laRegione
30.10.22 - 11:49
Aggiornamento: 17:26

Pazzallo, Ibsa crea un Cosmos investendo 150 milioni di franchi

Nuovo stabilimento produttivo della multinazionale, che è presente in oltre 90 Paesi e 17 filiali in Europa, Cina e Stati Uniti con 2’000 collaboratori

pazzallo-ibsa-crea-un-cosmos-investendo-150-milioni-di-franchi
Ti-Press/Elia Bianchi
Una veduta dall’alto del nuovo stabilimento produttivo di Ibsa
+2

Un investimento di 140 milioni di euro per sedicimila metri quadrati (superficie pari a tre campi da calcio), dove un tempo c’era una nota discoteca, poi una palestra. Questi sono i dati salienti di Cosmos, più grande stabilimento produttivo di Ibsa, l’azienda farmaceutica multinazionalecon sede a Pazzallo (Lugano), realtà aziendale con un fatturato consolidato di 800 milioni di franchi, una presenza in oltre 90 Paesi e 17 filiali in Europa, Cina e Stati Uniti e oltre 2’000 collaboratori. Uno stabilimento inaugurato ieri sul Pian Scairolo, caratterizzato da efficienza, ottimizzazione delle risorse, attenzione alla qualità e precisione, come annunciato dai dirigenti della società. È stato progettato secondo i più recenti requisiti dell’industria 4.0, dove le quattro linee produttive sono gestite da sistemi tecnologicamente avanzati e interconnessi, che garantiscono un esatto controllo degli impianti e dei processi produttivi e i più alti standard di qualità dei prodotti, a beneficio della sicurezza dei pazienti, impiegando più di 250 persone.

L’azienda prevede di crescere ancora

Il piano di sviluppo dei dintorni prevede altre ristrutturazioni future, con la riqualifica anche dell’area al di là del riale Scairolo, hanno spiegato Arturo Licenziati, presidente e Ceo di Ibsa e il vicepresidente Antonio Melli. Il percorso è cominciato un anno fa e la società intende continuare la sua strada non solo verso una crescita del business, ma anche verso la condivisione dei risultati con la comunità e il suo territorio. Sostenibilità, Innovazione e Bellezza sono gli elementi che si intrecciano e che guidano questo percorso. Cosmos rientra in CorPharma, distretto industriale che occupa un’area complessiva di 43mila metri quadrati, tra Lugano e Collina d’Oro. Un distretto nato con l’obiettivo di centralizzare, ristrutturare e rivitalizzare nell’ottica di favorire il recupero delle infrastrutture esistenti, trasformandone gli spazi, dando grande rilevanza all’estetica e alla funzionalità degli elementi per avere un impatto positivo sul tessuto urbano e sulla qualità di vita delle persone. Nella ristrutturazione dello stabilimento, infatti, è stata dedicata grande attenzione alla sostenibilità dei materiali e il "verde" è stato enfatizzato come elemento preponderante anche all’esterno dell’edificio, nell’ottica di favorire la conservazione della biodiversità degli spazi naturali. Come emerso a margine dell’inaugurazione, l’investimento complessivo è stato di poco meno di 150 milioni di franchi.

Fuori cantieri, dentro già si lavora

Se all’esterno Cosmos è ancora un cantiere, il suo cuore produttivo già pulsa. Lo stabilimento partirà con tre linee di produzione – già testate, convalidate e in fase d’approvazione da parte delle autorità regolatorie – a pieno regime, all’inizio del 2023, con una produzione di 240 milioni di dosi terapeutiche all’anno. All’inaugurazione, sono intervenute diverse personalità: Andrea Bernardazzi, sindaco di Collina d’Oro, Michele Foletti, sindaco di Lugano, Paolo Bianchi, direttore della Divisione della salute pubblica del Cantone in rappresentanza del consigliere di Stato Raffaele De Rosa e Christian Vitta, direttore del Dipartimento delle finanze e dell’economia. Il settore farmaceutico genera l’8,5% del Pil cantonale, pari a 2,7 miliardi di franchi, e ha una crescita media del 17% all’anno nell’ultimo decennio. In totale la nuova fabbrica riunirà, come detto, le attività di 250 persone delle 850 impiegate al Sud delle Alpi. Per il 40% saranno residenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
1 ora
‘Rivitalizzare la politica di milizia, partendo dal cittadino’
Sarà uno dei temi del Simposio sui rapporti tra Cantone e Comuni. Della Santa: ‘Il coinvogimento attivo per destare l’interesse per la cosa pubblica’
Luganese
1 ora
La torre itinerante simbolo di una necessità condivisa
La Tour Vagabonde fa riflettere sugli spazi indipendenti da Friborgo, dove nasce, fino a Lugano, dove si ergerà fino al prossimo marzo
Ticino
8 ore
Mobilità Usi al top: ‘Coltiviamo la dimensione internazionale’
L’ateneo ticinese è tra i pochi in Svizzera (4 su 36) ad aver raggiunto l’obiettivo del 20% dei diplomati con un’esperienza all’estero. Ecco i motivi
Orselina
9 ore
Nuovo albergo-ristorante Funicolare, c’è la licenza edilizia
Da novembre il cantiere per l’edificazione ex novo della struttura, simbolo turistico collinare soprastante la Madonna del Sasso
chiasso
10 ore
Un Nebiopoli all’insegna del vero spirito del Carnevale
Svelato il programma dell’evento, che dopo due anni di pandemia torna ‘in grande’. Ne abbiamo parlato con il presidente del comitato Alessandro Gazzani
Grigioni
10 ore
Giovane morta dopo il party: nessuno voleva perdere la patente
Le persone interrogate hanno confermato che si è atteso a lungo prima di portare la 19enne in ospedale per paura di incappare in controlli di polizia
Bellinzonese
11 ore
Quartiere Officine: per i Verdi ‘ancora troppi posteggi’
Giulia Petralli apprezza che il Municipio di Bellinzona abbia rivalutato il progetto iniziale, ‘ma ci sono ancora punti che non ci soddisfano’
Luganese
11 ore
Lugano mantiene la tradizione del Pane di Sant’Antonio
Con una decisione presa a maggioranza, il Municipio ha incaricato la Cancelleria e la Divisione attività culturali di preparare un progetto
Ticino
12 ore
Pensioni, la rete ErreDiPi evolve e diventa un’associazione
La scelta, dice il portavoce Quaresmini, ha l’obiettivo di essere interlocutori solidi e di partecipare attivamente agli incontri tra governo e sindacati
Luganese
13 ore
Trattamento stazionario a un giovane reo di tante ‘bravate’
Inflitti 22 mesi da espiare a un 23enne che, in pochi giorni, ha commesso diversi reati. Pena sostituita con il ricovero in una struttura chiusa
© Regiopress, All rights reserved