laRegione
02.03.21 - 15:04
Aggiornamento: 18:52

Stabio, ha tentato di ucciderlo o lo voleva spaventare?

I fatti del marzo 2018 davanti alla Corte di Appello e revisione penale. In primo grado l'imputato è stato condannato a 3 anni e 9 mesi di carcere

stabio-ha-tentato-di-ucciderlo-o-lo-voleva-spaventare
Il dibattimento si è tenuto questa mattina a Locarno (archivio Ti-Press)

Ha intenzionalmente tentato di uccidere il suo vicino di casa in tre occasioni o lo voleva solo spaventare? È questa la domanda a cui deve rispondere la Corte di Appello e revisione penale presieduta dal giudice Angelo Olgiati che, questa mattina, ha ripercorso i fatti avvenuti a Stabio, nel pomeriggio del 9 marzo 2018. La Corte delle Assise criminali presieduta dal giudice Mauro Ermani aveva riconosciuto colpevole l’imputato di ripetuto tentato omicidio e lo condannato a 3 anni e 9 mesi di detenzione e a 90 aliquote giornaliere. L'imputato, oggi 77enne, è stato esentato dal dibattimento odierno a causa del «suo grave quadro depressivo» emerso a seguito del primo processo che lo ha portato a due tentativi di gesto estremo. La Corte comunicherà la sentenza alle parti nelle prossime settimane.

‘Fatti inaspettati e quasi incredibili’

A fare da contorno a quanto accaduto a Stabio ci sono problemi di vicinato. Culminati, come ricordato dalla Procuratrice pubblica Petra Canonica Alexakis che ha chiesto la «conferma integrale» della prima condanna ritenuta «equa e non eccessiva», per i fatti «inaspettati è quasi incredibili da credere se non fossero stati documentati dalla videosorveglianza dello stabile» avvenuti tra le 16.40 e le 16.45 del 9 marzo di tre anni fa. «Un agire che non può non essere definito non grave e di poco conto» perché «per uccidere non è necessario travolgere una persona, basta urtarla e farla cadere: stiamo parlando di 1000 o 2000 chili che vanno contro una persona». L’azione è iniziata quando la vittima – 47 anni all’epoca dei fatti, oggi domiciliato nel Sopraceneri – ha accostato per far scendere la moglie. Dopo un primo contatto fisico tra i due (durante il quale l’imputato ha avuto la peggio: cadendo a terra, si scoprirà a distanza di giorni, ha riportato la frattura di una vertebra), l’imputato è salito sulla sua auto «e si è diretto con decisione e a una velocità stimata in 25-30 chilometri orari verso la sua vittima, che in quel momento era al telefono e solo all’ultimo secondo si è spostato», ha ricostruito Canonica Alexakis. Meno di due minuti dopo la scena si è ripetuta. Anche in questo caso il 47enne si è spostato e ha ‘risposto’ con un calcio alla vettura. Ne è seguito un secondo tentativo andato a vuoto. «Una nuova retromarcia e una repentina partenza hanno portato all'investimento della vittima, schiacciata tra due vetture, che miracolosamente è rimasta quasi del tutto illesa». Per l'accusa questo è stato «un comportamento appropriato per cagionare la morte di una persona. Due tentativi a vuoto, seguiti da un terzo, sono la prova della volontà di ucciderlo e una testimone ha dichiarato che “lo ha mirato”». Canonica Alexakis ha inoltre evidenziato che il 77enne «non si è curato della salute del suo antagonista e lo ha minacciato dicendogli che “questa volta è andata così”». L'inchiesta effettuata a seguito dei fatti ha fatto emergere che l'imputato non sarebbe nuovo a comportamenti analoghi. «Piuttosto che segnalare – ha concluso Petra Canonica Alexakis – preferisce farsi giustizia da solo seduto nella sua automobile».

‘Nessun elemento per stabilire la velocità’

Così come nel primo processo, l'avvocato Gaia Zgraggen si è battuta per una condanna a 12 mesi sospesi per lesioni semplici. Quella di primo grado «è una pena eccessiva» considerata «una colpa leggera-media». Per la difesa la prima Corte «ha effettuato un errore di apprezzamento sostenendo che la vettura procedeva a una velocità piuttosto sostenuta, senza che ci siano elementi per stabilirlo – ha sostenuto la legale –. La prova che non andava così veloce è che la vittima sia riuscito a scansarsi». Nella sentenza di primo grado, ha aggiunto Zgraggen, «non è stato calcolato che quando l'impatto c'è effettivamente stato, dietro al 47enne c'era una vettura che gli avrebbe impedito di essere travolto e che l'impatto gli avrebbe potuto procurare una lesione alle gambe, che non sono organi vitali». A mente della difesa, la Corte delle Assise criminali «non ha analizzato il contesto in cui i fatti sono avvenuti». Una dinamica sviluppatasi «in un parcheggio privato, ma non sul rettilineo: come il 77enne ha sempre sostenuto, l'intenzione era quella di metterlo in un angolo, non di colpirlo o travolgerlo».

Danni fisici e psichici

Il 47enne, come anticipato, ha lasciato l'appartamento di Stabio poco dopo i fatti di tre anni fa. Quanto accaduto «gli ha procurato danni fisici e psichici» culminati in alcuni ricoveri. Evidenziando «un'attitudine palesemente punitiva, efferata e tenace» dell'imputato, «che non ha mostrato parole di pentimento o scuse», l'avvocato Sebastiano Pellegrini ha presentato una domanda di risarcimento per torto morale di 7'500 franchi. Richiesta a cui la difesa si oppone. 

Leggi anche:

Investì il vicino con l'auto, fu tentato omicidio

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Luganese
3 ore
Riprendono i lavori sulla A2 tra Lamone e Gentilino
In collina velocità limitata a 80 km/h, mentre allo svincolo di Lugano Nord si viaggia a 100 km/h
Bellinzonese
3 ore
Thriller poliziesco ambientato al Carnevale di Bellinzona
Nella Turrita sono in corso le riprese di ‘Alter Ego’, una serie Tv diretta da Erik Bernasconi e Robert Ralston, che andrà in onda sulla Rsi a fine anno
Luganese
6 ore
Condannato per aver truffato tre anziane del Luganese
Pena parzialmente sospesa per un 27enne reo confesso. Tra i nove tentativi di ‘falso nipote’ messi in atto nel settembre 2022, sei sono stati sventati
Locarnese
8 ore
Una nuova direzione per lo sviluppo del PalaCinema
Migliorare le sinergie tra gli inquilini, promuovere attività culturali e formative nel campo della settima arte le sfide che attendono il nuovo direttore
Luganese
9 ore
Blackout nel Luganese, quasi un’ora senza corrente
La causa è stata un guasto alla rete nazionale Swissgrid.
Ticino
10 ore
Attività invernali e fauna selvatica: prove di... convivenza
Quattro regole per non violare le ‘zone di tranquillità’: con ‘Rispetto è protezione – Sport sulla neve e rispetto’ Nature-Loisirs sbarca in Ticino
Mendrisiotto
10 ore
Ecco i pasti pronti che scaldano il cuore
L’associazione Lì&Là si occupa di fornire pranzi e cene alle famiglie con figli ospedalizzati. Un’idea nata dall’esperienza personale di Sveva
Bellinzonese
10 ore
A Bellinzona un centinaio di abitanti in più dal Luganese
Considerando arrivi e partenze, dai dati sulla popolazione emerge un saldo positivo (di circa 50 unità) pure da Locarnese, Tre Valli e Mendrisiotto
Gallery
Locarnese
13 ore
In Parlamento per promuovere il diritto all’accessibilità
Marco Altomare, 29enne di Losone, soffre di una malattia genetica rara. Ma questo non gli impedisce di tentare la carta del Gran Consiglio
Mendrisiotto
13 ore
La politica momò, tra municipali che vanno e che vengono
A Morbio Inferiore Fabio Agustoni lascia il gruppo Morbio 2030, ma resta come indipendente. Altra novità a Mendrisio, stavolta nel Centro
© Regiopress, All rights reserved