laRegione
14.06.21 - 05:30
Aggiornamento: 11.07.21 - 15:07

Ragazzi in campo a Chiasso per la biodiversità

Il progetto ‘Officina 2021’ ha coinvolto 90 giovani di diverse età. Realizzate tre case per insetti con mappe e cartelli didattici

ragazzi-in-campo-a-chiasso-per-la-biodiversita
Il riempimento delle casette per insetti (Ti-Press/F.Agosta)

”Un luogo nuovo per custodire e per sperare”. È partito da questa idea il progetto ‘Officina 2021’, che ha coinvolto nel corso degli ultimi mesi circa 90 giovani di Chiasso ed ha visto la sua conclusione venerdì mattina tra le strade e i boschi della città. «Volevamo realizzare qualcosa che permettesse ai ragazzi di uscire dall'isolamento dell'ultimo periodo vissuto ognuno in casa propria – ha spiegato Donatella Lavezzo, una delle promotrici del progetto –. L'idea era anche quella di proporre una giornata finale che fosse un momento di svolta verso un'estate nuova ma, allo stesso tempo, di sensibilizzare su temi importanti come la biodiversità e il rispetto verso il prossimo».

Un lavoro coordinato tra ragazzi di età diverse, ma le varie classi e i vari gruppi hanno svolto tutti un ruolo specifico. Il progetto si è concluso con la realizzazione di tre casette per gli insetti posizionate in punti diversi, ognuna delle quali accompagnata da un cartello didattico, e da una mappa di Chiasso grazie alla quale raggiungerle. «La prima si trova nel parco di viale Stoppa, dove ha sede una delle diverse associazioni coinvolte e ci sono degli alberi molto belli – ci ha raccontato Lavezzo –. La seconda è stata piazzata nei pressi del centro scolastico, mentre l'ultima casetta è stata collocata nelle vicinanze del biotopo del Sottopenz, la principale zona verde di Chiasso».  

‘Un momento di spensieratezza’

Quella di quest'anno è stata la seconda edizione del progetto ‘Officina’, che ha tra i suoi scopi la realizzazione di un momento per dare spazio ai giovani. «Nel marzo 2020 abbiamo creato un tavolo delle idee con persone adulte, grazie al quale creare una sana discussione intergenerazionale – ha proseguito la promotrice del progetto –. Questa volta, invece, abbiamo ideato uno spazio dedicato esclusivamente ai ragazzi». Infatti, ai bambini della scuola dell'infanzia è spettato il compito di raccogliere nel bosco il materiale (foglie, pigne, sassi e cortecce) utile agli insetti per trovare un riparo in futuro. Agli allievi di due sezioni di quarta elementare è toccato l'incarico di preparare i cartelloni e la mappa, presentati venerdì mattina in un momento di condivisione sul piazzale delle scuole. Le classi si sono poi divise per dirigersi verso le tre postazioni e riempire le casette, realizzate grazie al supporto fondamentale dell'Ufficile tecnico comunale. Terminato il lavoro tutti i partecipanti hanno concluso la giornata con un pranzo al sacco in zona Penz. 

‘I ragazzi entusiasti del progetto’

Quello della biodiversità è un tema d'attualità che trova spesso tra i più giovani un terreno fertile sul quale svilupparsi. «I ragazzi si sono detti subito entusiasti del progetto – ha ammesso Alessandra Lurà Vavassori, docente di una delle due classi di quarta elementare coinvolte –. A lezione abbiamo presentato loro diverse abitazioni di varie culture chiedendo d'idearne una per gli insetti. Non hanno esitato ad accettare». Il risultato è quindi stata l'unione di divertimento ed educazione, con gli allievi chiamati a impegnarsi e interagire in nome del rispetto del prossimo e della natura. «La maggior parte del lavoro si è svolta in classe per la realizzazione della mappa e dei cartelli didattici – ha dichiarato Lurà Vavassori –, ma non sono mancate le uscite per fare sopralluoghi e fotografie. Ci tenevano tutti a fare un lavoro impeccabile».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale
La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13:30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
Bellinzonese
1 ora
Fatturato record nel 2022 per Interroll: crescita del 4%
Buon risultato per l’azienda di Sant’Antonino. Malgrado un sensibile calo di nuove commesse, c’è ottimismo per l’anno in corso
Mendrisiotto
7 ore
Nasce a Chiasso l’associazione che promuove lo Street food
Professionisti del settore uniscono le forze per organizzare eventi in tutto il Cantone a partire dalla primavera
Locarno
7 ore
La città cresce. Il Municipio vuole un ‘Programma di azione’
Palazzine in costruzione e progetti per decine di appartamenti, tra rischi e opportunità. L’analisi del capo dicastero sviluppo economico e territoriale
Luganese
15 ore
A Tresa nasce un progetto di reinserimento sociale
Municipio e servizio sociale coinvolgono le aziende per creare opportunità di stage, lavori temporanei o di lunga durata per i giovani in assistenza
Ticino
19 ore
Formazione bilingue, studenti friburghesi nei licei ticinesi
Dopo i cantoni di Berna e Vaud, un nuovo progetto per rafforzare il plurilinguismo
Ticino
19 ore
Si torna a fare il pieno in Ticino
Prezzi benzina: dopo il taglio delle accise in Italia, i frontalieri, e non solo loro, riappaiono nei distributori al di qua del confine
Luganese
20 ore
Bioggio, scontro tra due auto alla rotonda
Un ferito leggero e ingenti danni materiali ai due veicoli coinvolti il bilancio del sinistro tra via Strada Regina e via Longa
Luganese
20 ore
Ricerca di persona sopra Caslano, operazione conclusa
Nelle ricognizioni era stata impegnata la Rega, intervenuta anche con un elicottero con termocamera e visore notturno
Grigioni
21 ore
Il Parco Val Calanca è realtà
Le assemblee comunali di Rossa, Calanca, Buseno e Santa Maria hanno detto di sì con rispettivamente il 100%, il 76%, il 90% e il 100% dei voti
© Regiopress, All rights reserved