laRegione
pozzo-pra-tiro-le-denunce-salgono-a-quattro
Il Pozzo Prà Tiro resta un sorvegliato speciale (Ti-Press)
Mendrisiotto
08.07.20 - 06:020

Pozzo Prà Tiro, le denunce salgono a quattro

Dopo il Consorzio, sono intenzionati a procedere con una azione legale pure i Comuni di Chiasso e Balerna. Mentre il Cantone si è già mosso

Trovare un responsabile (forse) sarà una missione (quasi) impossibile, ma questa volta le istituzioni del territorio non hanno nessuna intenzione di lasciar perdere. Stavolta si vuole risalire alla fonte della contaminazione da Pfos, il perfluoro-ottansulfonato, del Pozzo Prà Tiro. Un inquinamento che, sin qui, non ha compromesso la potabilità della falda, ma potrebbe mettere in seria difficoltà l'approvvigionamento idrico del comprensorio. Dopo il Consorzio dell'Azienda Pozzo Prà Tiro, a sporgere denuncia contro ignoti saranno, infatti, anche i due Comuni toccati per territorio, Chiasso e Balerna, che si muoveranno quindi di concerto. Una azione legale che non fa che corroborare quella già formalizzata dall'autorità cantonale. A conti fatti, insomma, a chiedere conto alla Procura saranno quattro querele. La vicenda sta assumendo, dunque, un peso, per certi versi inaspettato. Il che potrebbe pure permettere di scrivere un altro finale rispetto al passato, alla luce delle disavventure che hanno accompagnato alcune delle fonti idriche del Distretto (una su tutte la dismissione del Pozzo Polenta).

Risorse idriche, per i tecnici è tempo di agire

D'altro canto, la preoccupazione nel Basso Mendrisiotto c'è eccome. Mentre il caldo ci assedia e i consumi (inevitabilmente) aumentano, la regione rischia di ritrovarsi con l'acqua alla gola. Non perché si alza la falda, bensì perché si prosciugano le riserve.  In effetti, riuscire a garantire un approvvigionamento adeguato e di qualità potrebbe divenire sempre più difficile. Senza ignorare che ad attingere dal Pozzo Prà Tiro, d'abitudine, ci sono sei Comuni, con Chiasso e Balerna, Morbio Inferiore, Novazzano, Vacallo e Coldrerio. Comune quest'ultimo, che si è messo al riparo, distribuendo alla popolazione solo acqua proveniente dai pozzi locali e dalla sorgente della Valle della Motta. Il punto, in ogni caso, è che al momento il territorio a sud non può fare meno del Pozzo Prà Tiro, non senza la messa in rete completa degli acquedotti del Distretto, e non senza la captazione a lago. Da queste parti, però, sono ormai 45 anni che se ne parla del cosiddetto acquedotto a lago. Costituito l'Arm, l'Acquedotto, regionale del Mendrisiotto, ora per i tecnici è venuto il memento che i politici passino all'azione. Se è vero che non tutti i nodi dell'operazione sono stati sciolti, è altresì un fatto l'urgenza di garantire a questa terra (e ai suoi abitanti) un'alternativa che vale un diritto: avere accesso all'acqua potabile.

'La situazione è seria'

Nel frattempo (e per il momento), i valori dello Pfos restano piuttosto stabili. "Le misure urgenti messe in atto - conferma a 'laRegione' il direttore dell'Age, l'Azienda, acqua, gas ed elettricità di Chiasso, Corrado Noseda, sono riuscite a contenere la presenza della sostanza. Ma tutto questo non ci deve far stare tranquilli". Siccità e caldo uniti alla necessità di usare più acqua potrebbero rivelarsi un mix ad alto rischio, soprattutto per le concentrazioni di Pfos. Tant'è che all'Age sono pronti al peggio, anche se lo si dice sottovoce. Sin qui non si sono mai voluti alimentare gli allarmismi - tanto più in un momento di accresciuta sensibilità a causa del Covid-19 -, ma la situazione è assai delicata. E tutti ne sono consapevoli.

Del resto, ritrovarsi un giorno senza acqua potabile renderebbe ormai ineludibile la gravità di un problema che è reale. Per mettere sul chi va là la popolazione, a breve l'Age diramerà il consueto richiamo a un utilizzo parsimonioso. In questa stagione già particolare per tante ragioni, non ci si potrà permettere di fare spallucce. Questa volta toccherà prendere l'avviso davvero sul serio. O si finirà col pagare pegno.

TOP NEWS Cantone
Ticino
38 min
Crolla il turismo: pernottamenti dimezzati (-54%)
Il coronavirus ha condizionato fortemente il primo semestre in tutta la Svizzera: nei Grigioni contrazione del 48%.
Bellinzonese
1 ora
'Non ho usato la forza: lei era consenziente'
Di nuovo alla sbarra il 30enne condannato in primo grado a 4 anni di carcere per aver costretto una minorenne a consumare un rapporto sessuale completo.
Luganese
1 ora
Day 4: Soccorso incontra il diluvio, ma raggiunge i 59 km
Tappa da Parma a Modena per il runner di Breganzona intenzionato a raggiungere l'Irpinia e assaporare le venti maratone in venti giorni.
Mendrisiotto
3 ore
Centri sportivi momò in rete, al via la fase tre
L'obiettivo, entro la prossima legislatura, è quello di istituire un ente gestore e creare un portale web
Video
Locarnese
3 ore
#andràtuttobene: in 8 minuti il lockdown a Locarno
Selezionato da due festival internazionali di Hollywood e Madrid il cortometraggio di Christian Mancini e Giacomo Tanzarella
Bellinzonese
3 ore
Comparto Tatti a Bellinzona, botta e risposta sulla qualità
La sezione Centro del Ppd sollecita un impegno oltre alle soluzioni puramente tecniche. Il municipale Gianini conferma: ‘Si lavora in questa direzione’
Ticino
3 ore
‘Si gioca con il futuro di famiglie e aziende’
Coronavirus e luoghi di contagio, Suter (GastroTicino) dopo le rettifiche di Berna: ‘Non siamo untori’. Il governo: quota rilevante di casi importati dall’estero
Ticino
9 ore
Nubi grigie sull'antenna ticinese della Procura federale
Due dipendenti di lunga data denunciano il clima di lavoro insostenibile. E parlano di pubbliche umiliazioni e di mobbing
Gallery (6 foto)
Locarnese
14 ore
Motoscafo distrutto dalle fiamme ad Ascona
I pompieri di Locarno in azione per spegnere le fiamme sviluppatesi a bordo del natante
Mendrisiotto
14 ore
Gli InterCity non si fermeranno nel Mendrisiotto
Le Ferrovie rispondono (e respingono) le richieste sollevate da Mendrsio, Chiasso, Ers, Astuti e Crtm.
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile