laRegione
laR
 
10.02.21 - 19:21

Assembramento alle Medie di Stabio. Arriva la Polizia

Dispersa una cinquantina di ragazzi. Nel comprensorio di Mendrisio non è la prima volta: già staccate diverse multe

assembramento-alle-medie-di-stabio-arriva-la-polizia
Da sempre è un luogo di ritrovo (Ti-Press)

Sono trascorsi solo dieci giorni da quando, in Ticino, visti i tempi di Covid una leggerezza si è trasformata in una infrazione. Eppure anche sul territorio del Mendrisiotto sono già fioccate le contravvenzioni. Più della mascherina abbassata (o addirittura assente) a far scattare la sanzione disciplinare sono stati gli assembramenti: ritrovarsi in più di cinque persone in un luogo pubblico o privato va oggi, infatti, contro le regole di comportamento, ma soprattutto viola l'ordinanza Covid-19. Come dire che la multa è assicurata. Se ne sono accorti coloro che in questo ultimo lasso di tempo sono finiti nelle maglie dei controlli di Polizia. E in tutti i casi registrati nella Regione II che fa capo al polo di Mendrisio a essere pizzicati 'in flagranza' sono stati dei giovani.

In una cinquantina sul piazzale delle scuole a Stabio

Alle spalle quasi un anno trascorso ormai sotto la cappa del coronavirus, i ragazzi cominciano a sentire la stanchezza dettata dall'impossibilità di condurre una vita 'normale' al di fuori dell'orario scolastico. A restituire tutta l'evidenza di questa fatica è stato, sabato sera, a Stabio, quanto accaduto sul piazzale della scuola media, da sempre un luogo di ritrovo soprattutto per gli alunni dell'istituto. La voglia di incontrarsi e fare due chiacchiere in libertà ha portato, in effetti, una cinquantina di giovanissimi a radunarsi all'esterno della sede. La loro presenza, però, non è passata inosservata. Una pattuglia della Polizia della Città di Mendrisio di ronda ha notato l'assembramento e ha chiesto rinforzi ai colleghi della Polizia Cantonale già presenti in quel momento nella regione, coordinandosi altresì con la Polizia di Stabio. Confluiti sul posto, gli agenti hanno quindi proceduto ai controlli e all'identificazione dei ragazzi. Ciò che potrebbe essere il preludio a una contravvenzione.

'I ragazzi fanno fatica ad adeguarsi'

Il comandante della Polizia comunale di Stabio Claudio Botti conosce bene le abitudini degli alunni del paese e dei dintorni che frequentano la Media. «Arrivano alla spicciolata anche dai Comuni limitrofi - ci conferma -. Alcuni trascorrono lì la serata, altri si spostano altrove. Questo è un periodo particolare e i ragazzi - annota con tono paterno - fanno fatica a mettere in pratica le regole determinate dalla pandemia e dalla necessità di arginare i contagi, dunque a sopportare le restrizioni imposte». Va detto, a favore dei giovani, che lo spazio all'esterno della scuola è ampio. «Vista la situazione, però, non si è potuto fare altro che disperdere l'assembramento - ribadisce il comandante -. Noi cerchiamo di farci vedere per dissuaderli, ma loro stessi faticano a capire perché possono stare insieme a scuola o salire su un bus o un treno affollato e non possono ritrovarsi all'aperto».

Esternano, quindi, anche a voi agenti il loro bisogno di incontrarsi. «I ragazzi cercano di rispettare le regole, ma per loro non è semplice. Si vede che sono ormai stanchi di questa situazione - ci dice Botti -. Da parte nostra tentiamo un approccio che predilige il dialogo prima di intervenire. Cerchiamo, insomma, di far passare il messaggio». Anche perché l'impressione, ora come ora, è che il Covid ci costringerà ancora per un po' a delle limitazioni. 

Multata una trentina di giovani

Martedì, però, la Polizia della Città di Mendrisio, con cui Stabio è convenzionato, ha dovuto tornare sul territorio comunale. Un altro gruppetto di giovani si è dato appuntamento sempre in uno spazio pubblico. Una decisione che non è rimasta priva di ricadute: alle famiglie dei sette ragazzi in questione è stata recapitata la contravvenzione. Ma questo, ci fa capire il comandante Patrick Roth, non è stato che l'ennesimo assembramento con cui gli agenti si sono trovati confrontati.  A finire nella lista dei multati nel comprensorio del capoluogo sono stati un'altra ventina di studenti. Due le feste intercettate in altrettante abitazioni private. In entrambi i casi le persone presenti erano ben più delle cinque consentite. In effetti, a ricevere una sanzione disciplinare sono stati, in totale, in 23. Con una differenza, ci spiega il comandante: gli organizzatori dovranno pagare 200 franchi di contravvenzione, visto la loro responsabilità accresciuta, i partecipanti 100 franchi. L'attuale base legale, tra l'altro, snellisce le procedure. Come dire, prima di darsi appuntamento meglio pensare alle conseguenze, sanitarie ma non solo.

 

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Abbattuto un giovane lupo in Valle di Blenio
La sua cattura, avvenuta lunedì sera ad Aquila vicino all’abitato e a una stalla, era stata autorizzata il 23 novembre
Bellinzonese
3 ore
Rabadan in rosso, fra le novità 2023 un lieve aumento dei prezzi
Perdita di 117mila franchi, di cui 41mila per Lumino. Via il braccialetto, arriva il QR code. Si lavora a un programma completo. Ecco il gioco da tavolo
Mendrisiotto
6 ore
Piscina coperta regionale, ‘il Cantone dia delle certezze’
Tre deputati momò del Centro tornano alla carica. Sul progetto il Distretto attende ‘risposte chiare e inequivocabili’
Locarnese
6 ore
Via Stazione: dall’autosilo in giù tutto il fronte sarà demolito
Da ieri all’albo comunale di Muralto il progetto da 50 milioni per due nuove costruzioni a contenuti misti e un diverso “rapporto” con il Grand Hotel
Ticino
6 ore
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
Luganese
11 ore
Fra i 17 e i 27 milioni per la nuova piscina di Trevano
La notizia è trapelata a margine dell’assemblea dell’Ente regionale di sviluppo del Luganese. Passi in avanti per il Parco regionale del Camoghè.
Mendrisiotto
13 ore
Un territorio raccontato attraverso tredici storie di vita
Le conversazioni del poeta Massimo Daviddi e i ritratti del fotografo Aldo Balmelli in un libro che restituisce lo sguardo dei protagonisti
Ticino
15 ore
Tetto ai premi di cassa malati, Carobbio: ‘Grave non parlarne’
Per la consigliera agli Stati il ‘no’ all’entrata in materia è ‘un brutto segnale’. Chiesa: ‘rifiutiamo il principio, e per il Ticino cambierebbe poco’
Luganese
16 ore
Lugano, il futuro del fiume Cassarate passa dal Liceo 1
Per la riqualifica un’inedita collaborazione fra Dipartimento del territorio e ragazzi dell’istituto scolastico, fra nuovi accessi e un percorso didattico
Ticino
16 ore
Vigilanza sulla Procura federale, proposta Fiorenza Bergomi
La Commissione giudiziaria sottopone le proprie indicazioni all’Assemblea federale in vista delle nomine in programma per il 14 dicembre
© Regiopress, All rights reserved