laRegione
31.03.21 - 20:46
Aggiornamento: 22:07

Il Covid presenta il conto a Mendrisio: 2020 da segno meno

I consuntivi chiudono con un deficit di 3,8 milioni, quasi in toto legati alla crisi sanitaria. 'Ma la Città ha le sue carte da giocare'

il-covid-presenta-il-conto-a-mendrisio-2020-da-segno-meno
A Mendrisio si guarda avanti (Ti-Press)

Non c'è dubbio: il 2020 sarà archiviato come un anno da pollice verso. La crisi sanitaria da Covid-19 sin qui è costata cara, in vittime, salute e risorse finanziarie. Anche per una Città come Mendrisio tirare le somme di una annata decisamente particolare non è stato facile. E non solo perché gli ultimi consuntivi di una legislatura extra large - per necessità e non certo per scelta - chiudono in un rosso deciso. Il disavanzo di oltre 3,8 milioni dà le dimensioni di una emergenza che ha permeato l'amministrazione comunale al pari della comunità locale. Mai come questa volta, però, le cifre sanno parlare. E raccontano tutti gli sforzi, le difficoltà, gli aiuti e le ricadute sociali vissuti e condivisi. In ogni caso, la Città ha marcato presenza e ha saputo fare quadrato. Certo è un bilancio caratterizzato dal segno meno. Minori sono state le entrate fiscali e al contempo le attività sportive, culturali e conviviali organizzate. Perché in questo caso la riduzione delle spese, soprattutto di certi dicasteri, non ha una valenza positiva.

'Senza Covid, sarebbe stato un pareggio'

Anche Mendrisio, quindi, ha pagato un caro prezzo alla pandemia. «Senza il Covid - tiene a far sapere il sindaco Samuele Cavadini -, avremmo chiuso quasi a pareggio». Sì perché del deficit, 3 milioni e mezzo sono da ricondurre alla crisi che stiamo ancora vivendo. Volendo distinguere, 2 milioni sono rappresentati dalla flessione fiscale e 1 milione e mezzo dai costi vivi del virus. Il Municipio, comunque, si dice «tutto sommato soddisfatto» dai numeri del 2020, nonostante tutto. A confortare la scelta lungimirante (e «corretta») di non aver ritoccato verso l'alto il moltiplicatore - oggi al 75 per cento, e tale, nelle intenzioni, resterà per un paio di anni - e la consapevolezza di avere un capitale proprio congruo in grado di fare da «ammortizzatore». Anche se, non nasconde il capo dicastero Finanze Manuel Aostalli, «vi dovremo mettere mano, visto i dati dei preventivi 2021», che annunciano un rosso da 6 milioni e mezzo.

Riviste le opere prioritarie

Se, quindi, lo scarto (7 punti) tra moltiplicatore politico e aritmetico non spaventa (dato la situazione), l'attenzione negli investimenti ha aiutato l'esecutivo nella sua strategia d'azione. «In effetti - annuncia il sindaco -, cercheremo di mantenere un ritmo di investimenti sopportabile per le finanze della Città», un occhio agli obiettivi, uno alle difficoltà dell'economia. Non solo, questa linea ha dato modo di rivedere il Piano delle Opere prioritarie 2021-2024. «Di recente - conferma Aostalli - abbiamo analizzato e rimaneggiato il documento e abbiamo previsto una media di investimenti netti di circa 10 milioni». Il Municipio uscente, insomma, ha voluto fare i compiti e lasciare in eredità alla compagine designata dagli elettori il 18 aprile prossimo quanto occorre per affrontare un futuro in salita. «Di fatto - ci spiega ancora il capo dicastero Finanze -, si avranno gli strumenti necessari - con i consuntivi, ndr - per entrare nel merito del Piano finanziario per il periodo 2021-2027». Come dire, promessa mantenuta. L'impegno a prestare attenzione alla gestione finanziaria è preso, parola del sindaco.

Tra risparmi e aiuti?

Cifre alla mano Mendrisio ha più di qualche indizio su come tuffarsi nel futuro, confidando di lasciarsi alle spalle definitivamente il coronavirus. Certo occorrerà confrontarsi con gli effetti della pandemia, mentre i consuntivi restituiscono una fotografia chiara della situazione. E allora, chiediamo, qual è la prossima mossa? «Si tratta di sapere bene come usare la bilancia - ci risponde Aostalli -. Non possiamo pensare di rallentare seriamente gli investimenti e i contributi economici. La possibile conseguenza? Il rischio di una caduta». Il punto debole? Il capo delle Finanze non ha esitazioni: il ceto medio, che esprime grandi numeri. «Per essere chiari: non possiamo permetterci che le famiglie come le piccole aziende superino il punto di non ritorno». Una ragione sufficiente per puntare sulla ripresa e per pensare ad aiuti mirati, valutandone la tipologia, ribadisce Aostalli, caso per caso.

Venti richieste di assistenza da gennaio

Alla fine è una questione di fiducia, soprattutto, come richiama la municipale Françoise Gehring, quando l'obiettivo è quello di «non lasciare indietro nessuno». Dunque, bisogna «investire nel rilancio e prestare attenzione alle persone». Certe famiglie che, senza il Covid, ce la facevano, oggi non ci riescono. Lo dicono i numeri registrati dai servizi sociali della Città. «Le richieste di assistenza sono aumentate di molto. In precedenza avevamo 2-3 casi al mese di media, quest'anno da gennaio ne abbiamo ricevute 20», illustra la capo dicastero Politiche sociali. E a stupire è il fatto che di quelle 20 domande, 16 sono giunte da persone sole, la metà delle quali con meno di 35 anni, le rimanenti da lavoratori dipendenti o a tempo parziale.

Si punta sul rilancio dell'economia

I sostegni puntuali quanto urgenti non sono mancati a Mendrisio. In aiuti diretti e indiretti si sono garantiti quasi 400mila franchi. Il milione e più votato dal legislativo è stato speso, invece, solo in parte.  Come se lo sono spiegato al dicastero Economia? «Da una parte - ci informa la responsabile Francesca Luisoni - le aziende dopo il primo lockdown hanno pensato subito alla possibilità di ripartire, dall'altra per alcuni si trattava di un contributo piccolo per attivare una richiesta. In ogni caso, stiamo riflettendo su quali azioni votare al rilancio. E lì ci concentreremo».

La ripartenza non è però il solo tema sotto i riflettori dell'autorità locale al momento. C'è anche quello della gestione della spesa pubblica, ricorda il municipale Samuel Maffi. «La discussione su come razionalizzare la macchina amministrativa è aperta».

Quelle imposte alla fonte a sorpresa

Il frontalierato finisce, spesso e volentieri sulla graticola; pure a Mendrisio. In un 2020 anomalo gli introiti dalle imposte alla fonte, però, sono stati importanti, superando i 9 milioni di franchi e rappresentando il 18 per cento dei proventi cittadini. A quel punto al dicastero Finanze si sono posti una domanda: chi sono questi contribuenti? Una risposta Aostalli se l'è data, facendo i conti altresì col fatto che i grandi cantieri sono finiti e che non è detto si tratti di persone a basso salario.  Anzi. «Da una analisi condotta con il dicastero Economia è emerso - spiega - che dietro questo fenomeno vi sono due fattori: la crescita dei contributi provenienti dai permessi B e la presenza consolidata, nel 2020, di professionisti con redditi significativi, come i medici. Oltre, per ora, non possiamo andare, ma bisognerà rifletterci su».

La Città sa, d'altro canto, di avere ancora delle carte da giocare, lascia intendere il sindaco. Infatti, corrobora Aostalli, «stanno arrivando aziende attente alla stabilità fiscale di Mendrisio». Detta altrimenti, il Comune è ancora attrattivo e un aumento del moltiplicatore adesso rappresenta solo l'ultima ratio.

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Grigioni
27 min
La strada della Calanca riapre già oggi alle 17
Lo ha deciso l’Ufficio tecnico cantonale: ultimati prima del previsto i lavori di sgombero e di parziale ripristino
Luganese
55 min
Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità
L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi
Locarnese
6 ore
Si (ri)alza forte, la Vos da Locarno
Lo storico coro cerca il rilancio dopo un periodo difficile dovuto in particolare alla pandemia, che ne ha dimezzato gli effettivi. ‘Ma l’entusiasmo c’è’
Ticino
11 ore
Un ‘audit’ cantonale per i diritti umani
Domani all’Usi si discuterà di come fare per migliorarne il rispetto anche a livello locale. Tra gli ospiti anche la ginevrina Léa Winter
Luganese
11 ore
Lugano, l’appello: ‘La bici è la mia compagna, ritrovatemela’
La storia di Chiara e della sua e-bike, rubata alla Stazione Ffs e rivenduta. ‘La Polizia mi ha detto di dimenticarmela ma io non mi arrendo’.
Grigioni
18 ore
Parco Calanca avanti tutta: il sì dell’associazione alla Charta
L’assemblea dei delegati ha votato all’unanimità lo strumento pianificatorio. Il 29 gennaio parola alla popolazione. Se avallato, il dossier andrà a Coira
Luganese
18 ore
Massagno, si è spento Paolo Grandi
Aveva 82 anni. Promotore e presidente dell’associazione Carlo Cattaneo, fondò la delegazione ticinese dell’Accademia italiana della cucina
Mendrisiotto
20 ore
Per l’ente turistico un ‘Preventivo 2023 prudente’
Molte incertezze date dalla situazione internazionale. Previsto un disavanzo di oltre 60mila franchi. Circa i pernottamenti il 2022 si prospetta positivo.
Grigioni
20 ore
Grono mira a rendere meno cara la vita ai suoi cittadini
Popolazione preoccupata in particolare dall’aumento della bolletta elettrica. Moltiplicatore: il Municipio propone di ridurlo al 90%
Luganese
21 ore
Lugano, carovita al 2,5% per i dipendenti della Città
Il Municipio adegua le scale salariali del personale e il presidente della Commissione Fabio Schnellmann esprime soddisfazione
© Regiopress, All rights reserved