laRegione
27.07.21 - 21:30
Aggiornamento: 21:55

Villa Argentina a Mendrisio: Municipio e capigruppo al tavolo

L'esecutivo ha aggiornato sulla sentenza del Tribunale di espropriazione. Ma sul valore del terreno privato non trapela nulla

villa-argentina-a-mendrisio-municipio-e-capigruppo-al-tavolo
Villa Argentina (Ti-Press)

L'attesa è stata lunga a Mendrisio (e ancora non sembra essere finita). Lunga quanto basta, almeno, per alzare l'asticella delle aspettative della politica locale e far crescere la curiosità attorno al verdetto pronunciato di recente dal Tribunale di espropriazione. Del resto, ne va da tempo del futuro del Parco di Villa Argentina. È inevitabile, quindi, che premano gli interrogativi. Su tutti uno: è bastata la riunione di questa sera, martedì, nella sala del Consiglio comunale per sciogliere tutti i nodi? Ma soprattutto, per rispondere alle domande rimaste in sospeso fin dal 2017? Ovvero da quando si è aperta la vertenza fra il Municipio della Città e i proprietari dei 18mila metri quadrati collinari che, nelle intenzioni comunali, daranno modo di completare il perimetro del giardino storico che gode della tutela cantonale. Una cosa la si è capita: dentro Palazzo civico ci si va ancora con i piedi di piombo. A tal punto che nessuno, per ora, si lascia sfuggire nulla. In effetti, vi è ancora la possibilità di impugnare la decisione di prima istanza e di appellarsi al Tribunale amministrativo cantonale.

A tu per tu nella sala consiliare. Ma bocche cucite

I giudici, loro, hanno deciso: questo è certo. Ma alla sentenza si avrà accesso solo a fine agosto, una volta che sarà cresciuta in giudicato. Non prima di allora. Neppure i cinque capigruppo delle forze politiche che siedono fra i banchi del legislativo - Plr, Ppd, AlternativA e Lista civica Per Mendrisio -, oggi, hanno potuto avere fra le mani il responso del Tribunale, chiamato a fare chiarezza sul valore del terreno che l'esecutivo intende acquisire. Infatti, per il momento si sono dovuti accontentare della sintesi concessa dall'autorità comunale guidata dal sindaco Samuele Cavadini. Dall'incontro, insomma, non trapela nulla. I portavoce dei partiti hanno la bocca cucita: il Municipio ha chiesto loro di mantenere il riserbo su quanto si sono detti, faccia a faccia. Solo dopo il 25 agosto prossimo, quando le posizioni saranno chiare, se ne potrà sapere di più. A quel punto si capirà se gli 8 milioni e mezzo accantonati da tempo - e che figurano nel Piano delle opere prioritarie che si rifà al periodo 2014-2020 - bastano per chiudere la trattativa e concludere, di fatto, il più grande dezonamento mai realizzato.

Certo tutto dipende dalla valutazione operata dal Tribunale e da quanto hanno pesato le argomentazioni dell'ente locale: dai lavori di ricostruzione di diverse parti dei muri perimetrali ottocenteschi demoliti in modo abusivo dai proprietari al fatto che il progetto edilizio presentato a suo tempo e mai pubblicato non era risultato conforme. Ecco perché sarà importante per il Municipio leggere con attenzione gli elementi giuridici ancorati alla sentenza.

La cronistoria

Edificata nel 1872 dall’architetto Antonio Croci, Villa Argentina ha da sempre incrociato, d'altro canto, la storia di Mendrisio. In particolare da quando, nel 1989, il Comune del Borgo ha acquisito magione e parco. La prima è divenuta sede dell’Accademia di architettura; il secondo ha da tempo l’ambizione di estendere e completare i suoi confini, includendo quel terreno collinare - il solo privato rimasto - al centro di tante attenzioni in questi ultimi anni. Motore la volontà popolare (fin dalla petizione del 2009), come prima mossa sono state messe le basi pianificatorie. Basi consolidate e rafforzate l’anno scorso dal governo cantonale, che ha certificato l’estensione della protezione cantonale a tutto il giardino storico, e con essa il vincolo di salvaguardia. Adesso, come detto, a imprimere una nuova svolta vi è la decisione del Tribunale, che pone un primo punto fermo alla vertenza aperta nell'ottobre 2017 tra il Municipio della Città e i proprietari del fondo, di mezzo l’esproprio dei 18mila metri quadrati sotto i riflettori e finiti sul tavolo dei giudici.

Leggi anche:

Esproprio a Villa Argentina, il Tribunale ha detto la sua

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
45 min
Il futuro dell’aeroporto? Lo deciderà il legislativo di Lugano
Anche voci contrarie allo scalo nella serata pubblica organizzata a Bioggio, con il municipale Filippo Lombardi e il consigliere nazionale Bruno Storni
Ticino
2 ore
‘Nessun soccorso rossoverde per salvare il posto a Claudio Zali’
È il messaggio lanciato da Fabrizio Sirica. ‘È il padre cantonale del progetto PoLuMe. Rappresenta una finta ecologia che vogliamo combattere’.
Gallery
Mendrisiotto
5 ore
Laveggio, i giorni passano e i problemi restano
Nelle acque del fiume si nota ancora la presenza di materiale argilloso. Segnalazione all’Ufficio caccia e pesca
Ticino
6 ore
Nel 2050 obiettivo -90% di emissioni di CO² e consumi dimezzati
Il governo mette in consultazione il nuovo Piano energetico e climatico cantonale. Zali: ‘Allungare il passo, no a tasse e divieti. Sì agli incentivi’
Bellinzonese
7 ore
Lattodotto, elettrodotto e acquedotto per l’Alpe Angone-Crestumo
Il Consiglio di Stato chiede di stanziare un contributo cantonale massimo di quasi 840mila franchi, per un investimento complessivo di 2,35 milioni
Ticino
7 ore
‘Uno statuto speciale per gli agenti della Polizia cantonale’
Mozione dei deputati del Centro Claudio Isabella e Giorgio Fonio: occorre un regolamento maggiormente consono alle esigenze di servizio
Bellinzonese
8 ore
Il lupo banchetta vicino alle case di Dalpe: ‘Siamo preoccupati’
Il Cantone segnala la predazione odierna di un cervo. Il sindaco attende dal governo una risposta ai timori e indicazioni su come comportarsi
Locarnese
8 ore
Ronco s/Ascona, le stime di spesa inducono fiducia
Preventivo 2023 rassicurante, grazie anche a un forte gettito d’imposta; aumentano spese e introiti. La capacità di autofinanziamento è buona
Ticino
10 ore
Il Cantone ricorre a Instagram per favorire il voto dei giovani
La campagna ‘Io faccio la mia parte’ si rivolge soprattutto alle fasce di elettori dai 18 ai 30 anni con un nuovo canale social e un sito rinnovato
Ticino
13 ore
Via la mascherina obbligatoria nelle strutture sociosanitarie
Le direttive del medico cantonale si trasformano in raccomandazioni. Stop anche ai dati settimanali su contagi, ospedalizzazioni e decessi legati al Covid
© Regiopress, All rights reserved