laRegione
21.07.21 - 16:33
Aggiornamento: 18:58

Il Ppd rilancia su Vigino: 'Il Cantone salverà la Masseria?'

Tre deputati momò richiamano l'attenzione sulla Legge sulla protezione dei beni culturali a fronte di uno stabile pubblico

il-ppd-rilancia-su-vigino-il-cantone-salvera-la-masseria
Il Mendrisiotto ha gli occhi puntati (Ti-Press)

Nel Mendrisiotto si fa fatica a digerire l'idea che la Masseria di Vigino possa cadere sotto il peso degli anni e dell'incuria. Ma soprattutto, non si riesce ancora a capire i motivi che hanno portato al naufragio delle trattative con la Fondazione privata pronta a farsi carico di una operazione mirata a salvare questa testimonianza della prima metà del XV secolo. E ciò, nonostante le perorazioni dell'Ente regionale per lo sviluppo (Ers) e del Municipio di Castel San Pietro, Comune dove l'edificio ha sede e che ha posto le basi pianificatorie per un suo recupero. Infrante così speranze e aspirazioni, ci si chiede se il motivo sia stato solo una questione di prezzo, quello del complesso, peraltro un bene protetto, modificato al rialzo dal Cantone, ovvero dal suo proprietario. Inevitabile, quindi, che il tema continui a tenere banco nel Distretto e fra i politici locali, sull'onda di un dibattito rimbalzato di recente da queste pagine.

La domanda che preme a questo punto è una sola: "Vi è un interesse concreto da parte del Cantone a voler salvaguardare la masseria di Vigino, dando un segnale concreto a tutto il Mendrisiotto?". Insomma, a livello cantonale si vuole salvare la masseria? I primi a chiederselo in questi giorni sono stati, del resto, tre granconsiglieri del Ppd del Mendrisiotto, Luca Pagani, Giorgio Fonio e Maurizio Agustoni, tornati alla carica con il Consiglio di Stato. Risposte e spiegazioni sin qui non sono state sufficienti per archiviare il dossier senza reagire.

La preoccupazione corre nel territorio

In questi tempi lo si è toccato con mano. Si è vista in particolare, annota i tre deputati, "la grande preoccupazione del territorio e dei suoi cittadini in merito al destino della masseria di Vigino, sia per il suo valore storico/culturale, sia per la valorizzazione del territorio". Anche le ragioni, come detto, sono evidenti: c'è il fatto che la masseria sta cadendo in rovina; e vi è, come ricordano i parlamentari in una interrogazione al Cantone, "la brusca interruzione delle trattative fra il Cantone stesso e un privato interessato a ristrutturare lo stabile tramite una fondazione, secondo il progetto a suo tempo elaborato, investendo qualcosa come 8 milioni di franchi, con la mediazione dell’Ers e segnatamente del suo presidente - di allora, Corrado Solcà, ndr - e di Alessia Ponti, sindaco di Castel San Pietro".

Come già riferito da laRegione e qui ribadito, "a quanto dato è di sapere, il motivo del fallimento della trattativa sembra ricondursi all’aumento del costo della vendita dell’immobile e a un atteggiamento di rigidità e di chiusura da parte del Cantone nei confronti di tutti gli interlocutori". Un approccio smentito dall'autorità cantonale, ma senza aver convinto gli enti locali.

Il bene è protetto e la Legge parla chiaro

Su un dato, di fatto, nessuno può polemizzare: non solo il bene è dello Stato, ma essendo tutelato sottostà, ricordano Pagani, Fonio e Agustoni, alla Legge cantonale del 13 maggio 1997 sulla protezione dei beni culturali. Bastano, d'altra parte, tre punti e altrettanti articoli per cogliere l'essenza della legislazione e le sue implicazioni. Le disposizioni sono chiare, come rimarcano i tre gran consiglieri del Ppd, "i proprietari sono responsabili della tutela dei beni culturali di loro appartenenza (art. 5 cpv. 2); la protezione di un bene culturale si estende all'oggetto nel suo insieme, in tutte le sue parti e strutture interne ed esterne (art. 22 cpv. 1); il proprietario di un bene culturale protetto ha l'obbligo di conservarlo nella sua sostanza, provvedendo alla manutenzione regolare (art. 23)". Ecco che le aspettative nei confronti del Cantone da parte del Distretto sono alte.

'Che futuro vede il Cantone per Vigino?'

Di conseguenza, c'è un interrogativo al quale i parlamentari attendono una delucidazione da parte del governo: "La situazione attuale dello stabile è conforme alla Legge sui beni culturali?". E qui si aprono due strade; quindi, "in caso di risposta negativa, come intende il Consiglio di Stato intervenire affinché la Legge sia rispettata?". Ma soprattutto, insistono, "quale futuro vede oggi il Cantone per la masseria di Vigino alla luce del fallimento delle trattative?". Ed è "immaginabile una ripresa delle stesse, mostrando una sensibilità diversa a favore di un’intera regione?".

In conclusione, da subito, da quando dieci anni orsono l'Ers ha assunto il mandato cantonale (ora rimesso nelle mani del mittente visto l'epilogo), si era visto il potenziale di un restauro della masseria, sul tavolo un progetto che prospettava la creazione di una 'Maison du terroir' aperta al pubblico, vetrina per i prodotti locali. E qui si innesta l'ultima domanda di Pagani, Fonio e Agustoni: "Negli ultimi anni si sta cercando di promuovere il territorio e il suo potenziale turistico. Non ritiene il Consiglio di Stato che la Masseria di Vigino possa costituire un elemento di particolare attrattiva per il Mendrisiotto e per l’intero Cantone?". Stavolta le risposte del Cantone chiariranno (forse) scenario e possibilità future.

Leggi anche:

Naufraga il recupero della Masseria di Vigino

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 min
Archeologia, antiche ricchezze dissotterrate a Giubiasco
Aperto uno dei quattro tumoli venuti alla luce in un cantiere tra viale 1814 e via Ferriere: ritrovati orecchini, fibule, un pugnale e un’urna funeraria
Bellinzonese
2 ore
Due condanne in tribunale per il ‘caso targhe’
Inflitti 14 mesi con la condizionale all’ex funzionario della Sezione della circolazione, reo confesso. Dieci mesi all’assicuratore
Locarnese
3 ore
Influenza aviaria in un cigno nel Locarnese
Si tratta del secondo caso in Svizzera dopo quello in un’azienda a Zurigo. Il virus si trasmette all’uomo solo in casi rari e per contatto stretto
Ticino
4 ore
Cantonali ’23, candidati del Forum alternativo nella lista Ps
L’assemblea del movimento ha deciso ‘di non voler essere l’ennesimo partitino di sinistra, ma di lavorare a un movimento eco-socialista’. Sirica: ‘Felice’
il video
Bellinzonese
4 ore
Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’
Roveredo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Luganese
4 ore
A Grancia la Posta cambia sede e ‘vestito’
Inaugurati i nuovi spazi, centrali e accessibili. Obiettivo del Gigante giallo creare dei ‘veri e propri centri di servizi’
Ticino
5 ore
In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre
Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
6 ore
Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco
Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
7 ore
È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona
Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Luganese
8 ore
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa
© Regiopress, All rights reserved