laRegione
14.11.22 - 14:52
Aggiornamento: 17:26

A Lugano un caffè con gli agenti di quartiere

Al via la campagna della Città per promuovere ulteriormente la polizia di prossimità, a partire da un potenziamento delle unità

a-lugano-un-caffe-con-gli-agenti-di-quartiere
Ti-Press
Gli agenti di quartiere esistono a Lugano dal 1983. La foto è del 2001

Da Isabella a Claudio, da Lucio a Matias, da David a Christian. Non ce ne voglia nessuno se non li citiamo tutti, anche perché con il potenziamento sono ormai una trentina, ma tutti hanno lo stesso peso e la stessa missione: rappresentano il maggior servizio di prossimità della Polizia della Città di Lugano. Sono gli agenti di quartiere, oggetto di una campagna comunale che ha preso avvio pochi giorni fa con lo scopo di promuoverne la conoscenza e l’attività.

Una risposta alla crisi della società...

«La figura dell’agente di quartiere nasce negli anni Ottanta, Lugano fu la prima città a dotarsene nel 1983, in risposta a un modello tradizionale che aveva fatto il suo tempo e non era più in grado di dare risposte a una società in profondo cambiamento», ricorda il comandante della Polizia cittadina Roberto Torrente. «Si è passati così da una polizia reattiva a una proattiva. Fino agli anni Settanta il pattugliamento era casuale, la visibilità degli agenti limitata, gli interventi erano in risposta alle richieste dei cittadini e le inchieste si aprivano in caso di reato. Oggi c’è un contatto diretto con la gente, gli interventi vengono anticipati per prevenire le situazioni o i problemi futuri con lo scopo di creare un rapporto di fiducia tra cittadino e polizia». Tuttavia, oggi il settore della sicurezza sarebbe nuovamente in crisi: «Negli ultimi due decenni sono in atto grossi mutamenti nel settore, vi è sempre più un minor riconoscimento delle istituzioni e del loro operato e ci sono nuovi cambiamenti sociali che pongono nuove sfide».

... e una risposta alla scarsa conoscenza

E in effetti, pur avendo agenti di quartiere da ormai quasi quarant’anni, da un sondaggio condotto nel 2019 – il Losai, ‘Lugano, le opinioni sulla sicurezza degli abitanti: interviste’ – è emerso che oltre la metà della popolazione non conosce gli agenti di quartiere. Solo il 14,6% ne conosce il nome, il 24,7% li conosce di vista. Una situazione alla quale si è deciso di dare una risposta istituzionale con questa campagna. «Da un lato abbiamo potenziato la presenza degli agenti nei quartieri, con almeno un poliziotto in ogni quartiere – spiega la capodicastero Sicurezza Karin Valenzano Rossi –, d’altro canto desideriamo migliorare la conoscenza personale degli agenti da parte della popolazione, per favorire la percezione di sicurezza».

Da 23 a 29 agenti di quartiere

Gli agenti di quartiere sono stati dunque in primis potenziati. Si è passati da un effettivo di 23 a uno di 29: quattro agenti in più nei quartieri Ovest della città e due in più in quelli centrali. Immutata la presenza nei quartieri Est, in quanto già precedentemente più solida. E poi c’è tutto il fronte della conoscenza. I cittadini avranno la possibilmente di prendersi letteralmente un caffè con gli agenti di quartiere: ventisei incontri nei ventun quartieri della città – e in aggiunta nei comuni convenzionati di Muzzano e Sorengo – dal 21 al 29 novembre prossimi. I dettagli su luoghi e orari si possono consultare sul sito www.lugano.ch/caffe-agente. Incontri che si intendono riproporre poi nel 2023 e negli anni a venire rendendoli stagionali in modo da instaurare una rapporto costruttivo e di fiducia con la collettività. E non basta: dallo scorso 7 novembre è partita una campagna anche nelle scuole elementari, in concomitanza con le lezioni di educazione stradale, con il medesimo obiettivo: presentare ai cittadini di domani gli agenti di quartiere. Inoltre, a gennaio e febbraio si passerà a una campagna di affissione: sui manifesti dei singoli quartieri compariranno i volti e i nomi dei relativi poliziotti attivi nei singoli rioni.

Naturalmente, essendo nell’era digitale, la campagna è rivolta molto anche al mondo web e social. «È stata rinnovata la pagina del sito web della Città dedicata a questa sezione della polizia – spiega Roberto Mazzantini, responsabile della campagna –, ogni agente ha una sua scheda nuova con foto sorridente e dei mini identikit che spiegano come interpretano il proprio lavoro. Sono messaggi positivi e amichevoli». Questo perché «vogliamo rappresentare al meglio il volto umano della prossimità e della polizia», sottolinea la municipale.

Polizia unica? ‘Peculiarità da difendere’

E la prossimità è al centro del dibattito che vede opporsi Polcom ed enti locali da una parte e Dipartimento delle istituzioni e Polcantonale dall’altra, sul futuro della polizia in Ticino e sul progetto della Polizia unica. Una campagna voluta per ribadire il sostegno alle Polcom? «No, la tempistica non è voluta – replica la capodicastero –, ma non è neanche inopportuna. Siamo profondamente convinti che la prossimità sia una peculiarità che va difesa e quindi la campagna casca a fagiolo». «Anche perché abbiamo competenze differenti rispetto alla Polcantonale – aggiunge Torrente –, solo le Polizie locali riescono a dare risposte a determinate problematiche».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
Energia, il governo ai comuni: ‘La situazione è ancora tesa’
Il quadro attuale è ‘rassicurante’, ma il Consiglio di Stato invita sindaci e municipali a mantenere i provvedimenti che permettono di abbassare i consumi
Gallery
Bellinzonese
1 ora
Da cent’anni punto d’aggregazione di Faido: l’Osteria Marisa
Inizialmente screditata poiché ragazza madre, l’attività di Luigina Bellecini ha continuato a prosperare grazie alle future generazioni tutte al femminile
Locarno
9 ore
Affittacamere, nei Comuni la verifica è diventata una ‘gimcana’
La Città risponde ad Angelini Piva e cofirmatari sull’introduzione della nuova procedura per gli alloggi ad uso turistico messi sulle piattaforme online
Ticino
11 ore
‘L’uso dell’automobile privata per i frontalieri va agevolato’
A chiederlo è la Commissione dell’economia e tributi. La misura riguarda l’uso per lavoro: ‘Non si deve per forza dover usare quella aziendale’
Mendrisiotto
11 ore
Monte Generoso, si chiude un capitolo lungo 130 anni
Con la posa degli ultimi elementi delle rotaie e della cremagliera si è concluso oggi il risanamento del binario, risalente al 1890
gallery
Mendrisiotto
11 ore
Il Nebiopoli incontra i bambini delle Elementari di Chiasso
L’obiettivo è trasmettere il vero spirito del Carnevale e mostrarne l’organizzazione. Un modo, anche, per prevenire atti di violenza futuri
Luganese
12 ore
Caslano, ciclista colto da malore sulla cantonale: è grave
L’uomo, un 54enne svizzero domiciliato nel Luganese, si è accasciato a terra ed è stato soccorso dalla Croce Verde di Lugano. Traffico molto perturbato
Ticino
13 ore
Fotovoltaico su autostrada e ferrovia: ‘L’interesse è forte’
Il primo lotto messo a concorso dall’Ustra ha avuto un grande interesse, con oltre 300 richieste da 35 aziende. Il potenziale resta però limitato
Luganese
13 ore
Bioggio, in mostra la rivoluzione di ArtByFrask
Nella casa comunale verrà allestita l’esposizione di Andrea Fraschina, pittore ispirato dalle culture underground e dall’energia della filosofia punk
Lavizzara
15 ore
Centro di scultura, c’è l’appoggio ma anche una ‘minaccia’
Il Consiglio comunale accoglie, al termine di una seduta un tantino movimentata, il credito a favore di questa istituzione; ma tira aria di referendum
© Regiopress, All rights reserved