laRegione
a-chiasso-tavolino-magico-si-corazza-contro-il-covid
I volontari non si arrendono (Ti-Press/Elia Bianchi)
+2
02.12.20 - 21:09

A Chiasso Tavolino magico si corazza contro il Covid

I volontari si sono organizzati per continuare a rispondere ai bisogni, crescenti, di persone e famiglie. 'Si può ritiare la spesa in sicurezza'

A volte la paura della pandemia può essere più forte del bisogno. Persino di quello che rende arduo mettere in tavola pranzo e cena. Da settimane ormai i volontari di Tavolino magico a Chiasso si spendono con generosità per far sì che i nuclei famigliari, anche numerosi, che si appoggiano all'Associazione riescano a portare a casa la spesa, nonostante le difficoltà dettate dalla crisi sanitaria da Covid-19. Ogni martedì, infatti, alla palestra di via Vela della cittadina nessuno si risparmia per separare i generi alimentari frutto della sovrabbondanza della grande distribuzione e ridistribuirli, ben confezionati, fra gli utenti. Sulle tavolate si allineano così con ordine pane, frutta, verdura, bibite, salsa di pomodoro e pasta, e tutto quanto costituisce la scorta di base di una famiglia. Ora che si è entrati nell'Avvento, poi, non mancano nemmeno i dolcetti natalizi che, di sicuro, faranno felici i bambini. Tutti i prodotti, fatte le porzioni, finiranno in seguito nei sacchi e nelle borse che verranno, poi, consegnati a chi si presenta con la tessera e un franco simbolico. In tempo di coronavirus anche Tavolino magico ha rivisto la sua organizzazione secondo un puntuale piano pandemico. D'altro canto, questa realtà in campo nel Paese dal1999, nella Svizzera italiana aiuta, in media, ogni settimana 1'800 persone con i suoi 320 volontari attivi.

Con il Covid si fanno avanti anche i domiciliati

Bruna Bernasconi, coordinatrice del gruppo chiassese, vigila affinché anche i volontari rispettino le regole anti-Covid: distanze e mascherine d'ordinanza. Oggi si lavora così, con qualche difficoltà in più, ma non ci si arrende a una quotidianità che si è fatta complessa, soprattutto per chi, pure nell'era pre-Covid, sentiva la fatica del vivere. La semplicità dei gesti e la motivazione del cuore, però, cancellano qualsiasi retorica. In via Vela si respira pura solidarietà. Con la consapevolezza che all'utenza propria di una cittadina di frontiera, espressione dei flussi migratori, si è aggiunto qualche domiciliato in più. Anche questo è un effetto del Covid-19. «La pandemia - ci fa notare la responsabile, volontaria da tempo del Tavolino - ha cambiato le regole. Gli utenti, ade esempio, prendono la spesa a scatola chiusa, anche se da parte nostra cerchiamo di prestare attenzione alle loro esigenze, avendo la presenza di stranieri. Quindi la carne, in particolare di maiale, la aggiungiamo all'ultimo momento».

C'è un 'piano d'azione' anti Covid

Chi si mette in fila, diligentemente distanziato, e attraversa l'atrio delle palestre del Comune, che danno modo di separare ingresso e uscita - «e di evitare gli assembramenti» -, si mostrano sempre grati. La soluzione logistica chiassese, del resto, tiene e a ribadire Bruna Bernasconi, è efficace soprattutto ora che arriva il freddo. In più si è pensato di cadenzare pure gli orari d'arrivo per ridurre al minimo i contatti. «Nessuno - dice chiaramente - ha intenzione di ammalarsi o far ammalare gli altri. La volontà collettiva, in ogni caso, è quella di non lasciarsi fermare da questa pandemia. In effetti, tra i volontari non si vuole mollare. Sebbene qualcuno non abbia più potuto prestare la sua opera per ragioni di salute. D'altro canto, crediamo in ciò che facciamo».

'Abbiamo cercato di rassicurare le persone'

Al Tavolino magico ci credono a tal punto da aver vissuto male i mesi del confinamento, durante la prima ondata del virus. «Gran parte dei 14 centri di distribuzione ha chiuso per qualche settimana, a Chiasso lo stop è durato di più, fino a giugno, ma sapevamo che anche nella nostra zona c’erano persone che avevano davvero bisogno».  Gli sforzi, non a caso, oggi sono rivolti pure all'opera di convincimento nei confronti dell'utenza. «Ci sembra estremamente importante andare avanti - ci spiega ancora la coordinatrice -. Da noi è tutto in regola e quindi cerchiamo di far passare il messaggio: esortiamo a non aver paura. A ben vedere si è più a rischio in un supermercato. Insomma, abbiamo tentato di rassicurare tutti, anche perché c'è stato un momento un po' di panico fra l'utenza». Per andare incontro a chi bussa al Tavolino magico, ci fa sapere Bruna Bernasconi, ci si è attivati per reclutare un certo numero di volontari esterni. «In questo modo in caso di vera necessità, come una quarantena e l'assenza di aiuti, riusciamo a recapitare a casa dell'utente la spesa».

L'incognita del futuro

Alla base operativa chiassese dell'Associazione si tenta strenuamente di aggrapparsi al presente. Guardare oltre non è facile. «La situazione è in divenire anche per noi - ammette Bruna Bernasconi -. Del resto, la pandemia non accenna a diminuire e le conseguenze, sul piano economico, le vederemo soprattutto dall'anno prossimo».  Se, in effetti, l'Associazione sa misurare le sue forze, sarà da valutare come evolverà sul piano dei rifornimenti. «Bisognerà capire - rende attenti la coordinatrice di Chiasso - come reagirà la grande distribuzione a eventuali perdite di guadagni».

L'unica certezza, per adesso, è che questa emergenza lascerà il segno nella popolazione.

 

 

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
bruna bernasconi chiasso tavolino magico
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
7 ore
Ipct, Pronzini si rivolge alla Commissione di mediazione
Il deputato dell’Mps ha chiesto alla cassa pensioni la decisione sulla riduzione del tasso di conversione. Accesso differito. Il parlamentare non ci sta
Luganese
8 ore
Soprusi, schiaffi e ustioni ai figli per 4 anni, il caso in aula
Genitori alle Correzionali, la pubblica accusa chiede pene parzialmente da espiare. Una perizia ha accertato la loro incapacità genitoriale
Luganese
9 ore
Rovio, il movente sarebbe il furto del figlio alla nonna paterna
Il padre avrebbe sparato alla schiena del 22enne forse a causa degli 80’000 franchi spariti dalla casa di Gravesano della parente
Mendrisiotto
9 ore
Chiasso, due campi esterni da padel all’ex Boffalorino
La domanda di costruzione per il progetto sarà presentata entro fine mese. L’area nel frattempo è stata sistemata
Bellinzonese
10 ore
Progetto Ritom a tetto: così cambia l’idroelettrico leventinese
Ffs e Aet presentano l’avanzamento del cantiere. Poi toccherà alla centrale del Piottino. Valutazioni in corso per Lucendro e alcune riversioni
Luganese
11 ore
Montagnola, auto urta un muretto e si ribalta: un ferito
Le condizioni del guidatore non dovrebbero destare particolari preoccupazioni
Bellinzonese
13 ore
‘Più zone naturali per combattere le isole di calore’
È la richiesta dei Verdi in un’interpellanza rivolta al Municipio di Bellinzona, che riprende a sua volta una proposta della Lista civica di Mendrisio
Locarnese
16 ore
Abusi edilizi, Municipio di Losone bacchettato dagli Enti locali
Vanno contro le disposizioni pianificatorie cantonali alcune licenze legate alla sopraelevazione d’immobili rilasciate. Parte l’interrogazione
Luganese
17 ore
Approvvigionamento energetico, Ail stoccano gas in Italia
Il Ticino è dipendente dalla disponibilità del Paese limitrofo, unica rete alla quale è collegato, a continuare a lasciar transitare gas verso la Svizzera
Locarnese
19 ore
Gordola, il percorso alternativo per le bici non si trova
Il Municipio risponde all’interpellanza che chiedeva un tracciato più sicuro in collina, in direzione diga della Verzasca. Proposta che non convince
© Regiopress, All rights reserved