laRegione
05.12.22 - 12:50
Aggiornamento: 18:04

Pura, chiesti 4 anni per la donna che accoltellò il marito

La 35enne è accusata di tentato omicidio intenzionale, accuse che ha contestato, ritenendo di averlo colpito per difesa e senza intenzione di ferirlo

pura-chiesti-4-anni-per-la-donna-che-accoltello-il-marito
Ti-Press
L’arma del quasi delitto

Due ex coniugi, un coltello e tante versioni diverse sull’accaduto. In aula, dinanzi alla Corte delle Assise criminali, presieduta dal giudice Amos Pagnamenta, verrà oggi fatta chiarezza. Alla sbarra si è presentata la 35enne che accoltellò a marzo, a Pura, l’ex marito e padre di suo figlio. L’uomo era stato colpito mentre stava uscendo dalla casa di lei, a seguito di un acceso litigio non isolato. Infatti, i due erano già noti alle autorità per i frequenti alterchi. La ferita, lunga 11 centimetri e mezzo non è stata fortunatamente tale da metterne in pericolo la vita. La donna è però accusata di tentato omicidio intenzionale, accuse che lei stessa contesta: «Volevo solo spaventarlo, ero terrorizzata. Così ho afferrato il coltello e in un momento in cui ci siamo girati entrambi c’è stato il contatto. Non mi sono accorta di averlo ferito, neanche di averlo sfiorato. Solo dopo essere rientrata in casa e aver visto il coltello insanguinato ho capito di averlo colpito». La procuratrice pubblica Chiara Buzzi ha proposto una pena di 4 anni e 10 mesi. Richiesta alla quale si è allineata anche l’avvocata della vittima che si è costituita accusatore privato, Micaela Negro, richiedendo inoltre 15’000 franchi a favore del 50enne per torto morale. La donna è inoltre accusata di guida in stato di inattitudine, contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti e infrazione alle norme della circolazione.

Leggi anche:

Pura, nella lite tra ex coniugi spunta il coltello

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
2 ore
Albertoni: ‘La frammentazione politica ci preoccupa non poco’
Il direttore della Camera di commercio: ‘Gli imprenditori hanno bisogno di certezze. Meno ideologia e più discussioni fondate su fatti concreti’
Ticino
2 ore
‘La nostra forza? La biodiversità investigativa’
Polizia giudiziaria. Ferrari e Gnosca: ‘Profili diversi, indagini performanti’. Sta per chiudersi il concorso per aspiranti ispettori e ispettrici
Luganese
2 ore
‘In ansia per i miei figli’: Mezhde rischia ancora l’espulsione
Verso il preavviso negativo da parte del Cantone. L’avvocata della famiglia curda: ‘Non tengono in considerazione che lei ha vissuto più qui che in Iraq’
Bellinzonese
2 ore
L’Eoc: caso chiuso. ‘Ma noi vogliamo vederci chiaro, aiutateci’
San Giovanni di Bellinzona, senza esito le verifiche avviate sulla segnalazione di ex infermiere malate che preparavano antitumorali a mani nude
Centovalli
10 ore
Golino-Zandone, trasporto pubblico da potenziare
La richiesta di più corse bus da parte del Comune delle Centovalli e della Agie Charmilles (tramite Cit) recapitata alla Sezione della mobilità
Grigioni
10 ore
Giù la maschera! Roveredo si tuffa nel Carnevale Lingera
Inaugurata questa sera la 61esima edizione. Fra le novità la possibilità di acquistare i biglietti online e il percorso del corteo di sabato
Locarnese
11 ore
L’indebitamento pubblico preoccupa Gordola, su le imposte
Il Consiglio comunale sposa la linea del rapporto di minoranza della Gestione e alza il moltiplicatore dall’84 all’88 per cento, sconfessando il Municipio
Ticino
12 ore
Ricerca fra le macerie, pure una squadra ticinese in Turchia
Lunedì Mauro Bonomi e Luna sono volati sul posto. In preallarme il presidente della sezione rossoblù di Redog Fabio Giussani: ‘Pronto a intervenire’
Ticino
13 ore
Radar, un’altra interpellanza scottante diventa interrogazione
Alle domande poste da Passalia e Dadò (Centro) sull’aumento di controlli di velocità il governo risponderà in forma scritta. E tra diverso tempo.
Luganese
16 ore
Riprendono i lavori sulla A2 tra Lamone e Gentilino
In collina velocità limitata a 80 km/h, mentre allo svincolo di Lugano Nord si viaggia a 100 km/h
© Regiopress, All rights reserved