidarietà». 

‘Lavoro di squadra’

Sulla stessa lunghezza d'onda anche il commento di Giorgio Fonio, segretario regionale Ocst Mendrisiotto: «Il dispiacere oggi resta, e non lo si può negare. Allo stesso tempo possiamo dire che un risultato è stato raggiunto. Da parte dell'azienda abbiamo osservato che un gesto nei confronti dei lavoratori è avvenuto». A rendere possibile la trattativa, come già riferito negli scorsi giorni, era stata la mancata apertura dei punti vendita lunedì. Un braccio di ferro che aveva spinto il noto marchio di moda britannico a sedersi a un tavolo per discutere. «È stato fatto un ottimo lavoro d'insieme tra noi, Unia e i dipendenti», ha riconosciuto il segretario Ocst. 

Denunciati i modi

A finire nell'occhio del ciclone erano stati soprattutto i modi utilizzati dall'azienda per comunicare i tagli. Ai dipendenti una prima notizia sull'avvio di una procedura di consultazione, a seguito di un possibile licenziamento collettivo, era giunta lo scorso 28 giugno, con il successivo intervento dei sindacati. L'apice, secondo gli interessati, lo si era invece raggiunto venerdì scorso quando una mail comunicava la conclusione della procedura. Nel messaggio di posta elettronica si dava inoltre uno spazio di tempo minimo (meno di un'ora) ai dipendenti che volevano lasciare volontariamente il posto di lavoro per mandare eventuali comunicazioni. La questione si è conclusa quindi quest'oggi con il punto d'incontro raggiunto tra le parti. 

Leggi anche:

‘Abbiamo una trattativa’, Burberry rialza le serrande

Licenziamenti alla Burberry, bocche cucite sulle trattative

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
I 25 anni della Supsi secondo Gervasoni, tra successi e futuro
L’importanza della formazione professionale, i ricordi di quell’acronimo che faceva sorridere e ora è un’istituzione, gli obiettivi da raggiungere (tanti)
Ticino
1 ora
‘Si allarghino le fasce di reddito per i sussidi cassa malati’
L’iniziativa del Ps e i due rapporti allestiti saranno al centro della prossima seduta della Commissione parlamentare sanità e sicurezza sociale
Luganese
4 ore
Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà
Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi
Bellinzonese
4 ore
Necessari 45 milioni per il nuovo Ior a Bellinzona
Studio di fattibilità concluso: oltre ai 12 laboratori sono previsti una mensa e un auditorium, e forse anche un asilo nido per i figli dei ricercatori
Locarno
12 ore
Originalità e ambizione: la Cultura è in due parole
Direzione dei Servizi, con il bando uscito ieri la Città di Locarno cerca una figura in grado di ridisegnare l’intera struttura
Ticino
14 ore
Mafie in Ticino: ‘Tanti i progetti, ma sono davvero operativi?’
A chiederlo è il deputato Quadranti (Plr) sentito in audizione dalla Commissione giustizia e diritti in quanto non soddisfatto delle risposte del governo
Mendrisiotto
14 ore
Aim di Mendrisio, crediti quadro più ‘trasparenti e oculati’
La Commissione della gestione richiama le Aziende sull’uso di questo strumento finanziario. E smagrisce l’investimento richiesto di quasi 2 milioni
Bellinzonese
15 ore
Giardinieri multati a Bellinzona, ‘le regole sono chiare’
Consegna del verde agli ecocentri, il Municipio replica alle critiche e ammette però la presenza di eccezioni: ‘Solo se accompagnati dai proprietari’
Locarnese
15 ore
Ginecologia e ostetricia, si valuta la collaborazione
Nel Locarnese approfondimenti in corso: nascite alla Carità e ginecologia operatoria alla Santa Chiara
Luganese
15 ore
Campo Marzio nord di Lugano, avviato l’iter senza variante di Pr
Polo turistico e congressuale: il Municipio chiede 306’000 franchi e la revoca della modifica pianificatoria votata dal Consiglio comunale nel 2017
© Regiopress, All rights reserved