laRegione
26.05.21 - 20:33
Aggiornamento: 20:51

Andare in bici (a nolo) per il Sottoceneri

Varata la rete di bike sharing di Mendrisiotto e Basso Ceresio, che conterà 45 stazioni. In sella potranno salire residenti, turisti e lavoratori

andare-in-bici-a-nolo-per-il-sottoceneri
Tutti in sella

Per chi ama spingere sui pedali, a forza di muscoli o con un aiuto esterno (a watt), si amplia il raggio d'azione. A ben vedere, una volta in sella oggi è possibile persino andare in bici (e a nolo) da Chiasso a Rivera, collegando così l'intero Sottoceneri. Da queste parti le istituzioni locali, del resto, ci hanno creduto fortemente in questa mobilità alternativa. A tal punto da consegnare dopo tre anni di lavoro una rete di bike sharing - grazie a biciclette condivise - che unisce Mendrisiotto e Basso Ceresio e dialoga con Luganese e Riviera. Si è iniziato con 13 stazioni, ma procedendo a tappe entro la fine dell'anno i punti di noleggio saranno 45, mettendo a disposizione in tutto 270 bici, per una metà classiche e per una metà elettriche. Capofila tre Comuni - Chiasso, Mendrisio e Stabio -, a credere in questa operazione sono stati 14 enti locali (su 17), pronti a seguire la Commissione regionale dei trasporti (Crtm) in questo viaggio e a mettere mano al portafoglio. L'investimento globale (sull'arco di 4 anni) è di 2,6 milioni di franchi, ripartito in modo equo.

Mobilità: 'Dalle parole ai fatti'

Andrea Rigamonti, presidente della Crtm, non trattiene il suo orgoglio. Il momento, del resto, è di quelli importanti, perché si toccano con mano sforzi e sacrifici. «Qui - ribadisce -, la politica passa dalle parole ai fatti, soprattutto quando si dice che la mobilità è un tema prioritario. Infatti, i Comuni ci credono e investono, anche somme importanti». Il mezzo milione di franchi messo sul tavolo dal Cantone anche a vantaggio della regione ha stimolato la realtà locale; che potrà contare su un contributo di 427mila franchi. Gli alleati disposti a condividere questa esperienza, d'altro canto, non sono mancati. La rete ha trovato, in effetti, un partner in PubliBike, società oggi 'figlia' della Posta svizzera, che grazie al Mendrisiotto e Basso Ceresio vede raddoppiare la sua offerta in Ticino - che conta 100 postazioni e 700 bici - e issa la realtà ticinese al terzo posto in Svizzera (dopo Berna e Zurigo).

'Mendrisiotto e Basso Ceresio hanno pensato insieme'

Di fronte a palazzo civico a Chiasso, una fila di biciclette fa bella mostra di sé: sono già pronte all'uso. Sono la migliore testimonianza del progetto messo in campo. «La cosa che mi piace di più in tutto questo - riconosce Davide Lurati, municipale di Chiasso e vice presidente della Crtm - è che Mendrisiotto e Basso Ceresio hanno pensato insieme e ora ecco il risultato concreto. E non è l'unico esempio». Lurati ne sa qualcosa, lui che si è impegnato affinché in quattro anni si riuscisse in una impresa rincorsa da tempo: dare vita a un ente sportivo regionale. «Se vogliamo trovarci con un Distretto vincente, noi stretti fra Luganese e Lombardia - chiarisce ancora -, dobbiamo far sì che questa mentalità riesca a sfondare». Lurati parla di bici, confidando che chi fa resistenza all'aggregazione, qui a sud del cantone, intenda.

'È tempo di cambiare'

E chissà che le due ruote non riescano ad abbattere certe barriere. Di sicuro, spostandosi nell'Alto Mendrisiotto, si è «capito subito che si trattava di una carta vincente», chiarisce la vicesindaca di Mendrisio Francesca Luisoni. In Città alla fine saranno 20 le postazioni distribuite sul territorio: sul fondovalle soprattutto e nella Montagna. L'obiettivo, poi, è quello di diffondere la mobilità lenta. «Siamo convinti - sottolinea - che non bisogna accettare la soluzione più comoda, soprattutto ora che abbiamo attraversato cambiamenti forti occorre spingere al cambiamento». Questo, d'altra parte, è il momento, con il trasporto pubblico che è stato potenziato e l'offerta ampliata. Non a caso a Mendrisio, ricorda Luisoni, si sono create ciclopiste e posati semafori ad hoc per i ciclisti. La strada, insomma, è indicata, tanto per la popolazione locale che per i turisti.

'Confidiamo che anche le aziende apprezzino'

Stabio, tra i Comuni capofila, dal canto suo, strizza l'occhio anche al mondo delle imprese. «Abbiamo voluto questo progetto fin dall'inizio - conferma la municipale Katia Fabris -, proprio per dare un servizio migliore alla popolazione. Speriamo, però, che apprezzino pure le aziende. Anche i lavoratori potranno far capo alla rete di bike sharing per recarsi al posto di lavoro, coprendo l'ultimo chilometro in bici, una volta scesi dal treno alla stazione locale». L'intento è chiaro: togliere un po' di traffico veicolare dalle strade. E a quanto pare ditte e industrie non possono accampare scuse. PubliBike, fa sapere il portavoce della Posta Marco Scossa, ha messo a punto un label per i partner. Una iniziativa, annota, alla quale ad oggi «hanno aderito non meno di cento aziende». Il punto di partenza? Il portale web www.publibike.ch o l'App dedicata. E per farsi venire la voglia di pedalare basta aderire alla promozione in corso, che regala i primi 30 minuti di tragitto. 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
12 ore
La Rega decolla nei consensi e nella simpatia
Ben 14’000 visitatrici e visitatori hanno approfittato dell’opportunità di gettare uno sguardo dietro le quinte della base e dell’hangar
Luganese
13 ore
Inaugurato il nuovo Consorzio depurazione acque della Magliasina
Entrato in servizio a Purasca nel 1987 è stato oggetto di ampliamento e ottimizzazione generale fra il 2018 e il 2022
Luganese
16 ore
Precipita mongolfiera: fra curiosi e passanti... la sorpresa
Si è trattato di un’esercitazione congiunta fra la Società svizzera di salvataggio di Lugano e il Gruppo aerostatico Ticino
Mendrisiotto
20 ore
Case ‘Greenlife’, il Municipio nega la licenza edilizia
A Novazzano l‘esecutivo boccia il progetto del complesso abitativo in zona Torraccia. ’Non è in sintonia con il paesaggio’
Locarnese
23 ore
Delitto Emmenbrücke, il presunto colpevole resta in carcere
Richiesti altri tre mesi di carcerazione preventiva per l’uomo sospettato di aver assassinato la 29enne di Losone nel luglio 2021. C’è anche la perizia
Ticino
23 ore
‘Hanno distrutto la vita di mio padre 87enne. E la giustizia?’
Cede dei terreni a due figlie, ma per la terza ‘è un raggiro, non era in grado di capire’. Quando la fragilità della terza età è sfruttata dai famigliari
Mendrisiotto
1 gior
Tra l’Alabama e il Ticino
L’economista della Supsi Spartaco Greppi commenta la strategia economica prospettata da Ticino Manufacturing dopo l’adesione al salario minimo
Ticino
1 gior
Ancora alcuni posti liberi per la giornata sul servizio pubblico
Giovani a confronto. La manifestazione si svolgerà a Bellinzona l’8 ottobre
Ticino
1 gior
Jaquinta Defilippi e Quattropani dichiarano fedeltà alle leggi
Dopo la loro elezione a magistrati da parte del Gran Consiglio. Lei procuratrice pubblica, lui pretore di Leventina
Ticino
1 gior
Un ottobre da... radar
Tutti i punti osservati speciali dalla Polizia cantonale della settimana fra il 3 e il 9 ottobre: occhio alla velocità
© Regiopress, All rights reserved