laRegione
premio-lavezzari-a-franco-lura-cultore-dei-dialetti
Franco Lurà tra il sindaco di Chiasso Bruno Arrigoni e il presidente della Fondazione avv. Fernando Pedrolini (Ti-Press/D. Agosta)
+1
Mendrisiotto
12.01.20 - 14:280

Premio Lavezzari a Franco Lurà, 'cultore dei dialetti'

Dialetto protagonista questa mattina a Chiasso in occasione della 53esima edizione del premio massimo della Fondazione Iside e Cesare Lavezzari

‘Di una data cosa la lingua esprime il concetto, della medesima cosa il dialetto esprime il sentimento’. La citazione di Luigi Pirandello riassume l’intervento che Franco Lurà ha tenuto questa mattina a Chiasso, dove ha ricevuto il 53esimo premio massimo della Fondazione Iside e Cesare Lavezzari. Un riconoscimento che gli è stato conferito, come recita la ‘laudatio’, “quale cultore e conoscitore dei dialetti, per una lingua sempre più rinnovata, ricca e viva’. Un intervento, quello pronunciato stamattina nella cornice del Cinema Teatro di Chiasso, che ha voluto essere «una breve rassegna delle potenzialità del dialetto, portando alcuni esempi di questo suo ruolo di ‘carta assorbente’ delle vicende umane che a volte risalgono molto indietro nei secoli e rivivono in modi di dire ed espressioni che oggi di regola non sono più capiti nel loro significato originario e profondo». E questi esempi hanno strappato più di un sorriso al numeroso pubblico presente. A partire dei riti propiziatori di inizio anno (come l’utilizzo di biancheria nuova, «e più di recente rossa», o i tentativi delle giovani per indovinare se si sarebbero maritate nel corso dell’anno, come l’usanza di gettare una pantofola verso l’uscio di casa la mattina del primo dell’anno: solo con la punta verso l’esterno le prospettive sarebbero state buone), fino all'abilità nell'arrivare a sintetizzare una «realtà composita» o all'utilizzo del dialetto come lingua in poesia. «Che il dialetto, nelle sue varie espressioni, sia una vera e propria lingua, con la piena dignità di esserlo, è un assunto che il nostro premiato ha costantemente ribadito – sono state le parole del presidente della Fondazione, avv. Fernando Pedrolini –. Egli sostiene che, semplicemente, il dialetto non ha goduto del medesimo riconoscimento sociale attribuito all'italiano anche se non vi è nulla di sostanziale che possa giustificare una diversa classificazione tra gli stessi».

Nel suo intervento, Franco Lurà ha voluto sottolineare che «questo riconoscimento non si ferma alla mia persona, ma coinvolge tutto un mondo, quello dei dialetti e della loro cultura, dalle molte sfaccettature e dalla grande profondità umana e sociale». Oltre al ringraziamento alla famiglia e alle persone che hanno lavorato con lui in questi anni, una dedica particolare è stata espressa ai genitori, Giannina e Mario, «che mi hanno educato e cresciuto in dialetto, facendomi capire che nella quotidianità e le piccole cose ci possono essere anche grandi valori». La decisione di premiare Franco Lurà arriva l'anno dopo il premio conferito al professor Ottavio Besomi. «È stato mio professore di letteratura italiana all'Università di Zurigo – ha ricordato Lurà –. In qualche modo l’allievo continua a seguire la scia del maestro».

I migliori studenti

Come ogni anno, la Fondazione Lavezzari ha assegnato anche i premi per l’anno scolastico 2018-2019 a studenti domiciliati nel Mendrisiotto che si sono particolarmente distinti. I premi sono stati attribuiti a Yeva Smolenska di Mendrisio (assistente dentale Afc, presso il Centro professionale sociosanitario medico-tecnico di Lugano, media 6), Dario Plozner di Mendrisio (maturità liceale, con indirizzo di studio lingue, miglior maturità per l’anno scolastico 2018-2019 presso il Liceo cantonale di Mendrisio, media 5.86) e Lucia Simoni di Castel San Pietro (operatrice socioassistenziale, con indirizzo handicap, tirocinio normale senza maturità, presso il Centro professionale sociosanitario di Mendrisio, media 5.80).

 

Guarda le 4 immagini
TOP NEWS Cantone
Luganese
10 ore
Viganello, nessuna scemata responsabilità per l'omicida
L'esito della perizia parla chiaro: il 34enne che causò la morte di Matteo Cantoreggi era in grado di valutare il carattere illecito dei propri atti
Locarnese
10 ore
Locarno, il grande schermo per curare anche l'anima
Al via giovedì al Palacinema di Locarno la rassegna 'Torniamo al cinema!', organizzata in collaborazione con il Film Festival Diritti Umani e con l'Otello di Ascona
GALLERY
Mendrisiotto
11 ore
Restaurata la chiesetta in vetta al Monte Generoso
La Ferrovia Monte Generoso ha finanziato i lavori con la vendita virtuale dei 441 pali del vecchio binario del 1890
Gallery e video
Mendrisiotto
11 ore
Françoise Gehring entra in Municipio a Mendrisio
Nella compagine le donne raddoppiano nello spazio di una legislatura e un po'. Prende il testimone da Giorgio Comi
Luganese
12 ore
Lugano sale in vetta a difesa dei ghiacciai
In cima al San Salvatore è stata presentata l'iniziativa Recogn.ice che vuole sensibilizzare sui cambiamenti climatici in corso
Ticino
12 ore
Italia, il limite al cash vale anche per gli svizzeri
Dallo scorso primo luglio è stata abbassata a 2mila euro la soglia dei pagamenti in contanti. Un tetto che vale per tutte le transazioni
Bellinzonese
13 ore
Solidarietà con Villa dei Cedri: scatta l'azione 'Amputarte'
Dopo la statua vandalizzata a Bellinzona, il Museo Mecrì di Minusio lancia un messaggio di condivisione per 'resistere e aprire le menti'
Luganese
14 ore
Marcia da Isone all'Alpe del Tiglio fatale a una recluta vodese
L'allarme è scattato quando il ragazzo, un 21enne di Losanna, non è arrivato a destinazione. Il suo corpo è stato ritrovato dopo una breve ricerca.
Locarnese
14 ore
Terre di Pedemonte, referendum sul prepensionamento
Ppd e Plr contrari al contributo straordinario a beneficio dei dipendenti comunali che optano per il collocamento a riposo anzitempo
Foto
Ticino
16 ore
Anche le chiamate ai pompieri presso la Centrale d'allarme
La Centrale comune d'allarme ospita il 118. Nei prossimi mesi anche il 144 (ambulanze) troverà casa a Bellinzona
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile