laRegione
Mendrisiotto
18.05.18 - 18:120
Aggiornamento 20:47

Fu assassinio, Egli condannato a 20 anni di carcere

Per il giudice Amos Pagnamenta, Michele Egli ha mostrato 'particolare assenza di scrupoli'

Michele Egli, l'autore dell'omicidio della maestra delle elementari di Stabio Nadia Arcudi, è colpevole di assassinio. Lo ha sancito la corte delle Assise criminali di Mendrisio – presieduta dal giudice Amos Pagnamenta –, condannandolo a 20 anni di reclusione. Ha mostrato una «mancanza scrupoli evidente», ha evidenziato nel leggere le motivazioni della sentenza il giudice, aggiungendo che Egli si è dimostrato essere «un maestro del travestimento: ai più risulta gentile e simpatico», ma in realtà ha ingannato al lavoro e nascosto in famiglia i «sentimenti verso la vittima, della quale risulta sostanzialmente innamorato».

«Con sconcertante lucidità ha escogitato un disegno per farla franca» ha in seguito aggiunto Pagnamenta facendo riferimento alla strategia attuata dopo l'assassinio. 

4 mesi fa Delitto di Stabio, 'non fu assassinio'
4 mesi fa Delitto di Stabio, la perizia è convincente?
4 mesi fa Delitto di Stabio, slitta a domani la decisione sulla perizia
4 mesi fa Il primo cedimento di Egli
4 mesi fa Delitto di Stabio: 'Volevo solo farla stare zitta'
4 mesi fa 'Nadia era come una sorella'. L'ultimo sms: 'Ho una sorpresa'
4 mesi fa 'Mi dispiace' e l'ha strangolata con una sciarpa
4 mesi fa Delitto di Stabio, è l'ora della verità
Tags
assassinio
giudice
pagnamenta
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved