laRegione
24.11.22 - 13:37
Aggiornamento: 18:52

Lugano, impossibile stabilire se ci sia stato errore medico

Riaperta la fase istruttoria per approfondire il caso dopo che la radiologa ha detto, per la prima volta a processo, di non aver visto né ordinato il test

lugano-impossibile-stabilire-se-ci-sia-stato-errore-medico
Ti-Press/Archivio
Un esame ordinato all’insaputa dell’imputata

Ci vogliono ulteriori approfondimenti per stabilire le eventuali responsabilità della radiologa 52enne residente a Lugano nel presunto errore medico che provocò gravi danni di salute e l’asportazione di un seno alla donna visitata nel 2019 alla clinica Moncucco. Occorrerà un altro dibattimento per il quale verrà richiesta, forse, una nuova perizia oppure l’audizione della perita che ha allestito il referto. Lo ha stabilito il giudice Siro Quadri oggi, nella giornata in cui era attesa la sentenza. Nel processo celebrato lo scorso 9 novembre, infatti, per la prima volta, la radiologa ha detto di non essere stata a conoscenza della tomosintesi (mammografia a raggi X) chiesta ed effettuata sulla paziente, ma ordinata da un altro medico. Un elemento nuovo, questo, che ha impedito al giudice di stabilire le eventuali responsabilità dell’imputata, che oggi lavora in uno studio privato.

L’esame aveva evidenziato indizi

L’imputata, lo ricordiamo, ha contestato il decreto d’accusa allestito dal procuratore pubblico Zaccaria Akbas, con la relativa condanna a 120 aliquote giornaliere, in altre parole sei mesi sotto forma di pena pecuniaria di 61’200 franchi. Il referto peritale, ha ricordato il rappresentante dell’accusa in aula penale, aveva già stabilito che la tomosintesi evidenziava una opacità anomala, visibile su due immagini, e questo avrebbe imposto un altro approfondimento, come una nuova ecografia ed eventualmente una nuova mammografia dello stesso genere sei mesi dopo. Perché? Perché le analisi svolte all’insaputa della radiologa hanno evidenziato diversi indizi di un possibile tumore. Nella requisitoria pronunciata lo scorso 9 novembre, il procuratore pubblico ha ribadito la stessa richiesta di pena, confermando la svista diagnostica, o meglio, l’omissione a carico della dottoressa. Filippo Ferrari, legale della 52enne, nell’arringa, ha invece messo in dubbio gli accertamenti svolti e, per la sua assistita, ha chiesto il proscioglimento dal reato di lesioni colpose.

Il giudice vuole fare chiarezza

Il fatto nuovo è emerso soltanto al processo celebrato a Mendrisio, siccome l’imputata, come suo diritto, durante le indagini si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Da qui, la decisione del giudice Quadri, che, tecnicamente ha riaperto la fase istruttoria, vuole capire se l’imputata avrebbe comunque potuto riconoscere gli indizi di tumore al seno anche senza la tomosintesi, per quali ragioni la 52enne non ha ordinato l’esame e se avrebbe dovuto farlo.

Leggi anche:

Quel tumore non visto: nei meandri dell’arte medica

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
15 min
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
3 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
4 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
1 gior
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
1 gior
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
1 gior
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
© Regiopress, All rights reserved