laRegione
Benedetto Galli
Casa Giardino
Mendrisiotto
21.07.17 - 06:000

Chiasso e Balerna si alleano in nome degli anziani

Tre istituti per anziani ma un solo ente responsabile della loro gestione. Le case Giardino e Soave di Chiasso e il Centro degli anziani di Balerna sono destinati a diventare una... sola cosa. I confini comunali, qui, non sono stati un problema. In effetti, il progetto era nell’aria da un po’, anche se si è concretizzato in queste ultime settimane. Anzi, è divenuto formale giusto mercoledì, quando il Municipio di Chiasso – interpellato dai colleghi balernitani – ha ufficializzato il ‘suo’ sì. Del resto, la decisione di unire forze e strutture a vantaggio della popolazione anziana locale, non fa solo convergere le intenzioni dei due esecutivi. A essere pronto ad accompagnare in questa esperienza i Comuni del Basso Mendrisiotto è anche l’Ufficio degli anziani del Dipartimento sanità e socialità (Dss). Il Cantone vede di buon occhio tutte le iniziative utili a trovare delle sinergie. E il distretto – con l’Ecam di Mendrisio e la strategia messa in campo da Morbio Inferiore, Coldrerio e Vacallo – ha dimostrato di saper ottimizzare le sue risorse. Moreno Doninelli, capodicastero Socialità e sanità a Balerna, tiene i piedi ben piantati a terra. Ma conferma: «Stiamo lavorando al progetto di messa in rete dei nostri istituti e abbiamo preso l’impegno di approfondire il dossier. Con la prospettiva di giungere alla creazione di un ente autonomo di diritto pubblico». La macchina, in ogni caso, si è già messa in moto: sempre mercoledì sera l’autorità balernitana ha illustrato i suoi piani al personale del Centro degli anziani. Per ora non ci si addentra nei dettagli dell’operazione: i collaboratori resteranno alle dipendenze dei rispettivi Comuni sino alla nascita del nuovo ente. Insomma, nulla da temere. Quanto ai vertici della struttura? «Spetterà a un Gruppo di lavoro, a cui parteciperanno rappresentanti dei due Comuni e del Dss, gettare le basi, approfondire e quindi definire la collaborazione in tutti i suoi aspetti, incluso l’assetto gestionale e organizzativo», fa presente Doninelli. Difficile, d’altro canto, dimenticare le recenti disavventure in cui è incappato il Centro balernitano, sfociate in due inchieste per maltrattamenti e nella sentenza di una Corte nei confronti di una ex assistente di cura. E questo progetto – «nato a prescindere da quanto accaduto», puntualizza– potrebbe rappresentare un nuovo inizio. Perché la scelta di Balerna è caduta su Chiasso? «Abbiamo effettuato le nostre valutazioni e optato per i vicini della città – ci risponde il capodicastero –. Ciò non esclude delle collaborazioni con altri poli su progetti di interesse regionale o cantonale. Il traguardo finale è pur sempre quello di garantire dei posti letto medicalizzati agli anziani della regione, e in modo capillare e tempestivo». Con quale tempistica? «Si può immaginare occorreranno 12-18 mesi. Idealmente fine 2018. Nel frattempo, ci potranno essere delle cooperazioni puntuali in diversi ambiti», tiene a far sapere Doninelli. Su un punto il capodicastero richiama l’attenzione: la messa in rete delle strutture, precisa, non farà perdere le singole peculiarità, oltre che la territorialità, di entrambe le strutture. «A Balerna, ad esempio, continueremo a poter contare sulla presenza di un bar aperto alla popolazione e gestito sin dall’inizio grazie a un gruppo di volontari». Senza trascurare che sul tavolo – e con il sigillo del Consiglio comunale – vi è un intervento di ristrutturazione e ampliamento che guarda pure alla realizzazione di un ‘nucleo protetto Alzheimer’. «Tutti temi – conclude Doninelli – che andranno affrontati e discussi, da un lato per rispondere alle esigenze degli anziani , dall’altro per evitare dei doppioni».

Tags
anziani
balerna
chiasso
doninelli
centro
capodicastero
ente
progetto
comuni
strutture
TOP NEWS Cantone
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile