laRegione
Torna il sereno (Ti-Press)
Mendrisiotto
28.05.20 - 18:100
Aggiornamento : 18:41

Il Mendrisiotto si rassicura: l'ostetricia torna a casa

L'annuncio del direttore del Dss fuga i timori: 'Fa stato la pianificazione ospedaliera'. Politica locale soddisfatta

Il Mendrisiotto ha fatto molto rumore, ma non per nulla. Salire sulle barricate (preventive) a difesa del reparto di ostetricia e neonatologia dell'Obv di Mendrisio è valso la garanzia che da qui, dal Mendrsiotto, il servizio parte integrante del Dipartimento donna-bambino non se ne andrà. Il trasferimento a Lugano, dettato dall'emergenza sanitaria da Covid-19, avrà valenza temporanea. Come dire una data di inizio e una di fine, il prossimo primo agosto (certo se i dati epidemiologici continueranno a essere positivi). Un epilogo, annunciato d'intesa con l'Ente ospedaliero cantonale, che da queste parti non tutti davano per scontato, pur sperando in cuor loro che la crisi avrebbe avuto un termine e il mosaico delle strutture sanitarie multisito si sarebbe ricomposto.

Dal primo agosto si rientra alla normalità

Ora, però, su dubbi, timori e preoccupazioni il capo del Dipartimento sanità e socialità Raffaele De Rosa sembra proprio essere riuscito a metterci una pietra sopra. Dopo aver annunciato, mercoledì a serata inoltrata, al Gran consiglio la tempistica del ritorno alla consueta riorganizzazione - in risposta in particolare alle sollecitazioni dei deputati momò -, questa mattina, giovedì, in conferenza stampa il Consigliere di Stato ha sgombrato in via definitiva il campo. "Avvertita l'apprensione giunta dal Mendrisiotto, posso dire - ha riaffermato De Rosa - che oggi fa stato la pianificazione ospedaliera in atto". Uno 'status' che riconosce all'Ospedale regionale della Beata Vergine il mandato per l'ostetricia e la neonatologia. Non a caso in molti volevano sentire pronunciare quelle parole 'magiche' tanto rassicuranti.

Muschietti: 'Io non mollo'

Del resto, le voci allarmate che nell'ultima settimana si sono levate dal Distretto - e che 'laRegione' ha raccolto accendendo i riflettori su un'ipotesi di smantellamento tutt'altro che aleatoria - testimoniavano di un'apprensione reale, dentro e fuori la struttura ospedaliera. Che il tema fosse sul tavolo - per la regione, peraltro, non è la prima volta come raccontano le lotte del passato - era chiaro a molti. Lo si è capito dalle reazioni, trasversali, delle forze politiche, le loro prese di posizione e gli atti parlamentari ma pure dagli appelli di aiuto e sostegno lanciati, tramite la rete sociale, ai gran consiglieri dagli operatori del settore. Un'inquietudine che il municipale di Coldrerio Matteo Muschietti, da ex presidente dell’assemblea dei delegati comunali per l’Obv, ha fatto sua. A tal punto da non voler abbassare la guardia, neppure ora che il rischio di un trasloco in pianta stabile è stato scongiurato. "Io non mollo - ci dice a chiare lettere -. Infatti, la tematica resta nell'agenda della riunione convocata per giugno del Gruppo intercomunale". Insomma, meglio restare vigili e tenere alta l'attenzione sul Mendrisiotto.

Gehring: 'Il rientro dell'ostetricia? Una buona notizia'

Sul fronte della politica locale, invece, c'è chi è pronto a fare un atto di fiducia. "Evidentemente L’AlternativA – Verdi e Sinistra insieme tira un sospiro di sollievo dopo le rassicurazioni del Consigliere di Stato Raffaele De Rosa - ci conferma Françoise Gehring -. Nell'ottica di una medicina di prossimità e attenta alla dimensione di genere, il mantenimento dei reparti di ostetricia e neonatologia all'Obv di Mendrisio è fondamentale".

L'AlternativA (come altri) temeva che la decisione legata alla pandemia potesse apire la strada a un cambiamento indigesto. "Se da un lato avevamo ben compreso la temporanea riorganizzazione dell’assetto ospedaliero a causa dell’emergenza legata al Covid-19 - annota la consigliera comunale di Mendrisio -, d'altro lato il rientro a casa dei reparti rappresenta per noi una buona notizia. Tanto più che Mendrisio è l’unico ospedale in Ticino con un Dipartimento donna-bambino, dove sotto un unico cappello vengono integrate l’attività dei reparti di ginecologia, ostetricia, pediatria - con un pronto soccorso dedicato, ndr - e neonatologia".

Fonio: 'De Rosa, un Consigliere sensibile al tema sanitario'

De Rosa stesso mercoledì ha allontano l'idea, ribadendo che il piano di crisi non è stato un modo per aggirare la pianificazione ospedaliera. "Queste affermazioni confermano la sensibilità del Consigliere Raffaele De Rosa per il tema della sanità. E questo approccio è importante e dà fiducia a un Distretto come quello del Mendrisiotto che sente molto questi problemi - fa notare il deputato Ppd Giorgio Fonio, che con i colleghi Maurizio Agustoni e Luca Pagani ha preso posizione, commentando le dichiarazioni del 'suo' Consilgiere di Stato -. Il rientro del reparto all'Obv? Sono felice per le mamme, i papà e i bambini della regione".

Resiste l'impressione che, seppure per un momento, c'è chi ha pensato a un possibile smantellamento. "Effettivamente il dubbio resta, ma oggi ciò che conta è che la Maternità tornerà a casa sua".

TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Covid-19, due terzi dei nuovi contagiati ha meno di 30 anni
Il medico cantonale Giorgio Merlani: 'I giovani capiscano che protezione significa non solo proteggere sé stessi, ma anche i propri cari e gli amici'
Ticino
4 ore
Il prete arrestato ha ammesso il fatto. Emergono episodi 'minori'
Il sacerdote sotto inchiesta per presunta coazione sessuale è in regime di espiazione anticipata della pena
Mendrisiotto
5 ore
Pronti a scendere in campo a difesa dell'ostetricia all'Obv
A Mendrisio l'AlternativA - Verdi e Sinistra insieme prende posizione dopo l'incontro con i vertici ospedalieri. 'Guardia altissima'
Mendrisiotto
5 ore
‘L'inferno in casa loro’, chiesti 11 anni di carcere
È questa la richiesta di pena della Pp Marisa Alfier nei confronti del siriano a processo per tentato omicidio intenzionale
Bellinzonese
6 ore
Novità a Lumino: iniziata la prima colonia estiva diurna
Otto settimane dedicate ai bambini promosse dal Municipio e affidate alla Fondazione Pro Infantia. Un'offerta di svago ancor più d'attualità a seguito del lockdown
Ticino
6 ore
'Gli Svizzeri all'estero a fare spesa. I ticinesi invece...'
Secondo il presidente della direzione generale di Migros, a sud delle Alpi si sta sentendo meno la riapertura delle frontiere post-lockdown
Lugano
7 ore
Lugano, Foce chiusa questo weekend dalle 20. Poi solo con l'app
Lo ha deciso il municipio cittadino. Da giovedì prossimo, dalle 20, un massimo di 200 persone potranno accedere unicamente previa prenotazione.
Ticino
8 ore
Coronavirus, il Ticino alza il grado d'allerta
Di fronte a oltre 450 quarantene in poco più di una settimana, la campagna d'informazione passa dal codice blu al codice arancione
Bellinzonese
8 ore
8 milioni per la mobilità del Bellinzonese
Il Consiglio di Stato ha licenziato il messaggio per la progettazione e la realizzazione di una seconda serie di misure del programma di agglomerato della regione
Mendrisiotto
9 ore
‘Davo solo sberle sulle braccia’
Il 48enne siriano a processo per tentato omicidio intenzionale ammette di aver picchiato tre volte i figli ma nega i calci
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile