laRegione
22.03.21 - 17:58
Aggiornamento: 18:20

Sindaco a Coldrerio, funzionario a Chiasso: 'Nessun conflitto'

Alain Bianchi spiega come si è arrivati alla sua nomina di vice segretario. 'Gli Enti locali hanno chiarito: non vi è incompatibilità'

sindaco-a-coldrerio-funzionario-a-chiasso-nessun-conflitto
Alain Bianchi: 'Solo un cambio di lavoro' (Ti-Press)

Alain Bianchi non ha bisogno di difendersi. E lo fa capire subito. Sindaco in carica a Coldrerio, non si sente in conflitto con il suo nuovo incarico professionale. Da inizio marzo, infatti, è in veste formale il nuovo vice segretario del Comune di Chiasso. Ai suoi occhi si tratta, semplicemente, di un normale cambiamento lavorativo, esordisce sgombrando il campo dalle illazioni che, ci dice, stanno circolando anche nel suo paese. Ma in campagna elettorale, si sa, tutto è lecito, o quasi.  Sta di fatto che pure a Chiasso una parte politica - quella dell'Unità socialista-I Verdi - si è interrogata - o meglio ha interpellato il Municipio cittadino - su questa nomina. Mandato su cui, lamenta il consigliere comunale Marco Ferrazzini, si è tenuto (questa l'impressione) il segreto.

'Ho concorso per avvicinarmi a casa'

«Da parte mia - spiega a 'laRegione' il sindaco- non ho mai nascosto nulla. Mi sono limitato a comunicare, per primo al mio esecutivo, la notizia di aver superato la selezione e vinto il concorso una volta cresciuta in giudicato la decisione dell'autorità chiassese». Risoluzione che risale, ci conferma, ai primi di febbraio. In buona sostanza, superati i canonici tre mesi di disdetta - al momento Bianchi è al Servizio giuridico del Cantone a Bellinzona -, a inizio giugno entrerà in servizio a Chiasso. Perché ha partecipato al bando pubblicato in novembre? «Innanzitutto, per avvicinarmi a casa e agevolare i miei impegni pubblici, migliorando così anche la qualità di vita e riuscendo a conciliare meglio i vari ruoli», ci risponde.

Via libera dagli Enti locali

Le sollecitazioni di Ferrazzini mettono l'accento, però, sulla compatibilità delle cariche e, soprattutto, sull'opportunità della scelta del Municipio chiassese. «Non entro nel merito dell'interpellanza. Quello che posso dire - annota Bianchi - è di aver consultato, in via preventiva verbalmente e poi per iscritto, la Sezione enti locali. E le sue indicazioni sono state chiare. Prima di tutto, sul piano legale - per la Legge organica comunale (Loc), ndr - non vi è nessuna incompatibilità tra l'essere sindaco in un Comune e vice segretario in un altro. Esaminata, quindi, la questione unicamente sul piano dell'opportunità, gli Enti locali - ci fa sapere ancora Bianchi - hanno fatto presente che sussistono dei precedenti, passati e presenti, anche di sindaci o municipali nominati segretari comunali». I riferimenti sono stati, per il passato, dell’ex sindaco di Castel San Pietro Lorenzo Bassi, che è stato in contemporanea segretario comunale di Massagno, per il presente Giuseppe Cotti, municipale a Locarno e segretario comunale a Brissago.

«Certo - sottolinea Bianchi - l'opportunità è pure una questione di punti di vista. In ogni caso - rassicura -, Coldrerio ha pochissime pratiche che comportano una relazione con Chiasso. Si contano sulle dita di mezza mano». Dall'osservatorio di Sinistra e Verdi di Chiasso la designazione appare, invece, indiscutibilmente inopportuna e adesso ci si aspetta di ricevere delle motivazioni da parte dell'esecutivo in occasione dell'ultima seduta di Consiglio comunale della legislatura, lunedì 29 marzo. Se, in effetti, è apparso "strano e inusuale" non rendere pubblica la nomina, ora Ferrazzini si attende una conferma sulla decisione presa. Ma soprattutto vuole sapere se "corrisponde al vero che il silenzio che copre questa nomina è dovuto al fatto che il prescelto è l’attuale sindaco di un importante Comune del Mendrisiotto. E che tale scelta porrebbe un serio problema di opportunità nel contemporaneo mantenimento delle due cariche (amministrativa e politica)". 

'Ci sono state strumentalizzazioni politiche'

Altro aspetto non trascurabile della vicenda, in particolare per un sindaco in lizza per il 18 aprile prossimo e dello stesso partito (il Plr) del collega di Chiasso, sono le ricadute che si sono verificate a livello politico. «Nel mio paese - confida Bianchi - si sono verificate delle strumentalizzazioni: si è usata questa situazione per mettermi in difficoltà. Da parte mia, lo ribadisco: se la popolazione di Coldrerio lo vorrà, continuerò a guidare il mio Comune».

Leggi anche:

Un vice segretario per Chiasso: la nomina fa discutere

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
37 min
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
54 min
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
2 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
3 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
6 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
6 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
Luganese
6 ore
A Monteceneri scatta il referendum sull’acquedotto
Partita la raccolta firme contro il credito da 2 milioni per rinnovare ed estendere le condotte sotto alla Cantonale: ‘Non prioritario né necessario’
Locarnese
6 ore
Troppo traffico e troppo rumore in alcune vie di Locarno
Lo sostengono alcuni cittadini che hanno lanciato una petizione per far abbassare la velocità a 30 km/h in via Franzoni, via Varenna e via Vallemaggia
Bellinzonese
6 ore
Si progetta il nuovo ospedale di Bellinzona da 380 milioni
L’Eoc indica una prima fase realizzativa alla Saleggina entro il 2030, seguita da ulteriori sviluppi nel 2050. Cinque piani e, come oggi, 240 posti letto
Ticino
7 ore
Piove troppo poco: scatta il divieto di fuochi all’aperto
La misura, decisa in considerazione dell’elevato rischio di incendio di boschi, concerne Ticino, Moesano, Val Bregaglia e Val Poschiavo
© Regiopress, All rights reserved