laRegione
il-piatto-di-gnocchi-ppd-resta-sullo-stomaco-ai-ristoratori
Per un pugno di,,, gnocchi (Ti-Press)
Mendrisiotto
28.02.21 - 20:280

Il piatto di gnocchi (Ppd) resta sullo stomaco ai ristoratori

A Mendrisio l'iniziativa elettorale dei giovani del partito ha suscitato le reazioni social di alcuni esercenti del Mendrisiotto

Cancellati comizi e pranzi, la campagna elettorale organizzata forzatamente a distanza (causa Covid-19) si è spostata (in parte) sui social. Un terreno che, spesso e volentieri, si rivela scivoloso. E capita che ci scappi un pasticcio, goloso a tavola ma spinoso in politica. Così succede che un piatto di gnocchi finisca per risultare indigesto agli 'avversari' politici - e fa parte del gioco -, ma soprattutto resti addirittura sullo stomaco di una categoria che sta soffrendo in modo particolare le ricadute della crisi sanitaria.

Ad avere l'idea, a Mendrisio, di avvicinare candidati ed elettori attraverso la cucina, dopo aver rinunciato alla risottata pre-elettorale di sempre, sono stati i giovani del Ppd. Legittimo, si dirà. Certo, il punto però è che in questo tempo sospeso le sensibilità si sono acuite; e il problema è quello di sbarcare il lunario. Così ancora prima di riuscire, letteralmente, a buttare gli gnocchi - o meglio a farli buttare a chi sta già pensando di prenotarsi -, pietanza promessa per il pranzo di domenica 14 marzo, a far fiondare ristoratori e non solo sulla tastiera è bastata una locandina pubblicata su Instagram.

Quando la polemica è gastronomicopolitica

L'iniziativa, come detto, non è proprio andata giù. Insomma, dai politici locali ci si aspettava qualcosa di più, si è fatto capire nel fine settimana un post dopo l'altro; soprattutto in un momento tanto difficile per chi è stato costretto a chiudere l'attività a seguito delle misure messe in campo per contenere i contagi. Quindi la polemica gastronomicopolitica si è spostata su facebook, dove sono fioccati i commenti. Il titolare di un grotto nel Distretto ha cominciato postando la fatidica locandina; e altri gli sono andati dietro. Perché, si sono chiesti subito i più, offrire degli gnocchi al ragù, da riservare e cucinare ciascuno a casa propria, e non appoggiarsi a un ristorante (chiuso) del posto?

Eppure la Città di Mendrisio è stata fra i primi Comuni del Mendrisiotto ad attivare agevolazioni e aiuti a sostegno delle realtà economiche locali. E proprio per questo, forse, l'azione del Ppd ha colpito i commentatori dei social. Le voci della categoria si sono levate in particolare per far sentire la loro delusione. È stato chiaro, infatti, che dalla politica nostrana ci si attendeva un supporto incondizionato: a volte anche un gesto fa la differenza. L'impressione, a dirla tutta, è stata che si è pronti a 'vendersi' - o sarebbe meglio dire a conquistare voti - per un piatto di gnocchi; come si legge neanche troppo velatamente fra le righe.

Il Ppd si difende: coinvolti i commerci locali

Dal Ppd, va detto, non ci si è sottratti al confronto. A metterci la faccia in facebook è stato Davide Dada Rossi, candidato al Municipio di Mendrisio. Rossi che ha cercato di motivare la scelta di partito: "In mancanza del tradizionale appuntamento elettorale dove Generazione Giovani offriva una risottata - ha cercato di difendersi -, si è optato per l’acquisto presso i commerci di Mendrisio dei prodotti che verranno distribuiti". Il punto è, si è fatto notare subito di rimbalzo, che non sono i negozi di alimentari ad assere in affanno, bensì gli esercizi pubblici.

'Questa è concorrenza'

Di fatto, si è lasciato intendere, la si è vissuta come una concorrenza sleale. Ciò che si è organizzato, ha ribadito il ristoratore che ha dato il là al botta e risposta, è stato fatto "a scapito di chi è costretto a stare chiuso". Sarebbe stato auspicabile, gli ha fatto eco un collega, essere coerenti e rinunciare del tutto agli eventi elettorali. Come dire, che non è tempo di marketing politico; il vero discrimine è quanto si fa per il territorio e la popolazione, si insiste da un post.

Anche gli esercenti, in ogni caso, lo sanno che i politici della Città (di qualsiasi colore) non mancano di approfittare del servizio di asporto assicurato da alcuni pure nel Mendrisiotto. Ma come si è visto non è sufficiente: il sostegno ha tante facce. "Mi toccherà - chiosa un altro ristoratore - offrire le consegne di domenica 14 marzo...". Per la serie, hashtag sosteniamolaristorazione.

TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
10 ore
Chiasso, videosorveglianza regionale come fiore all'occhiello
Sono una sessantina le postazioni che controllano il territorio convenzionato con la Polizia Regione 1. Parola alla capodicastero Sonia Colombo-Regazzoni
ELEZIONI COMUNALI
11 ore
Politica al femminile, per fare la differenza
Tra i candidati al Consiglio comunale dei Comuni del Mendrisiotto le donne rappresentano solo il 31,45%: intervista a due sindache e a una municipale
Locarnese
15 ore
La nuova tassa sui lampioni non piace
Gambarogno vorrebbe introdurla (minimo 25, massimo 60 franchi annui, per tutti). Ma c'è chi contesta
Bellinzonese
16 ore
In Ticino 74 nuovi contagi e nessun decesso
Nelle ultime 24 ore nel Cantone altri sette ricoveri. In undici hanno potuto lasciare le strutture sanitarie
Bellinzonese
20 ore
Metadone letale per una giovane a Giubiasco
Il piccolo quartiere residenziale di via Sasso Grande s’interroga dopo il decesso di una 22enne
Mendrisiotto
1 gior
A Chiasso giocando a tennis senza l'assillo del Covid-19
Taglio del nastro volto all'inaugurazione dell'impianto di sanificazione del Centro Tennis Club di Seseglio
Ticino
1 gior
Poche le segnalazioni di autotest positivi
Zanini: ‘Non sapremo mai la percentuale di persone che farà il proprio dovere chiamando l'hotline’
Ticino
1 gior
In piazza contro la violenza sessuale
Il collettivo ‘Io l’8 ogni giorno’ invita a manifestare lunedì prossimo. Sotto accusa la riforma blanda dei reati di natura sessuale
Luganese
1 gior
Poligono di tiro a Monteceneri, vince 'Fuoco e centro'
Fra i 23 partecipanti al concorso, la spunta il Consorzio Mons Ceneris. L'investimento totale è stimato in 60 milioni di franchi
Luganese
1 gior
Paradiso chiude i conti 2020 in attivo di 1,3 milioni
Il Consiglio comunale deciderà anche su nuovi investimenti per l'autosilo in zona riva lago, acqua potabile, scuola infanzia, zone verdi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile