laRegione
15.11.22 - 18:11
Aggiornamento: 18:31

Caso molestie in Unitas: consegnato l’audit esterno

È giunta a conclusione la valutazione affidata dal Consiglio di Stato all’avvocato Raffaella Martinelli Peter affiancata da Stefano Fornara

caso-molestie-in-unitas-consegnato-l-audit-esterno
Ti-Press
Dare occhi alla verità

È sul tavolo di Gabriele Fattorini, direttore della Divisione dell’azione sociale e delle famiglie del Dipartimento della sanità e della socialità, l’audit inerente al dossier Unitas. Formalmente nelle mani del Consiglio di Stato dal maggio scorso, dopo che la responsabilità era stata tolta dal governo all’Associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana, che l’aveva assunta due mesi prima, è dunque giunta a conclusione la valutazione sui casi di molestie e mobbing perpetrati negli anni dall’ex dirigente.

«L’audit – ci conferma il funzionario – è stato consegnato secondo i tempi del mandato. Abbiamo poi incontrato la persona incaricata di svolgere l’audit, da cui abbiamo ottenuto un chiarimento e richiesto un piccolo complemento. È stato quindi letto e analizzato. Si tratta ora di riportare il tutto in Consiglio di Stato, da cui è stato dato mandato, per fissare le indicazioni sul come procedere».

Una tempistica che richiederà per giungere agli effetti finali ancora del tempo: «Da parte mia – risponde ai nostri interrogativi Fattorini – dovrei già settimana prossima inserire questa documentazione all’ordine del giorno del Consiglio di Stato, poi sarà la stesso Consiglio di Stato che dovrà valutare i passi successivi. È chiaro, dunque, che non posso per ora rivelare alcun contenuto dell’audit né tantomeno delle eventuali misure che saranno adottate. Anche perché in termini di correttezza dovremmo prima riferire a chi ha dato il mandato, appunto il Consiglio di Stato, poi discutere con Unitas e dare infine anche una ‘restituzione’ a chi ha partecipato all’audit. Lo faremo, immagino, anche in modo pubblico dando riscontro generale su quello che abbiamo fatto e soprattutto su quello che si farà. Al momento quindi non posso andare oltre».

Il documento, del resto, ha richiesto più del tempo prefissato; in questo senso sono state necessarie un centinaio di ore aggiuntive nel lavoro dell’avvocato incaricato, ovvero Raffaella Martinelli Peter, e un secondo esperto ad affiancarla, l’avvocato Stefano Fornara, non solo per la grande mole di documenti raccolti ma anche per le persone ascoltate, diverse in maniera spontanea e non esclusivamente su chiamata. Così come, non manca di farci sapere il direttore della Divisione, «c’è voluto del tempo per leggerlo e poi per richiedere ulteriori specifiche. Ma ora, posso dire, che abbiamo tutti gli elementi per decidere».

È allora necessaria ancora qualche settimana ma il tempo della conclusione dell’iter è quantomeno vicino: «Del resto c’è gente che si aspetta una restituzione, non tanto sui contenuti, ma in generale. La rilevanza politica-mediatica, di operatori, utenti e volontari è stata ampia, perciò ciascuna di queste persone si attenderà ovviamente, ad audit consegnato, una risposta sui provvedimenti, o meno, da introdurre, e in accordo o senza l’accordo di quanti sono coinvolti. È chiaro insomma che l’aspettativa è molta».

Leggi anche:

Molestie all’Unitas: parte l’inchiesta interna

Unitas, la ‘lunga mano’ e i troppi silenzi

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
6 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
7 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
8 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
9 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
9 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
10 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
Locarnese
11 ore
Acqua potabile per tutti: Locarno, Losone e Muralto solidali
Raccolti e devoluti a favore delle popolazioni dell’Africa occidentale oltre 28mila franchi. Serviranno alla realizzazione d’infrastrutture idriche
Luganese
12 ore
Lugano, incendio boschivo sul monte Brè
Il rogo è stato segnalato all’altezza di via Pineta a Brè sopra Lugano verso mezzogiorno
Locarnese
15 ore
Tre milioni di franchi per combattere le neofite invasive
È la richiesta di credito formulata, attraverso il relativo messaggio, dal Municipio di Locarno, per una vera a propria strategia sull’arco di 10 anni
Locarnese
15 ore
Più passeggeri nel 2022 sul trenino bianco-azzurro e i bus
Le Fart hanno conosciuto un incremento dei viaggiatori su gomma e rotaia grazie anche al notevole potenziamento del trasporto pubblico regionale
© Regiopress, All rights reserved