laRegione
il-ps-unisce-le-forze-e-rilancia-il-tema-dell-aggregazione
Marco D'Erchie fra i due copresidenti cantonali
09.06.21 - 19:22
Aggiornamento: 21:21

Il Ps unisce le forze e rilancia il tema dell'aggregazione

Nasce la Sezione Mendrisiotto e Basso Ceresio. Il neo presidente Marco D'Erchie: 'Aperti al dialogo, anche con gli altri partiti'

Sul Distretto (soprattutto a sud) torna a soffiare il vento dell'aggregazione. All'improvviso (almeno in apparenza) si è tolto di nuovo dal cassetto il dossier. Con la consapevolezza che, nel Basso Mendrisiotto, a Chiasso si confidava da tempo di riallacciare i nodi di un discorso interrotto anni fa; ma con l'elemento nuovo che stavolta a rompere il ghiaccio è stato un Comune della sua cintura, Vacallo. È stato quest'ultimo, infatti, a lanciare l'invito ai vicini (Breggia incluso). Come andrà a finire? Molto conteranno gli orientamenti dei partiti locali. Detto, fatto: sarà intuito politico, ma non è un caso che giusto sabato scorso a Sinistra si è deciso di rinsaldare i legami territoriali e di dare forma alla Sezione del Partito socialista del Mendrisiotto e Basso Ceresio. Formalizzato il passo di creare una sezione, lo si è voluto compiere, infatti, con respiro regionale. E la tempistica, come detto, non sembra casuale. Anche perché ci si lavorava da mesi e qualche voce era corsa. A (ri)dare slancio i risultati positivi inanellati, grazie anche all'alleanza consolidata con i Verdi, in occasione delle ultime elezioni comunali di aprile.

'Il Ps guarda già al futuro'

Si (ri)parla di aggregazione, dunque? Lo chiediamo a Giancarlo Nava, che al posto di coordinatore ci si è trovato più volte e che è riconosciuto come una figura storica della Sinistra. «Prestiamo molta attenzione e interesse all'aggregazione generale del Mendrisiotto - ci risponde -. Si può dire che in prospettiva la neonata sezione è la sezione del Mendrisiotto unito: si guarda già avanti, al futuro». Se poi si dovesse cominciare dal Basso Mendrisiotto, fa capire Nava, sarebbe già qualcosa. E il Ps quindi si prepara. Ecco che gli equilibri politici saranno quanto mai importanti per riuscire a concretizzare il progetto. Tanto più sapendo che la guida Ppd dei Comuni che circondano la cittadina ha sempre frenato in questi anni.

Il neo presidente eletto della Sezione, Marco D'Erchie - che sarà affiancato da un Comitato composto da diciotto membri e due revisori -, lo dichiara subito: «Io sono favorevole al concetto di aggregazione». Adesso, in ogni caso, ciò che si prefigge il Ps momò è di aprire un dibattito, coinvolgendo l'area progressista ma pure le altre forze politiche, assicura il presidente. «L'idea - ci spiega - è quella di far ripartire la discussione alla luce del progetto della Valmara, di quanto sta cominciando a muoversi nel Basso Mendrisiotto e del discorso aperto con Mendrisio dei Comuni vicini. Parlarne e arrivare anche a formulare delle proposte». E non è detto che ci si fermi lì. «Non escludo che si possa anche lanciare una petizione sul tema - chiarisce D'Erchie -. Tutto dipenderà da cosa uscirà dal confronto». Poi rende attenti: «Tutti abbiamo a cuore i paesi, ma per ottenere delle risposte a livello cantonale e federale occorre unire le forze e dare voce alle istanze in modo compatto». E di nodi da sciogliere - a cominciare da quelli che stanno tenendo banco, come la terza corsia autostradale o AlpTransit a sud - non ne mancano.

In cima alla lista il lavoro

Certo non si è che all'inizio del nuovo cammino. Il piano d'azione, comunque, è già stato stilato. Il primo atto, si anticipa in una nota, sarà dare il via a una "consultazione con i gruppi locali unitari, al fine di definire le problematiche che dovranno essere trattate con priorità". Sul tavolo, si riconosce, ci sono tutta una serie di punti da affrontare, come i "temi del lavoro, della socialità, del primo impiego giovanile e dei salari". Il che lascia intendere che in cima alla lista ci sono i nodi dei diritti sociali. Non si trascureranno, in ogni caso, nemmeno, le questioni legate al traffico, alla mobilità lenta, all'inquinamento e ai problemi ambientali. Per D'Erchie si partirà da territorio e socialità, dalla realtà giovanile e dal bisogno di prossimità, misurandosi grazie a tavole rotonde e serate tematiche. Da lì si attingerà per promuovere azioni coordinate nei gremi comunali e «indicare la rotta all'area progressista, nel segno della propositività e dell'inclusività verso tutti».

