laRegione
07.06.21 - 19:05
Aggiornamento: 08.06.21 - 16:41

Il Cantone è per la terza corsia. 'Disappunto' dei contrari

Il Comitato promotore della petizione firmata da 6'300 cittadini lamenta scarsa attenzione per le ragioni di enti locali e popolazione

il-cantone-e-per-la-terza-corsia-disappunto-dei-contrari
C'è timore per gli effetti del potenziamento (Ti-Press)

 La sua delusione, il Comitato contrario alla terza corsia autostradale fra Mendrisio e Lugano, l'aveva manifestata fin dalle prime ore. Adesso, però, c'è anche una lunga presa di posizione a dire nero su bianco tutta la sorpresa e il "grande disappunto" che accompagnano il sostegno dichiarato dal Cantone al progetto PoLuMe presentato dall'Ustra, l'Ufficio federale delle strade. La quasi totale condivisione dei contenuti del piano per il potenziamento dell'A2 a sud e il supporto finanziario (di 84 milioni di franchi) assicurato a un investimento plurimiliardario ha spiazzato. Dopo aver manifestato la sua opposizione con una petizione firmata da 6'300 cittadini, il Comitato ribadisce la sua convinzione: "aprire nuove strade (oltretutto solo per quattro ore al giorno) non farà infatti che incentivare ulteriormente l'uso del veicolo a motore privato, a scapito della salute e della qualità di vita dei residenti e dell'attrattività di un'intera regione".

'È mancato l'ascolto'

Sono due, in particolare, i passaggi su cui i contrari fanno leva. Il primo non sottace il fatto di considerare "vergognoso e irrispettoso verso i Comuni, i Consigli comunali, i numerosi esponenti politici, le varie associazioni e le migliaia di persone che hanno sostenuto la petizione, che il Consiglio di Stato nella sua presa di posizione pubblica su PoLuMe e durante la conferenza stampa non abbia fatto neanche una volta cenno alla forte opposizione al progetto (o perlomeno all'espressione di numerose criticità) che si è alzata da più parti nel Mendrisiotto e nel Basso Ceresio". Tanto più, si richiama nella nota, che "la popolazione è preoccupata dall’impatto che questo progetto epocale avrà sulla regione e sulla qualità di vita e ha diritto a esprimersi in merito e a essere ascoltata".

Si è avvertito, insomma, uno "scollamento tra alcuni politici, che dovrebbero rappresentare le volontà dei loro elettori, e le persone residenti nel Basso Ceresio e nel Mendrisiotto, che sperimentano quotidianamente e in prima persona gli effetti nefasti del traffico". I timori della cittadinanza, si rilancia, sono rimasti inascoltati.

'Serve una contropartita adeguata'

Il secondo punto non è meno importante agli occhi del Comitato. Se non si potrà proprio fare a meno di questa opera, allora, si rivendica, occorrono "misure che vadano realmente a beneficio di tutta la regione, con la messa in galleria da Bissone a Mendrisio e/o la copertura dell'A2 nei centri abitati, in modo da tutelare realmente l'ambiente e la salute della popolazione". Come dire che non bastano un porto regionale (a Melano) e una passeggiata a lago - in gran parte previsti, si annota - per compensare gli effetti del potenziamento dell'A2. Anche perché non tutti i Comuni, si motiva, ricevono lo stesso trattamento. Il riferimento è soprattutto a Bissone, dove un decennio fa, esplicita il Comitato, sono stati già spesi 52 milioni per la protezione fonica. "Viene quindi da chiedersi - si annota - da dove derivi questo trattamento iniquo, con da una parte un Comune che ha recentemente beneficiato di interventi milionari per la mitigazione degli effetti negativi dell'autostrada (peraltro condivisi e necessari), mentre per gli altri Comuni del Basso Ceresio (Maroggia, Melano e Capolago in primis), che sono confrontati con un'identica situazione di degrado ambientale e paesaggistico e si ritrovano con un tratto di autostrada vetusto, che necessita di interventi di manutenzione importanti, non viene considerata necessaria o finanziariamente fattibile una riqualifica con la messa in galleria del tracciato".

.

Leggi anche:

La terza corsia sull'A2? 'È la sola risposta al traffico'

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
34 min
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
2 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
5 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
5 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
5 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
11 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
14 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
15 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
15 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved