laRegione
18.01.21 - 06:00

Vaccini 'extra', come la Girotondo altre tre case della rete

Il direttore Ecam Briccola spiega: 'Era l'ultima ratio proposta per non sprecare le dosi'. La Lega va alla carica e chiede spiegazioni

vaccini-extra-come-la-girotondo-altre-tre-case-della-rete
Così anche alla Torriani e alla Quiete a Mendrisio e alla Santa Filomena a Stabio (Ti-Press)

Vi è stato un 'uso privato di vaccino pubblico'? Oggi a lasciare in sospeso l'interrogativo è soprattutto la politica. Dentro le case per anziani, alla fine, si è cercato di fare di necessità virtù. Dai vertici dell'Ente case anziani Mendrisiotto (Ecam) lo si ribadisce con forza. Di fatto ci si è trovati a un bivio: inoculare tutte le dosi di 'antidoto' a disposizione o gettarle via. Un dilemma con cui non si è confrontata solo Casa Girotondo a Novazzano; che lo ha sciolto inoculando le ultime quattro fiale ad altrettanti membri del Consiglio di fondazione della struttura. È successo anche nel Sopraceneri, alla San Donato di Intragna nelle Centovalli. E si è ripresentato all'interno della stessa rete Ecam: alla Santa Filomena di Stabio, alla casa per anziani Torriani e alla Quiete di Mendrisio. In totale si parla di sei dosi 'extra'.

Briccola (Ecam): 'La mia è stata una proposta'

La decisione finale è spettata, come sempre in questi casi, alle direzioni sanitarie. Ad aprire la strada a quella che il direttore dell'Ecam, Severino Briccola, chiama l''ultima ratio', è stato un suggerimento della direzione amministrativa. «Ci siamo ritrovati con dei focolai, quindi ho fatto circolare nella rete la proposta che se avanzavano dei vaccini, una volta seguite le direttive - che danno la priorità ai residenti delle case, ai collaboratori e alla popolazione fragile, ndr -, vi era la possibilità di interpellare i componenti di Comitati e Consigli delle strutture». Così, a conti fatti, a essere vaccinate sono state dieci persone - «che va precisato, frequentano le rispettive case per anziani» - su una trentina di membri. «Lo ribadisco - ci fa presente ancora Briccola - si è trattato di una proposta, nessuna intenzione di fare dei favoritismi. Del resto, meglio vaccinare qualcuno in più che buttare delle dosi. Di conseguenza, le direzioni sanitarie delle strutture hanno accolto la proposta».

'Difficile valutare il fabbisogno di dosi'

In prima battuta, comunque, il Farmacista cantonale ha biasimato questa scelta. «Nelle dichiarazioni successive - dopo il caso di Intragna, ndr -, chiarite le circostanze, le dichiarazioni si sono ammorbidite», ci fa notare il direttore. Quindi non vi aspettate un richiamo. «Spero che il nostro intento venga compreso. D'altro canto, le stesse autorità vogliono evitare gli sprechi. Lo ribadisco, abbiamo agito in buona fede». Gli esuberi, d'altro canto, richiama ancora Briccola, sono stati originati dai contagi che si sono verificati tra i residenti e gli operatori dopo l'ordinazione dei vaccini, e sono stati dettati, altresì, da chi ha rinunciato a farsi vaccinare. In altre parole, fare delle previsioni sul numero di fiale utile è arduo. «In questa situazione valutare e quantificare le dosi è la cosa più difficile; fare delle previsioni appare quasi impossibile».

La Lega non demorde

La Lega, però, non sembra volersi far convincere e invoca chiarezza e a due livelli: quello del Consiglio di Stato da una parte e quello del Municipio della Città, dall'altra. Mentre il deputato Massimiliano Robbiani chiede una inchiesta al Cantone, la consigliera comunale Simona Rossini, a nome dei colleghi del gruppo Lega-Udc-Ind., sollecita spiegazioni all'esecutivo dopo il caso della Girotondo. In buona sostanza, si domanda richiamando il quadro della situazione, "il Municipio ha un controllo effettivo delle dosi di vaccino da somministrare nelle nostre case anziani e il riscontro di quanti effettivamente verranno somministrati?". E "come verranno impiegati o meglio a chi verranno somministrati eventuali vaccini in esubero?". La polemica, insomma, è servita.

Leggi anche:

Intragna, quei vaccini in eccedenza che fanno discutere

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
7 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
9 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
9 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
10 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
11 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
11 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
13 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
14 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
17 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
17 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
© Regiopress, All rights reserved