Una delle più grandi del Ticino

Volgendo lo sguardo in casa socialista, la decisione presa "a larga maggioranza" dall'assemblea di sabato, presenti i rappresentanti dei quattordici Comuni e realtà del Mendrisiotto e Basso Ceresio, ha fatto della sezione regionale una delle più grandi del Ticino con i suoi 170 membri, assimilabile a Lugano e Bellinzona. Nonostante la crisi sanitaria da Covid-19 e dopo quello che è stato definito in una nota un "lungo lavoro preparatorio", si è dunque tagliato il traguardo. Cogliendo altresì l'occasione per festeggiare il responso delle urne di aprile. Del resto, una delle parole d'ordine declinate dal neo presidente è «rafforzare la base» nella regione. Senza nascondere l'intenzione di avvicinare di nuovo persone di ogni età alla politica attiva, staccando qualche iscrizione in più. «Perché per dare continuità a un partito - annota D'Erchie - ci vogliono le persone». Il Mendrisiotto, richiama, è «una realtà complessa e con molteplici aspetti da valutare». Ed è in questo contesto che si è deciso di «unire le vecchie sezioni del partito che, nel tempo, si erano in gran parte un po' 'arenate'». Come dire che il Ps c'è e lotta con le sue donne e i suoi uomini.

Una formula che fa scuola

Aver creato una Sezione regionale sortirà anche un altro aspetto positivo, come rilevato nella nota e testimoniato dalle parole dei due copresidenti cantonali Fabrizio Sirica e Laura Righet. "Lo sviluppo delle tematiche regionali e la ramificazione sul territorio faranno sì - si conferma - che i legami tra i vertici della Sezione e la base del Partito si rafforzeranno: un aspetto fondamentale perché il Ps affronti in modo concreto ed efficace le sfide che lo attendono". In effetti, come il Mendrisiotto e Basso Ceresio pure il Locarnese sta pensando di unire le forze socialiste. «Si stanno muovendo in quella direzione - ci dice Nava -. Ormai è un processo generalizzato». Come dire che a Sinistra ci si sta organizzando.

Leggi anche:

Basso Mendrisiotto, Comuni invitati a un incontro

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aggregazione basso ceresio mendrisiotto ps sezione
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
46 min
Dieci chilometri di colonna sotto il sole tra Biasca e Airolo
Rientro dei vacanzieri e momentanea chiusura della galleria del San Gottardo mandano l’asse autostradale in tilt
Bellinzonese
2 ore
Tunnel del San Gottardo chiuso in entrambe le direzioni
Veicolo in avaria poco prima di mezzogiorno: situazione ‘calda’ sull’asse autostradale ticinese
Bellinzonese
9 ore
Bistrot di Bellinzona, ‘Nessuna truffa né maltrattamenti’
Il gerente Ivan Lukic non nasconde le difficoltà economiche. Tuttavia alcune persone hanno ‘tenuto duro, credendo nel progetto. Altre lo hanno diffamato’
Luganese
9 ore
Rovio, fucile notificato ma il padre era senza porto d’armi
Emergono ulteriori aspetti legati al grave fatto di sangue capitato domenica scorsa ad Agno: il 49enne non aveva il permesso di girare con il Flobert
Ticino
9 ore
Aspettando Godot... e Greta Gysin. L’area rossoverde attende
Sarebbe imminente la decisione della consigliera nazionale dei Verdi se candidarsi o meno per il governo. Bourgoin e Riget: ’Avanti, con o senza di lei’
Bellinzonese
16 ore
Vacanze costose e beni di lusso con i guadagni della cocaina
Condannato a 4 anni e 3 mesi (più l’espulsione dalla Svizzera) un 35enne recidivo e reo confesso. La Corte: ‘Prognosi nefasta’
Locarnese
16 ore
Gambarogno, 83enne inghiottito dalle acque del lago
L’uomo, un confederato, si era tuffato per una nuotata ma non è più riemerso. Partito dal Porto patriziale di Ascona, aveva ‘toccato’ alcune imbarcazioni
Bellinzonese
19 ore
Bennato e tanta buona musica allo Spartyto di Biasca
Tre serate intense il 25, 26 e 27 agosto in Piazza Centrale per la 32esima scoppiettante edizione
Locarnese
20 ore
Onsernone, da mezzo secolo senza mai perdere ‘LaVoce’
Compie 50 anni il semestrale (un tempo bimestrale) della locale Pro; una rivista cartacea nata per parlare di territorio e offrire spunti di riflessione
Ticino
21 ore
A Ferragosto il sole brucia, il radar pure
Puntuale come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali nel corso della prossima settimana verranno effettuati controlli della velocità
© Regiopress, All rights reserved