laRegione
troppe-piante-invasive-e-pesci-rossi-nello-stagno-del-pa
Come nel 2018 (Ti-Press)
Mendrisiotto
17.09.20 - 07:470

Troppe piante invasive e pesci rossi nello stagno del Paü

A Coldrerio si interviene nel Parco comunale per eliminare canneti e ninfee in eccesso. Appello ai cittadini: 'Non immettete più quei pesciolini'

Per Coldrerio è un piccolo gioiello naturalistico. Il Parco del Paü, a due passi dal 'cuore' del paese, non solo è stato fortemente voluto, ma da ormai dieci anni rappresenta un motivo di orgoglio per Comune e popolazione. All'epoca a dare una mano era intervenuto puree il Fondo svizzero del paesaggio. Sarà per troppo affetto, sta di fatto, che gli abitanti hanno immesso nello stagno comunale quello che è a tutti gli effetti un 'intruso': il pesce rosso. Che si è moltiplicato (e più del previsto) modificando l'equilibrio delicato del biotopo. Tant'è che, come già successo un paio di anni fa, il Carassius auratus  dovrà essere catturato e portato in un habitat più idoneo al suo sguazzare quotidiano. Il problema, del resto, è meno banale di quanto si possa pensare.  In effetti il capo dicastero Ambiente Matteo Muschietti si è visto costretto a far sua una raccomandazione da rivolgere ai propri concittadini. «Tutti dobbiamo avere cura del Parco e del biotopo. Quindi - spiega a 'laRegione' - torno a lanciare un caldo appello a tutta la popolazione di Coldrerio. Quello di non immettere pesci rossi nello stagno».

Troppi canneti e ninfee: occorre intervenire

D'altro canto, poter vantare un prezioso «polmone verde sull'uscio di casa - ricorda ancora Muschietti - è una cosa grande». In questo caso il parco, situato in una zona d'interesse archeologico 'torbiera', è stato pensato come luogo di ritrovo e area di svago per la popolazione. Per altre realtà urbane è persino un lusso, che non si possono permettere. Chi, invece, ne può approfittare deve anche farsene carico. Ecco perché a Coldrerio ci si sta preparando a ripulire il Parco (e in particolare il biotopo). I lavori, ci conferma il capo dicastero, prenderanno il via in questi giorni. Interventi che si sommano alla consueta gestione annuale dell'area realizzata durante l'inverno. A certificare la necessità dell'operazione è d'altro canto un consulente, un biologo, interpellato dall'autorità locale e che a fine agosto ha effettuato un sopralluogo sul campo. Il verdetto? Oggi si impongono delle azioni straordinarie. Del resto, la vegetazione presente all'interno dello stagno ha preso piede più del dovuto.

A espandersi in modo particolare, rubando non poco spazio allo specchio d'acqua, sono stati i canneti, mentre i depositi organici sul fondale hanno creato l'habitat ideale per la proliferazione delle ninfee. Sia chiaro, come ribadito dal biologo, tutto questo è espressione di un fenomeno naturale: uno stagno, come si è spiegato nel rapporto di lavoro, con il tempo "tende a chiudersi e a evolvere verso una palude". Di conseguenza occorre intervenire. Ed è quello che si sta per fare, consapevoli, come annota il capo dicastero, che i lavori non comporteranno nessun disagio per la fauna e l'habitat del biotopo.

Il piano d'azione

Così in questi giorni gli addetti procederanno, sul lato destro, con lo sfalcio della Cannuccia di palude e la Lisca maggiore e altresì di alcune ninfee, con l'obiettivo di ridurre la colonizzazione di piante acquatiche. Agendo in questo periodo poi si riuscirà a indebolire queste presenze invasive. Per ottenere dei riscontri, in ogni caso, il consiglio dell'esperto è di ripetere questo tipo di gestione dell'oasi per alcuni anni, ben sapendo di operare in un ambiente sensibile. Ciò non deve impedire di intervenire anche in modo più incisivo laddove è indispensabile. È il caso della parte sinistra dello stagno, dove la situazione, si motiva, si mostra più problematica. In quell'area si è valutato, quindi, di utilizzare dei mezzi meccanici per estirpare i canneti su una superficie di circa 400 metri quadrati. Al contempo verranno dragati i sedimenti di materiali organici - da depositare in una discarica autorizzata - per contenere l'avanzata delle ninfee. Operazione che sarà compensata apportando ghiaia e ciotoli per aiutare a contenere il moltiplicarsi della vegetazione.

TOP NEWS Cantone
Locarnese
1 ora
Solduno, scontro fra auto e moto. Ferite gravi per il centauro
L'impatto fra i due veicoli è avvenuto all'intersezione fra via Vallemaggia e via in Selva, poco prima delle 13 di oggi
Ticino
3 ore
Cultura e Covid, sostegno pubblico per oltre 130 operatori
Le imprese e gli operatori culturali ticinesi hanno potuto fare richiesta di indennizzo per l’annullamento o il rinvio di manifestazioni
Ticino
3 ore
La commissione parlamentare sentirà i cinque pp
Vicenda preavvisi, la decisione è stata presa stamattina dalla 'Giustizia e diritti'
Ticino
5 ore
Coronavirus, il weekend porta con sé 3 nuovi casi in Ticino
Il totale di positivi nel nostro cantone da inizio pandemia sale a quota 3'637. Nessun nuovo caso invece nei Grigioni
Locarnese
9 ore
Gordola, con il nuovo Merlot si salvano i vigneti
Una ventina di produttori, l'uva non ritirata dalle cantine e una giovane ‘start-up’: la collaborazione (anche con il Comune) vale più di un brindisi
Mendrisiotto
9 ore
Mendrisio; meno gente in piscina ma più 'local'
In chiaro scuro la stagione balneare: a causa del virus più che dimezzate le entrate. In netto aumento, per contro, le entrate dei domiciliati
Luganese
9 ore
Paradiso, 'Il 2021 porterà i giardini'
Ci sono dei ricorsi, ma il sindaco Vismara è ottimista: è tutto già previsto dal Piano regolatore
Bellinzonese
9 ore
Ritorno alla vita dopo l'attentato: il film uscirà nel 2021
'Atlas' del regista ticinese Niccolò Castelli prende spunto dalla bomba che uccise tre bellinzonesi e dal percorso affrontato dalla superstite leventinese
Grigioni
1 gior
Via libera al rifacimento della strada Rorè-Laura
Alle urne oggi i cittadini di Roveredo hanno detto sì al credito di quasi 9 milioni per la strada forestale che dal paese porta ai monti
Luganese
1 gior
Metà dei bimbi via dall'asilo di Taverne
Metà delle oltre venti famiglie che avevano iscritto i figli al nido hanno chiuso il rapporto di fiducia con la struttura
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile