laRegione
08.02.21 - 18:01
Aggiornamento: 20:47

Da meccanico a spacciatore in tre mesi, e ritorno

Condannato dalle Assise criminali di Mendrisio un giovane albanese per aver trafficato nel Sottoceneri un chilo e mezzo di cocaina

da-meccanico-a-spacciatore-in-tre-mesi-e-ritorno
Polvere (Ti-Press)

Un'occupazione come meccanico in un'industria locale di una cittadina nel cuore dell'Albania. Poi improvvisamente perde il lavoro e quel poco di stabilità economica con cui sosteneva anche i suoi genitori. Disorientamento e sfiducia lo portano così ad allacciare pericolose amicizie che lo convincono a recarsi in Svizzera per essere parte di un ingente traffico di cocaina. Un'attività criminosa, e una tentazione troppo forte, che in tre mesi lo portano a spacciare oltre un chilo e mezzo di sostanza stupefacente.

Il ventiquattrenne, cittadino albanese, è stato condannato dalle Assise criminali di Mendrisio, riunite a Lugano, e presiedute dal giudice Marco Villa, affiancato dai giudici a latere Aurelio Facchi e Manuel Borla, a tre anni e tre mesi di carcere, e all'espulsione dal suolo confederato per dieci anni. In circa tre mesi, fra il marzo e il giugno 2020 (dunque nel pieno del lockdown dovuto alla pandemia da coronavirus) è stato uno degli anelli di un'importante organizzazione criminale di stampo albanese che aveva quale principale 'business' il traffico di droga. Svariate le località nelle quali ha agito: da Campione d'Italia a Solbiate, in provincia di Como, da Mendrisio a Viganello, al Canton Lucerna. La Corte lo ha ritenuto colpevole per aver acquistato, importato (insieme a due correi) e alienato 1'542,73 grammi di cocaina. Droga che veniva venduta in buste da 700 milligrammi a un prezzo fra i 70 e i 100 franchi, per un potenziale di guadagno di oltre 220mila franchi.

Al 24enne è stato, pure, imputato il reato di ripetuto riciclaggio di denaro: sempre la scorsa primavera, su indicazione dei vertici della banda, aveva inviato in Albania, attraverso le note agenzie di trasferimento di denaro, un importo complessivo di 9'668 franchi, pur sapendo di essere il provento dell'attività di spaccio di droga. A fare da corollario, la ripetuta contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti per aver consumato e detenuto per uso personale, nell'appartamento di Mendrisio (al giovane sono state trovate anche le chiavi di un pied-à-terre nell'enclave) qualche decina di grammi di cocaina e marijuana.

Incensurato, tanto in Svizzera quanto in Italia, col progetto di vita di tornare in Albania e farsi riassumere dalla ditta dove già lavorava, il giovane era reo confesso. Una collaborazione – come non ha mancato di ricordare la procuratrice pubblica Margherita Lanzillo nel chiedere una pena superiore ai 36 mesi e attorno ai 40 – «che c'è stata fin dall'arresto (il giugno scorso, ndr) e che ha permesso di identificare prima i correi e poi chi c'era sopra di lui». Non era però, secondo l'accusa, «il classico cavallino, ma colui che era chiamato a gestire il denaro, e dunque più vicino a chi era a capo del traffico. L'imputato non era il classico consumatore – ha aggiunto – ma ha agito meramente per scopo di lucro». Diversa, suppur limitatamente, la posizione del difensore d'ufficio, Fabiola Malnati, che ha indicato, per il contenimento della pena in 36 mesi, una serie di attenuanti.

Dopo meno di due ore dall'inizio del dibattimento il presidente ha annunciato la sentenza che ha tenuto conto della collaborazione, della giovane età e dal desiderio di voler tornare in Patria e 'ricambiare' vita. Non senza però ricordare come il traffico, ingente, di droga sia stato organizzato in un breve lasso di tempo e con un guadagno altrettanto considerevole. Migliaia di franchi che in Albania significano mesi e mesi di onesto lavoro.   

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
1 ora
Trasporto di 712 grammi di eroina, l’incarto torna al Ministero
La droga è stata intercettata a Coldrerio. La Corte delle Assise criminali non ha approvato l’atto d’accusa emesso nei confronti di un 49enne svizzero
Ticino
3 ore
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
5 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
5 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
8 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
8 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
8 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
8 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
15 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
15 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
© Regiopress, All rights reserved