laRegione
23.02.21 - 20:57
Aggiornamento: 24.02.21 - 10:05

Alimentari griffati Valle di Muggio

Chiara Bazzoni e Livio Arrigoni hanno avviato un'attività di coltivazione e produzione che si svolge tra Morbio Superiore e Bruzella

alimentari-griffati-valle-di-muggio
Livio Arrigoni e Chiara Bazzoni nel loro laboratorio (Ti-Press/Elia Bianchi)

È iniziata come una passione, è diventata una piccola attività e domani potrebbe diventare un lavoro a tempo pieno. Con un punto fermo che non cambierà: l'amore per la terra e per la Valle di Muggio. Marito e moglie da due anni, dallo scorso mese di luglio Chiara Bazzoni, 32 anni, e Livio Arrigoni, 24 anni, sono i titolari della ‘Prodotti Arrigoni’ di Morbio Superiore. Un'attività che si svolge tra Morbio Superiore, dove la coppia vive, ha il laboratorio e coltiva erbe aromatiche e fiori, e Bruzella, dove Livio è nato e cresciuto e dove c'è l'orto in cui vengono curate frutta e verdura. «Io sono un architetto e ho da sempre la passione del giardinaggio, mentre Chiara è aiuto cuoca – spiega Livio Arrigoni –. Dopo aver realizzato i primi prodotti, abbiamo comprato un essiccatore. I primi riscontri e lo stimolo a fare di più è arrivato dai pareri positivi che abbiamo ricevuto da amici e parenti». L'attività è così iniziata «con lo sviluppo di qualche nuova ricetta e con la partecipazione a qualche mercatino». Chiara al momento si occupa a metà tempo della cucina, della parte amministrativa e dei mercatini, mentre Livio la sera e nei fine settimana, si dedica all'orto. Di origine italiana, Chiara vive a lavora nel Mendrisiotto da 12 anni. «La Valle di Muggio è molto bella e mi trovo benissimo – racconta –. Da qualche anno volevo diventare indipendente: la produzione è iniziata con marmellate e pensierini per Natale. Dopo l'acquisto dell'essiccatore mi sono venute in mente tantissime idee e ricette. Ed eccoci qua: abbiamo sviluppato l'attività in piena pandemia, ma siamo positivi e speriamo di poter continuare al meglio».

Tutto fatto in casa

Il motto scelto da Livio e Chiara per la loro attività – ‘Tüta ròba fàia in cà dala Val da Mücc e mia dumà’ – rispecchia quella che è la loro filosofia. «Ogni tanto prendiamo della verdura da amici che rispettano la nostra filosofia – aggiunge Livio –. Nel nostro orto non usiamo nessun tipo di pesticida o prodotti chimici e rispettiamo molto la stagionalità». A questo si aggiunge il fatto che «se una pianta si ammala, proviamo a curarla con metodi naturali. L'anno scorso, per esempio, abbiamo avuto dei problemi con i pomodori e a fine stagione il raccolto è stato molto piccolo, ma non siamo andati ad acquistarne altri proprio per rispettare il fatto di avere prodotti della Valle di Muggio». Quali sono quindi i vostri prodotti? «Proprio per il rispetto del ciclo naturale – risponde ancora Livio –  sono abbastanza variati». Nel catalogo ci sono tisane («con erbe officinali o che andiamo a raccogliere allo stato selvatico»), un dado vegetale («è fatto al 100 per cento con le nostre verdure: abbiamo deciso di non esagerare con il sale proprio per far sentire il gusto delle verdure ed esaltare il suo sapore»), frutta essiccata, castagne sciroppate («con il nocino di nostra produzione»), diversi liquori («come il liquore di castagne raccolte qui in zona») e marmellate. Tra i prodotti che vanno letteralmente a ruba i nostri interlocutori inseriscono le verdure (pomodori, zucchine e melanzane) in vinaigrette e i crackers di zucca e cavolfiore. Quale tra questi può essere definito come il vostro prodotto tipico? «Un po' tutto – risponde Chiara sorridendo –, ma il dado è quello che mi dà una maggiore soddisfazione».

‘Manca il contatto con le persone’

Il percorso avviato da Chiara Bazzoni e Livio Arrigoni dimostra ancora una volta l'apprezzamento per i prodotti a chilometro zero. La pandemia lo ha evidenziato? «Già prima l'interesse era buono – conferma Livio –. Grazie al mercatino virtuale nato su Facebook – al quale si aggiungono le pagine social che portano il nome dell'attività – siamo stati raggiunti da tante persone e tra loro, alcune sono diventati clienti fissi. La chiusura delle persone in casa e il riuscire a pubblicare i nostri prodotti sui social ci ha aiutato ad avere maggiore visibilità: nonostante l'assenza di fiere e mercatini, le vendite sono andate bene». Qualcosa, però, è inevitabilmente cambiato. «Quello che manca e che è importante per la nostra attività è il contatto con le persone e il poter raccontare chi siamo, cosa facciamo, la nostra filosofia e spiegare come nascono i prodotti». C'è una domanda che vi viene posta con regolarità? «Si vuole sapere se è tutto a chilometro zero e se sono prodotti nostri – commenta ancora Livio –. Il messaggio passa e il riscontro è buono».

Verso l'ampliamento dell'attività

La ‘Prodotti Arrigoni’ guarda anche al futuro. «Abbiamo sempre nuove idee e nuovi prodotti – ammette Livio –. Le superfici sono per il momento limitate, ma abbiamo in progetto di ampliare le superfici coltivate e stiamo cercando dei terreni in Valle di Muggio». Nelle intenzioni dei due giovani, in futuro questa sarà la loro attività principale. «Chiara si occuperà a tempo pieno di amministrazione, cucina e dei mercati». Livio continuerà con la coltivazione e la germinazione delle piante. «Non è facile conciliare le due professioni – sottolinea –, le giornate sono lunghe ma non mi pesa perché è una passione e ne vale la pena: il cliente che ritorna è la soddisfazione più grande».

Progetti culinari in cantiere

Il catalogo, come visto, è già ben fornito. Nella mente di Chiara ci sono però diversi progetti. «Tra questi ci sono le chips di verdura – ci dice –. Utilizziamo vasetti di vetro per evitare la plastica. Sto facendo delle prove sia nei vasetti che con dei sacchetti per capire quale, dopo un anno, lascia il prodotto migliore». Le idee non mancano. «Non ci siamo voluti fermare su un singolo prodotto – aggiunge Chiara –. Ci saremmo potuti fermare al dado perché piace tanto, ma visto che ho la passione per la cucina (ereditata da mio papà e da mio nonno), ho scelto di spaziare su altri prodotti per tenermi in movimento. I due essiccatori, del resto, funzionano di norma 10 mesi l'anno». Il momento di tregua – «ne abbiamo approfittato per cercare il terreno» – è quello dei mesi di gennaio e febbraio. «Finiti i crackers, ci prendiamo una pausa fino ai fiori: i primi che raccogliamo sono le primule». Per il futuro c'è in cantiere anche una composta di cipolle della Valle di Muggio. «Attualmente abbiamo quella di Tropea – conclude Chiara –. Quest'anno voglio provare a farla con le nostre cipolle».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
11 min
Locarno, licenziato l’agente dei presunti atti d’esibizionismo
L’Esecutivo cittadino ha comunicato in giornata la decisione presa. Il poliziotto, dal canto tuo, ricorrerà al Consiglio di Stato
Bellinzonese
12 min
Camorino: ‘La Città si ricordi la nostra volontà politica’
Le esortazioni dell’ex sindaco Donadini, mense scolastiche, parchi giochi e una sede per le società: sono alcuni temi dell’incontro col Municipio turrito
Mendrisiotto
22 min
Ritorno al salario minimo: ‘Doveva andare così’
Il fronte sindacale (Ocst e Unia) commenta il dietrofront di Ticino manufacturing. Rischio delocalizzazione, ‘si paga pegno ma non alla legge’
Ticino
5 ore
Ticino Manufacturing lascia TiSin e si adegua al salario minimo
L’associazione annuncia di aver sciolto il contratto con il ‘sindacato’ e di aver ritirato il ricorso contro la decisione dell’Ispettorato del lavoro
Locarnese
7 ore
Troppi supermercati e troppo traffico in quel di Losone?
Attraverso un’interpellanza Mario Tramèr (il Centro) chiede al Municipio se e come potrebbe il Comune limitare l’insediamento di nuove attività simili
Ticino
9 ore
Caccia alta, sei persone denunciate per gravi infrazioni
Il Dipartimento del territorio rende noti i dati sulla stagione appena conclusa. Abbattuti più cervi rispetto al 2021, meno cinghiali e camosci
Luganese
9 ore
Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’
Per la Conferenza cantonale dei genitori è importante che si riduca il rischio di situazioni simili. Contrastanti, intanto, le reazioni dei genitori
Ticino
12 ore
Crisi energetica e telelavoro, Ocst: ‘Vigili sì, preoccupati no’
Dal sindacato cristiano sociale un webinar informativo. Isabella: ‘Non c’è giurisprudenza, partenariato importante’. Alari: ’Le spese preoccupano’
Ticino
12 ore
Sicurezza e prevenzione: gli occhi e le orecchie del Gpn
Gestione della minaccia: ruolo e missione del gruppo di specialisti della Polizia cantonale. Al quale il governo vuole ora dare una chiara base legale
Luganese
19 ore
Lugano: in arrivo Expo Ticinotour, grande fiera vintage
L’evento è in programma sabato 1° ottobre al Padiglione Conza: oltre 120 espositori, food-truck, bar, sala giochi, veicoli d’epoca e molto altro
© Regiopress, All rights reserved