laRegione
21.07.20 - 17:19
Aggiornamento: 17:49

'Gli Intercity nel Mendrisiotto sono un'offerta indispensabile'

I Comuni di Chiasso e Mendrisio, Ers, Astuti e Crtm si rivolgono a Consiglio di Stato, Ffs, Tilo e Ufficio federale dei trasporti

gli-intercity-nel-mendrisiotto-sono-un-offerta-indispensabile
‘Non devono fermarsi a Lugano ma continuare verso Mendrisio e Chiasso’ (archivio Ti-Press)

Il Mendrisiotto non vuole diventare una regione periferica e non attrattiva, priva di collegamenti ferroviari diretti con il resto della Svizzera. Le stazioni di Chiasso e Mendrisio devono continuare a garantire la fermata dei treni Intercity (IC). I Comuni di Chiasso e Mendrisio, l'Ente regionale di sviluppo (Ers), l'Associazione a tutela degli utenti dei mezzi pubblici (Astuti-Sezione pro Bahn Ticino) e la Commissione regionale dei trasporti del Mendrisiotto e Basso Ceresio (Crtm) lo hanno messo nero su bianco in una argomentata lettera indirizzata a Consiglio di Stato, Ufficio federale dei trasporti, Ferrovie federali svizzere e Tilo. Lettera resasi necessaria a seguito delle “insoddisfacenti risposte delle Ffs”. E il fronte è più che mai unito: anche i deputati ticinesi alle Camere federali e i deputati momò al Gran Consiglio sono stati informati dell'invio della missiva. “Un importante dispiegamento di forze politiche, ma l'importanza del tema e del futuro della nostra regione lo richiede”.

Due le richieste formulate. In primis “il proseguimento di tutti gli Ic su Chiasso, con fermata a Mendrisio, con cadenza oraria, lungo l'arco di tutta la giornata”, convocando “un tavolo di lavoro con i destinatari della missiva”. Qualora questa soluzione non fosse possibile, viene sollecitato “un incontro urgente (entro la metà di agosto) con il Consiglio di Stato affinché lo stesso abbia ad attuarsi immediatamente per cercare di salvaguardare, in vista dell'orario 2021, almeno le corse che già oggi sono garantite al nostro agglomerato”. L'orario 2021 prevede infatti un'ulteriore diminuzione delle corse da e per il Mendrisiotto con il gli IC verso il resto della Svizzera. Gli sviluppi del traffico su rotaia nel Mendrisiotto, si fa notare, “sono motivo di grande preoccupazione” e “senza i dovuti accorgimenti, il nostro agglomerato non beneficerà sino in fondo dei vantaggi che AlpTransit comporta”. 

‘Un'offerta da rafforzare’

Quella degli IC nel Mendrisiotto “è un'offerta indispensabile, che secondo noi deve continuare a esistere ed essere ancora rafforzata, a maggior ragione dopo aver risolto le attuali difficili condizioni di esercizio dovute ai numerosi cantieri in corso per il potenziamento della rete ferroviaria e il miglioramento delle stazioni”. C'è la convinzione che “se vi fosse l'obiettivo di proporre un collegamento orario IC da e verso Chiasso-Mendrisio lungo l'arco della giornata, gli ostacoli organizzativi potrebbero essere risolti”. Questi collegamenti, inoltre, “andrebbero a sgravare il sovraffollamento di passeggeri sui Tilo soprattutto in certi orari” considerato anche che, con il nuovo orario, “non ci sarà più un collegamento Regioexpress, paragonabile come prestazione a quella di un IC/EC, diretto da e per Bellinzona (ma colo da Locarno, via nuova galleria di base del Ceneri)”.

Spostamenti più difficoltosi

Quella che il Ticino si appresta a vivere, con l'apertura di Alpransit, “sarà una fase di progresso importante che si rivolgerà verso nord per maggiori interconnessioni con il mondo economico, imprenditoriale e accademico d'oltre Gottardo”. Anche il Mendrisiotto “intende trarre il massimo vantaggio da questa nuova opportunità: una connessione su rotaia rapida e ottimale ne è un requisito necessario, sempre nel rispetto di una mobilità sostenibile”. La guida TLD dell'Ufficio federale dei trasporti che definisce la lista degli agglomerati della Svizzera che possono beneficiare di fermate del traffico a lunga percorrenza, “non contiene l'agglomerato del Mendrisiotto e Basso Ceresio”. Una guida che “deve essere aggiornata”. Parallelamente i destinatari della lettera “devono farsi parte attiva affinché il nostro agglomerato possa rientrare nella lista e ottenere così la fermata IC”. Con l'orario che sarà introdotto all'apertura della galleria di base del Ceneri, per il Mendrisiotto “gli spostamenti in treno da e verso nord saranno vieppiù res difficoltosi dagli innumerevoli cambi che gli utenti saranno obbligati a effettuare”. Il mancato invito dei centri urbani del Distretto alla festa per l'entrata in servizio della Galleria di base del Ceneri rafforza la convinzione che, di questa apertura verso nord “andranno a beneficiare solo tre dei quattro agglomerati della Città Ticino”.

‘Motivi tecnici’ contestati

La soppressione della fermata dei treni a Chiasso per “motivi tecnici” è contestata dalla missiva. Il primo elemento di riflessione riguarda “la stabilità dell'orario: l'utente non ha garanzia di cambiare treno con tranquillità. Se vi fosse un ritardo di Tilo, la coincidenza con l'IC non sarebbe più garantita”- In alcune fasce orarie, inoltre, “Tilo è molto frequentato o addirittura occupato ai limiti della sua capacità. Per chi effettua un percorso lungo, spesso con bagagli, la tratta fino a Lugano diventerebbe molto scomoda e il tempo per cambiare il treno davvero limitato”. Per evitare “contrattempi spiacevoli” che potrebbero disincentivare la scelta del treno quale mezzo di trasporto, “l'IC a cadenza regolare, su tutto l'arco della giornata con fermate a Chiasso, Mendrisio e Lugano, e non solo per alcune corse al mattino e alla sera, rappresenterebbe un notevole miglioramento dell'offerta di trasporto pubblico”. Vi sono poi i tempi di percorrenza tra Chiasso e Zugo che, nonostante la galleria del Ceneri (e senza il cantiere di Zugo) “rimarranno inalterati. Quindi solo gli altri agglomerati del Cantone potranno approfittare di tragitti più brevi tra Ticino e Svizzera tedesca” dato che “i nostri cittadini saranno obbligati a viaggi meno confortevoli e confrontati con il rischio di perdere la coincidenza a Lugano”.

Leggi anche:

Il Mendrisiotto, costola di Lugano, rischia di perdere il treno

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Città dei mestieri, ‘un punto centrale, ora bisogna irradiarsi’
Presentato il bilancio del terzo anno: in continua crescita gli utenti alla ricerca di informazioni su formazione professionale e mondo del lavoro
Mendrisiotto
2 ore
Truffe per almeno due milioni di franchi: venti mesi sospesi
Condannato alle Assise correzionali di Mendrisio un 67enne per fatti avvenuti tra il 2012 e il 2014. Danneggiate oltre 19 persone.
Ticino
3 ore
Aumento delle stime fiscalmente neutro, oltre 17mila le firme
I promotori dell’iniziativa popolare costituzionale hanno depositato oggi in Cancelleria le sottoscrizioni
Ticino
4 ore
‘La polizia farà la sua parte per ridurre la spesa pubblica’
Lo ha detto Norman Gobbi durante l’annuale Rapporto di Corpo della Cantonale. ‘Positivo il bilancio del 2022 e la capacità di adattamento’
Ticino
4 ore
‘Bandir gennaio’ non bandisce anche i radar
Come ogni venerdì, ecco la lista delle località nelle quali verranno effettuati controlli elettronici della velocità dal 30 gennaio al 5 febbraio
Ticino
6 ore
Aiti: senza garanzie, meglio lo stop al telelavoro da febbraio
L’associazione industriali ticinesi ritiene ‘ragionevole’ la sospensione senza un nuovo accordo che regoli la fiscalità dei frontalieri in telelavoro
Luganese
6 ore
Assolto in Appello l’ex maestro di Montagnola
Per la Carp non è stato possibile accertare un pericolo per lo sviluppo psichico degli allievi. Mauro Brocchi era stato condannato in primo grado nel 2019
Bellinzonese
7 ore
Oltre al carovita, a Bellinzona c’è il ‘caro’- estinto
Secondo un rapporto di Mister Prezzi, il capoluogo ticinese ha le tariffe più alte per cremazione e camera mortuaria fra tutte le capitali cantonali
Bellinzonese
8 ore
Dopo due anni torna il Carnevale Rabadan
La 160ª edizione si terrà a Bellinzona dal 16 al 21 febbraio. Protagoniste la musica, le maschere, la tradizione e la voglia di sano divertimento
Mendrisiotto
12 ore
È ufficiale: l’Fc Chiasso è fallito
Il pretore di Mendrisio non ha potuto che decretare la fine del club rossoblù. ‘Fiumi di parole’, ma nei conti neanche un centesimo
© Regiopress, All rights reserved