laRegione
10.06.21 - 15:59
Aggiornamento: 18:41

‘Il denaro non è infinito’, condannati per truffe Covid

Pene di 26 e 18 mesi sospesi di detenzione per due amministratori e gerenti di società. Alcune di queste si trovano a Chiasso

il-denaro-non-e-infinito-condannati-per-truffe-covid
Ottenuti illecitamente oltre 400mila franchi, in parte già restituiti (Ti-Press)

«Il denaro non è infinito e se viene erogato a chi non ne ha diritto, si corre il rischio di non potere aiutare chi ne ha veramente bisogno». Sono queste le parole del giudice Amos Pagnamenta a commento della sentenza che ha condannato due uomini di 55 anni, un cittadino italiano domiciliato nel Mendrisiotto e un cittadino svizzero che vive nel Bellinzonese, per ripetuta truffa è ripetuta falsità in documenti. Le truffe messe in atto da entrambi nell’aprile scorso – a cui si aggiungono quelle effettuate dal cittadino italiano tra il marzo e il luglio scorsi – sono legate ai crediti Covid-19 erogati dalla Confederazione. Davanti alla corte delle Assise criminali, i due hanno ammesso i fatti e confermato la volontà di continuare a risarcire le somme. «Fatti ampiamente ammessi – ha aggiunto Pagnamenta – sia in sede di inchiesta che in quella di dibattimento». Riconoscendo una colpa «grave dal profilo soggettivo per aver approfittato delle agevolazioni messe a disposizione delle persone e delle società duramente colpite dalla pandemia e per avere infranto il rapporto con lo Stato», la Corte ha emesso due sentenze di condanna. Al cittadino italiano, arrivato in aula in regime di espiazione anticipata della pena, sono stati inflitti 26 mesi di detenzione, di cui sei da scontare (e il resto sospeso per un periodo di prova di 3 anni), e 7 anni di espulsione dalla Svizzera («non mi oppongo – ha dichiarato in aula –. Mi serve solo qualche giorno per recuperare le mie cose»). Il secondo imputato è invece stato condannato a 18 mesi, sospesi per un periodo di prova di due anni. Accusa (la procuratrice pubblica Chiara Borelli) e difese (gli avvocati Marco Masoni e Demetra Giovanettina) sono arrivate al dibattimento con un accordo, poi confermato dalla Corte.

‘Soldi usati per i debiti’

I due imputati erano rei confessi e, a domanda diretta del giudice, hanno ribadito di «confermare» quanto già dichiarato in sede di inchiesta. Al momento dei fatti entrambi percepivano uno stipendio ed erano amministratori o gestori di diverse società. Perché quindi, ha chiesto il giudice, richiedere questi crediti? «Alcune società hanno voluto incrementare il lavoro, mentre pr altre, di cui ero amministratore, ho fatto la richiesta», ha spiegato il 55enne italiano. «I soldi sono stati trovati sui conti delle società o sono stati utilizzati per pagare i debiti». L'imputato ha specificato che «non ci sono stati pagamenti esterni ai debiti». Sollecitato con la stessa domanda dal presidente della Corte, il secondo imputato ha invece dichiarato che per alcuni casi «la spinta è arrivata dai titolari, mentre per altri tre casi mi sono accordato con il mio co-imputato».

Numeri alla mano

Le truffe, come detto, sono state commesse sia in correità che singolarmente. Nell'atto d'accusa viene spiegato che i due hanno agito in tre occasioni in coppia a Neuenhof, nel Canton Argovia, ottenendo 82mila franchi a favore di tre società. Il tutto “indicando nei relativi moduli ‘Credito Covid-19’ una cifra d'affari inesistente o ancora un netto stipendi inveritiero, attestando con la forma, contrariamente al vero, che le informazioni contenute nei moduli presentati fossero complete e veritiere”. Il tutto sapendo che l'istituto bancario, “proprio per la natura insita nella creazione di detto strumento, ovvero l'erogazione di liquidità rapidamente accessibile, non avrebbe proceduto agli usuali controlli”. In qualità di amministratore unico o socio gerente, il 55enne domiciliato nel Mendrisiotto ha ottenuto altri 253'400 franchi a favore di altre 9 società con sede a Chiasso e a Zurigo. Anche il cittadino svizzero ha agito in due occasioni da solo, ottenendo 89mila franchi.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
video
Bellinzonese
3 min
Un amico della 19enne morta: ‘Aveva un grande problema’
Roverdo/Bellinzona, un testimone presente al rave party abusivo parla di ketamina e dice di aver invano proposto al gruppo di allertare l’ambulanza
Ticino
51 min
In Ticino oltre 35mila dosi di richiamo: cosa cambia a dicembre
Adeguato il dispositivo: vaccinazioni al solo Centro cantonale di Quartino il 2, 3, 9 e 16 dicembre 2022, negli studi medici e nelle farmacie disponibili
Locarnese
1 ora
Lionza, sbaglia la retromarcia e finisce sul fianco
Incidente della circolazione ieri notte, nelle alte Centovalli. Praticamente illesi gli occupanti del veicolo, adagiatosi ai lati della carreggiata
Bellinzonese
2 ore
È morta la 19enne lasciata in ospedale a Bellinzona
Il decesso ieri sera: dopo un rave party sopra Roveredo era stata portata al San Giovanni da quattro giovani allontanatisi in auto e poi identificati
Luganese
3 ore
Massagno, Ibsa si prepara a lasciare la storica sede
Sorta nel 1945, l’azienda si trasferirà definitivamente l’estate prossima. Suscita interesse e curiosità il futuro del vasto terreno che occupa.
Mendrisiotto
6 ore
A2 a sud, pronti a partire con uno studio di fattibilità
Il Cantone si fa carico di analizzare le due varianti proposte sullo spostamento del tracciato autostradale. La Crtm incontrerà i responsabili del Dt
Grigioni
6 ore
San Bernardino, applausometro 7 su 10 per Artioli e progetti
Un successo la presentazione a Mesocco: 400 posti di lavoro in inverno e 250 in estate, gettito fiscale quintuplicato e 40 milioni per gli impianti
Luganese
6 ore
Lugano, la casa da gioco compie vent’anni e fa tornare i conti
Limitato l’impatto della concorrenza campionese, il casinò affronta la questione energetica e invia la richiesta di rinnovo della concessione federale
Bellinzonese
16 ore
Grave all’ospedale una 19enne, forse dopo rave party
Quattro giovani, nel frattempo identificati, l’hanno lasciata all’ospedale San Giovanni. Venivano da una festa abusiva organizzata a Roveredo
Luganese
17 ore
Capriasca, la Giudicatura di pace trova casa a Vaglio
Inaugurata la nuova sede del Circolo che comprende anche Origlio e Ponte Capriasca e che risolve poco meno di 200 incarti all’anno
© Regiopress, All rights reserved