laRegione
04.02.21 - 19:23
Aggiornamento: 22:51

A Mendrisio Lega-Udc-Udf lanciano la sfida (per il sindaco)

Da Destra si alzano le ambizioni (rispetto a un anno fa). Alla Città, si ribadisce, servono una politica delle decisioni e un maggior peso contrattuale

a-mendrisio-lega-udc-udf-lanciano-la-sfida-per-il-sindaco
Pronti alla sfida: da sin. Sutter, Robbiani, Caverzasio, Rossini, Albertalli, Pellegrini e Pasi (Ti-Press)

Si dice che fra i due litiganti il terzo goda. A sorpresa a questa tornata elettorale il proverbio potrebbe calzare bene a Mendrisio. Mentre tra Plr e Ppd si lanciano strali - rigorosamente a distanza -, la Lega, alleata all'Udc e a braccetto con l'Udf (l'Unione democratica federale), affila le armi.  Per lanciare il guanto di sfida agli avversari politici, oggi, giovedì, il gruppo ha schierato la squadra in lizza per il Municipio in... presenza, al Centro di pronto intervento. Gli uomini e la donna in corsa non sono cambiati rispetto a un anno fa. Anche il grido di battaglia non è mutato, decisi adesso come prima - ante pandemia - a cogliere l'attimo. Perché, fanno capire a chiare lettere, è sempre tempo di decisioni, soprattutto a Mendrisio. La sfumatura del 2021 (a fronte di quella del 2020) è piuttosto un'altra. Dichiarati gli obiettivi elettorali - raddoppiare i seggi in Municipio, dove ora siede Daniele Caverzasio, e consolidare il numero di consiglieri comunali, 16 in questa legislatura -, l'interesse verso il sindacato è parso assai meno tiepido. La partita, insomma, chiarisce lo stesso Caverzasio (al momento pure primo cittadino del cantone), se la giocheranno fino in fondo. L'intenzione di far pendere la bilancia un po' più a Destra appare evidente. Senza precludersi, però, la via del dialogo con le altre forze politiche: se si cercheranno delle intese trasversali lo si farà sui temi, lancia il messaggio il municipale uscente; tutto nel segno del compromesso svizzero.

Schierata la squadra

L'impressione, quindi, è che la prova delle urne per la Città sarà meno sottotono di quanto lasciava intendere l'ombra della crisi sanitaria da Covid-19. Anzi, le difficoltà portate con sé dalla pandemia non hanno fatto altro, precisa Benjiamin Albertalli, tra i candidati all'esecutivo (oltre che in Consiglio comunale dal 2016) e 'voce narrante' nella presentazione di compagine e ambizioni, che «rafforzare ancora di più l'impegno». Un impegno, si fa capire, che cammina sulle gambe dei sette candidati. Anche perché la lista, si tiene a far sapere, è stata scelta in modo «sereno e coeso». Così si ripropongono, accanto a Caverzasio e Albertalli, Massimiliano Robbiani, già municipale, oggi capogruppo in Consiglio comunale nonché gran consigliere, Simona Rossini, fresca di Consiglio comunale, Nadir Sutter, nel legislativo dal 2016 e in quota Udc, Pierluigi Pasi, il nome a sorpresa l'anno scorso per l'Udc, già procuratore federale capo ed ex giudice con alle spalle un'esperienza consiliare tra il 1992 e il 1998, e infine Roberto Pellegrini, appena subentrato in Consiglio comunale e volto dell'Udf, dunque espressione del lato cristiano del gruppo.

'Perché non pensare al sindacato?'

Se i cavalli di battaglia del gruppo - che si richiama più volte alla sua anima sociale - sono ormai noti, meno scontate sembrano le sue aspirazioni al tavolo dell'esecutivo. Cosa è cambiato rispetto al 2020?, ci è venuto da chiedere. «È cambiata la consapevolezza in noi stessi - ci risponde Caverzasio -. La lista è forte e complementare nei suoi profili e può fare molto bene». Il che già vale una dichiarazione di intenti. Ma il municipale uscente si spinge oltre. «A Mendrisio il 53 per cento della popolazione la pensa come noi su determinati temi, come la libera circolazione. Quindi, per quale motivo non farci un pensierino o escludere a priori la possibilità di pensare al sindacato». In fondo, ammicca, anche altri partiti si sono esposti quanto a voglie di raddoppio. Per ora, comunque, si tengono i piedi piantati a terra. «Se ne parlerà dopo il primo turno», senza negarsi nulla.

A ben vedere, richiama dal canto suo Pierluigi Pasi, nello spazio di dodici mesi è «cambiato il mondo. Ciò che è accaduto - annota ancora - può rimettere in discussione tutto. Non sappiamo quale sarà il conto da pagare alla pandemia». Una ragione in più, ribadisce Pasi, per dare alla Città un Municipio che sappia «riprendere in mano le redini del proprio destino», nel solco di una «politica decisionale alla sua altezza». E il riferimento non è di certo puramente casuale.

Gli 'assi di intervento'

Per Lega-Udc-Udf sono tre i campi d'intervento ancorati al programma della prossima legislatura (2021-2023): i rapporti fra cittadini e Comune (ma anche le altre istituzioni, Cantone e Confederazione, inclusi), lo sviluppo e l'attrattività territoriale e la qualità di vita. Dovendo, però, scegliere, due paiono i capisaldi dell'azione politica del gruppo. Il primo è di sicuro il moltiplicatore, da "mantenere attrattivo", dunque 'intoccabile' (meglio "l'attenzione alla spesa pubblica"). Il secondo è il ruolo di Mendrisio, la cui forza contrattuale, rimarca Caverzasio, «è andata scemando sempre di più». Per la serie che è tempo per la Città di far sentire la sua voce, anche a livello cantonale e federale. Senza trascurare, e qui dà l'affondo, che «il cambio di sindacato e dei quattro settimi del Municipio non ha aiutato».

Poi ci sono le rivendicazioni: lo sguardo verso il ceto medio-basso da leghisti sociali - che Robbiani fa suo - e la difesa (anche a suon di petizioni) di alcuni snodi di questi ultimi cinque anni, dalla fermata degli Intercity a Mendrisio al reparto di ostetrica all'Obv, allo sportello di BancaStato. Fronti sui quali anche i consiglieri comunali (uscenti e aspiranti) sono pronti a spendersi. In lizza ci sono Benjiamin Albertalli, Alessio Allio, Samuele 'Bobo' Caimi, Claudio Canonica, Marcello Castelletti, Daniele Caverzasio, Mario Della Casa, Paola Galfetti, Roberto Pellegrini (Udf), Massimiliano Robbiani, Nicholas Robbiani, Simona Rossini, Lorenzo Rusconi, Enrico Spadini, Nadir Sutter (Udc) e Fabrizio Visparelli (Udc).

 

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Gallery
Locarnese
13 ore
La Colonna Alpina di Soccorso ha una nuova casa
Cerimonia di inaugurazione stamane a Riazzino per la sede del Cas Locarno: il coronamento di un progetto nato nel 2020
Gallery
Ticino
13 ore
I Verdi liberali: ‘Almeno due deputati in Gran Consiglio’
Elezioni cantonali 2023, il Pvl Ticino presenta la lista per il governo e il programma. Parlamento, fiducioso l’ex presidente Mobiglia: è la volta buona
Mendrisiotto
21 ore
Morbio Inferiore, si accende la discussione sul moltiplicatore
Il Municipio propone due punti in meno. La minoranza della Gestione: ‘scelte mirate senza scivolare in tentazioni propagandistiche’. Ultima parola al Cc
Locarnese
21 ore
Tegna, l’ultimo grido del presidente: ‘Salviamo il campo!’
Marco Titocci ha firmato da solo il rapporto di minoranza commissionale sul messaggio con le varianti di Pr nel comparto Maggia-Melezza
Luganese
21 ore
Un laghetto di Muzzano sempre più... “nature”
Intervento in vista per la riva nord-est, prosegue il programma di valorizzazione avviato vent’anni fa
Mendrisiotto
1 gior
Evasione fiscale in un locale a luci rosse di Chiasso
Le prime indicazioni parlano di diversi milioni di franchi non dichiarati. Sequestrato materiale informatico.
Ticino
1 gior
‘In Gendarmeria mancano effettivi’
Gli agenti affiliati all’Ocst chiedono le necessarie risorse affinché la Cantonale possa operare in modo adeguato. Il sindacato ha ora due copresidenti
Locarnese
1 gior
Locarno, arrestata la vittima del pestaggio in Rotonda
Il 26enne dello Sri Lanka è stato trasferito in Ticino su ordine della Procura. Per lui, che nega ogni addebito, si ipotizza l’accusa di tentato omicidio
Ticino
1 gior
Amalia Mirante è pronta per presentare ‘Avanti’
Questo il nome che l’ex esponente del Partito socialista ha scelto per il suo ‘movimento’. I contenuti verranno presentati lunedì
Ticino
1 gior
Fra le caselle dell’avvento occhio a non aprir quella dei radar
L’elenco delle località dove settimana prossima verranno eseguiti controlli
© Regiopress, All rights reserved