laRegione
09.12.22 - 15:33
Aggiornamento: 18:14

Lugano, 1’330 firme contro l’aumento di gas ed elettricità

L’Mps consegna la petizione e chiede di bloccare il rialzo dei costi dei beni di prima necessità, che colpisce le famiglie con redditi bassi e medi

lugano-1-330-firme-contro-l-aumento-di-gas-ed-elettricita
Mps
Matteo Poretti e Simona Arigoni durante la consegna della petizione alla cancelleria di Lugano

Matteo Poretti e Simona Arigoni, deputata in Gran Consiglio, hanno consegnato oggi alla cancelleria di Lugano la petizione dell’Mps contro l’aumento delle tariffe elettriche e del gas, sottoscritta da 1’330 persone. Una petizione rivolta al Municipio cittadino (proprietario di Ail Sa che fornisce elettricità oltre che a Lugano anche ad alcuni comuni del Mendrisiotto) e ai Municipi del Mendrisiotto. I due esponenti dell’Mps ricordano che, poco meno di un anno fa, l’esecutivo aveva annunciato un aumento delle tariffe dell’acqua potabile del 20%, che è entrato in vigore all’inizio dal 1° gennaio 2022. Un incremento che, per un normale nucleo familiare, è pari a circa 100 franchi all’anno. Già allora, il movimento aveva lanciato una petizione, inascoltata, con la richiesta al Municipio di Lugano di rinunciare all’aumento delle tariffe dell’acqua.

Costi in crescita del 48,16% dal 2009

Ora, un altro elemento di prima necessità, l’energia elettrica, subirà un aumento. Le Ail Sa (al 100% in mano alla Città) hanno annunciato nelle scorse settimane un aumento delle tariffe pari al 33,5% rispetto al 2022, spiegando che il nuovo incremento dei prezzi dell’energia elettrica avrà un impatto di 200 franchi in più all’anno, per un’economia domestica di medie dimensioni. "Invece", scrive l’Mps in una nota, "il confronto fra le bollette del 2022 e quelle annunciate del 2023, fa stato di un aumento che sfiora i 400 franchi all’anno… E questo non è il primo aumento. Dal 2009, la tariffa dell’energia distribuita dall’Ail Sa a una cinquantina di comuni ha subito un aumento costante: dal 2009 al 2022, la bolletta è infatti cresciuta del 12,1%. Con le tariffe del 2023, l’aumento sul periodo 2009-2023 sarà del 48,16%".

‘Manca la volontà politica’

Tutto questo, mette in evidenza l’Mps, sommato ad altre crescite di costi (in primis quelli per i premi di cassa malati) e all’aumento dei prezzi di diversi generi alimentari, "rende sempre più difficile la vita per le famiglie. Senza dimenticare che alla maggior parte dei salari non è stato riconosciuto il rincaro. L’insieme di questi aumenti sta letteralmente sgretolando il potere di acquisto di moltissime famiglie. La solidità finanziaria delle Ail Sa e i cospicui dividendi versati costantemente alla Città dovrebbero portare queste istituzioni a bloccare gli aumenti delle tariffe elettriche almeno per il 2023. Le condizioni materiali esistono. Manca, invece, la volontà politica (...) di dare la priorità ai bisogni soprattutto delle famiglie con redditi bassi e medi, che sono colpite pesantemente con un aumento dei prezzi di alcuni beni di prima necessità, come l’acqua e l’elettricità".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
48 min
Albertoni: ‘La frammentazione politica ci preoccupa non poco’
Il direttore della Camera di commercio: ‘Gli imprenditori hanno bisogno di certezze. Meno ideologia e più discussioni fondate su fatti concreti’
Ticino
48 min
‘La nostra forza? La biodiversità investigativa’
Polizia giudiziaria. Ferrari e Gnosca: ‘Profili diversi, indagini performanti’. Sta per chiudersi il concorso per aspiranti ispettori e ispettrici
Luganese
48 min
‘In ansia per i miei figli’: Mezhde rischia ancora l’espulsione
Verso il preavviso negativo da parte del Cantone. L’avvocata della famiglia curda: ‘Non tengono in considerazione che lei ha vissuto più qui che in Iraq’
Bellinzonese
48 min
L’Eoc: caso chiuso. ‘Ma noi vogliamo vederci chiaro, aiutateci’
San Giovanni di Bellinzona, senza esito le verifiche avviate sulla segnalazione di ex infermiere malate che preparavano antitumorali a mani nude
Centovalli
8 ore
Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare
La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
9 ore
Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera
Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Locarnese
10 ore
L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte
Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
11 ore
Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia
Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Ticino
11 ore
Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione
Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
15 ore
Riprendono i lavori sulla A2 tra Lamone e Gentilino
In collina velocità limitata a 80 km/h, mentre allo svincolo di Lugano Nord si viaggia a 100 km/h
© Regiopress, All rights reserved