laRegione
17.11.22 - 16:07
Aggiornamento: 17:37

Lugano, la banda di trafficanti di cocaina resta in prigione

Inchiesta Swiss, la giudice Francesca Verda Chiocchetti infligge sei condanne inferiori alle richieste di pena, ma conferma l’atto d’accusa

lugano-la-banda-di-trafficanti-di-cocaina-resta-in-prigione
Trafficata una decina di kg di cocaina

Sono nuovamente scattate le manette ai polsi dei sei imputati accusati di aver trafficato cocaina e sono stati riportati al penitenziario della Stampa, dopo aver ascoltato la sentenza pronunciata dalla presidente della Corte delle Assise Criminali di Lugano presieduta dalla giudice Francesca Verda Chiocchetti. Una sentenza che pone fine al processo celebrato settimana scorsa, con la condanna a sette anni di reclusione all’imputato 29enne albanese residente in Italia, difeso dall’avvocato Stefano Camponovo, considerato l’organizzatore del traffico di droga, il grossista locale della cocaina. Tutti sono stati riconosciuti colpevoli di violazione aggravata della Legge federale sugli stupefacenti e di riciclaggio di denaro. Nei confronti dell’uomo, l’accusa sostenuta dalla procuratrice pubblica Margherita Lanzillo aveva chiesto una pena di nove anni. Sei anni di prigione sono invece stati inflitti alla compagna del 29enne, mentre la pp aveva richiesto 8 anni di carcere. Ridotta parecchio la condanna alla donna di 53 anni che aveva il ruolo di trasportare la droga dall’Italia alla Svizzera. La Corte le ha inflitto cinque anni di prigione, la pp aveva chiesto 7,5 anni di reclusione. Alla donna è stata riconosciuta l’attenuante del sincero pentimento dalla giudice Verda Chiocchetti che l’ha considerata credibile. Questi tre imputati hanno agito come una banda, nella quale ognuno di loro aveva un ruolo ben definito. Per il traffico nel Locarnese, gli imputati sono stati considerati complici e non correi, nel senso che lo spaccio è stato favorito, non organizzato appositamente.

Credibile solo la ex frontaliera

Nel giro di meno di un anno hanno trafficato una decina di chilogrammi di cocaina, poco meno di quanto prospettato nell’atto d’accusa. Atto d’accusa che quindi nella sostanza è stato accolto, con soddisfazione di Margherita Lanzillo e degli agenti antidroga della Polizia cantonale che hanno portato a buon fine l’inchiesta Swiss. Leggermente inferiori anche le condanne inflitte ai tre uomini incaricati di fornire direttamente i consumatori, soprattutto nel Luganese e in tutto il Sottoceneri ma l’attività illecita si stava espandendo anche nel Locarnese e avrebbe preso piede anche nel Bellinzonese. Al 40enne albanese sono stati inflitti cinque anni di reclusione, (invece dei cinque e mezzo chiesti dall’accusa), tre anni e tre mesi di prigione nei confronti del 27enne albanese (contro i quattro anni e mezzo richiesti dalla Pp) e tre anni e mezzo di carcere al 30enne, mentre l’accusa aveva chiesto tre anni e dieci mesi. Il quantitativo complessivo di droga spacciata è stato ridimensionato di 200 grammi dalla giudice. Gli imputati stranieri sono inoltre stati espulsi dalla Svizzera, per dieci anni, l’imputato principale, per sette anni gli altri. Verda Chiocchetti ha considerato credibile soltanto la ex frontaliera: ha sempre e solo fornito delle stime ed è stata lineare nelle sue dichiarazioni, non avrebbe avuto motivi per accreditarsi i quantitativi di droga trasportata, visto che avrebbero peggiorato la sua posizione processuale. Il principio ‘in dubio pro reo’ invocato da alcuni difensori in sede di arringa è stato ritenuto solo per un quantitativo di 200 grammi di cocaina, mentre la Corte ha considerato corroborate le tesi sostenute dall’accusa, basandosi suoi confronti delle versioni fornite dai consumatori di droga.

Leggi anche:

A processo per traffico di cocaina, ‘non siamo una banda’

Cocaina, chiesti oltre 38 anni di carcere per la ‘banda’

Lugano, senza nome i burattinai del traffico di cocaina

Inchiesta Swiss, scatta il processo sul traffico di cocaina

Cocaina, le difese provano a smontare le accuse sul traffico

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Le liste per Consiglio di Stato e Gran Consiglio hanno un numero
Sorteggiato l’ordine di apparizione sulla scheda delle prossime elezioni Cantonali del 2 aprile 2023. Domani la pubblicazione delle liste complete
Locarnese
3 ore
Cani liberi all’ex aerodromo di Ascona: le multe non piacciono
Municipio e Polizia replicano: ‘La legge parla chiaro: guinzaglio obbligatorio. Noi interveniamo su segnalazione di cittadini che reclamano’
Mendrisiotto
3 ore
Pozzo Polenta, l’inchiesta amministrativa si allarga
Adesso al tavolo dell’autorità cantonale ci sono entrambe le società petrolifere che hanno gestito la stazione di servizio
Mendrisiotto
6 ore
‘Io oggi sogno un Mendrisiotto unito’
Abbiamo parlato di aggregazione con Giorgio Fonio. E il consigliere comunale di Chiasso e gran consigliere ha una sua visione per il futuro
Gallery
Bellinzonese
6 ore
I terreni abbandonati ora profumano di lavanda
L’associazione Stregaverde ridà vita ai sedimi trascurati piantando fiori e spezie. Coltivata un’area vicino a Sasso Corbaro. Si cercano volontari e fondi
Locarnese
6 ore
Sébastien Peter alla guida dei servizi culturali cittadini
La scelta del Municipio di Locarno è caduta sul 38enne attivo nel campo della promozione culturale a Bienne. Inizierà il suo mandato in primavera
Ticino
6 ore
Unitas, ex membri di comitato: ‘Non sono denunce per ripicca’
Le testimonianze: ‘Siamo bersaglio di ostilità per aver portato alla luce gli abusi. Ci accusano di aver agito perché estromessi. O troppo tardi. È falso’
Luganese
12 ore
Plan B continua a dividere Lugano
Dalla discussione generale in Consiglio comunale, critiche più o meno velate da Ps, Verdi e Centro, mentre Udc, Lega e Plr lodano l’operazione
Bellinzonese
13 ore
Rubano materiale da hockey ad Arbedo: bottino di 300mila franchi
Il furto di pattini, bastoni e macchinari specializzati sarebbe avvenuto, stando alla Rsi, lo scorso fine settimana
Luganese
14 ore
Schlein a Massagno ‘senza padrini né padroni’
La candidata alla segreteria del Pd incontra Marina Carobbio. “Il Pd si può riformare”
© Regiopress, All rights reserved