laRegione
20.01.21 - 16:30
Aggiornamento: 19:09

Morbio Inferiore, altri 25 casi nel focolaio alle scuole

Il risultato a seguito degli oltre 460 test effettuati fra le persone poste in quarantena. Probabile riscontro della variante inglese in 11 casi.

morbio-inferiore-altri-25-casi-nel-focolaio-alle-scuole
(Ti-Press)

Altri 25 casi di coronavirus, di cui 11 riconducibili, con tutta probabilità, alla variante inglese del virus, rilevati nel corso dell'indagine ambientale a seguito del focolaio all’interno della scuola media di Morbio Inferiore rilevati su oltre 460 test effettuati. I nuovi contagi vanno ad aggiungersi ai 14 già rilevati, di cui 2 di variante inglese, che hanno portato domenica l’Ufficio del medico cantonale, d’intesa con il Decs, a porre in quarantena allievi e docenti. Le persone poste in quarantena, comunica il Dss, sono state invitate a sottoporsi a un test di depistaggio gratuito e volontario: l’80% degli interessati si è già sottoposto a striscio già solo al checkpoint di Mendrisio. I 25 casi positivi emersi rappresentano poco più del 5% sul totale dei test effettuati. Per la conferma della presenza della mutazione inglese del virus è comunque necessario il sequenziamento del campione in fase di analisi, mentre per un’indicazione attendibile è sufficiente il test Pcr specifico svolto in questi giorni dai laboratori interessati.

Complessivamente, dal 7 gennaio a oggi i casi positivi fra allievi e docenti della scuola media di Morbio sono quindi 39, comunica il Dss. I contatti stretti dei 39 casi sono stati posti in quarantena dal servizio di contact tracing, che ha proposto loro di sottoporsi a un test nei prossimi giorni.

Test gratuito e volontario per i possibili contatti dei contagiati

Data l'estensione del focolaio e comprovato il legame epidemiologico con il focolaio della casa per anziani di Balerna, l’Ufficio del medico cantonale ha deciso di estendere ulteriormente l’indagine ambientale in corso. L’autorità invita pertanto a sottoporsi a un test - da domani a domenica - tutte le persone che non sono già state poste in quarantena e che ritengono di aver avuto un contatto con chi è interessato dai focolai in questione: parenti dei residenti che sono stati in visita alla casa per anziani di Balerna, genitori degli allievi della scuola media, amici che hanno svolto attività sportive con ragazzi che frequentano la scuola media di Morbio, eccetera. Il test è gratuito e volontario, l’invito è ad approfittarne affinché si possa ulteriormente stabilire la diffusione del virus. Per farlo occorre annunciarsi alla hotline cantonale (telefono 0800 144 144 fra le 8 e le 18, mail testcovid@fctsa.ch) per ricevere un appuntamento al checkpoint di Mendrisio, che sarà potenziato per garantire questa offerta. Il Dss raccomanda alla popolazione di non presentarsi spontaneamente al checkpoint.

Tutti in scuola a distanza

Mercoledì mattina la scuola media di Morbio è passata alla scuola a distanza secondo le indicazioni previste dallo scenario 3. Il passaggio è avvenuto senza grandi problemi: i docenti dell’istituto hanno già potuto prendere contatto con gli allievi, avviare i primi momenti di insegnamento tramite Teams e mettere a disposizione i materiali didattici attraverso la piattaforma Moodle. Attualmente gli allievi seguono le lezioni a distanza secondo l’abituale griglia oraria. Alcuni problemi tecnici che si sono manifestati nella fase di avvio sono stati prontamente risolti e, sempre sul piano tecnico, a una quarantina di allievi che ne avevano bisogno è stato fornito un computer. Il passaggio alla scuola a distanza è stato facilitato dal fatto che buona parte del corpo docente ha frequentato i webinar di formazione sulla didattica a distanza proposti dal Decs negli scorsi mesi. A questo proposito si segnala inoltre che l’istituto ha designato dei docenti con più esperienza quali referenti (‘antenne’) per i docenti meno sperimentati nella didattica a distanza. Il DECS segue da vicino l’andamento del confinamento della scuola media di Morbio e si tiene pronto a fornire supporto sul piano tecnico e/o didattico nel caso fosse necessario. Si ricorda che le IPG Corona sono previste per i genitori che devono interrompere la propria attività lucrativa in seguito a una quarantena ordinata al figlio; questi hanno diritto all’indennità sopraccitata solo se la modalità telelavoro non può essere esercitata.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
4 min
Nodo viario di Ponte Brolla, le criticità discusse dai residenti
L’Associazione Quartiere Solduno-Ponte Brolla-Vattagne promuove un incontro con gli abitanti per fare il punto ai contestati progetti di Fart e Cantone
Luganese
8 min
Una vita in Pretura: ‘La volontà di rendere giustizia’
Intervista a Franca Galfetti Soldini che dopo vent’anni (trentaquattro in totale) lascerà la guida della Sezione 3 della Pretura di Lugano
Gallery e video
Bellinzonese
2 ore
La denuncia: ‘Abbiamo visto pecore malate e morte di stenti’
Due escursionisti testimoniano lo stato precario in cui hanno ripetutamente trovato un gregge di ovini vicino al Passo di Lucendro
Ticino
2 ore
Finanziamento degli Spitex ticinesi sotto la lente della Comco
La Commissione della concorrenza: ‘Le imprese private potrebbero vedersi limitate nel loro sviluppo, a scapito di un efficiente mercato concorrenziale’
Ticino
11 ore
Cassa pensioni pubblica, ‘più che un pilastro è un grissino’
Oltre 3mila dipendenti dello Stato in piazza a Bellinzona per protestare contro il taglio del 20% alle pensioni, il secondo in 15 anni.
Ticino
11 ore
La varesina Lara Comi ritorna a Bruxelles
Il dopo elezioni in Italia e gli effetti del ciclone Meloni
Ticino
12 ore
Al telescopio per ammirare Luna, Giove e Saturno
Riprendono le osservazioni astronomiche notturne alla Specola solare Ticinese. La prima venerdì 30
Mendrisiotto
12 ore
Un principe poco da favola di un regno di bugie
Chiesti 7 anni di carcere per il sedicente erede del re d’Etiopia, accusato di aver truffato tre imprenditori del Mendrisiotto per quasi 13 milioni
Ticino
13 ore
Il preventivo di oggi, le lacrime e sangue di domani
Il Consiglio di Stato presenta una previsione coerente con gli impegni, ma i partiti sono preoccupati. Le reazioni di Plr, Ps, Centro, Lega, Udc e Verdi
Bellinzonese
13 ore
Cima Piazza Giubiasco, allungare la staccionata ‘non è escluso’
L’incidente capitato a un bambino fa riflettere sulla sicurezza dell’area, anche se nei pressi di una zona a 30 km/h non sono obbligatorie recinzioni
© Regiopress, All rights reserved