laRegione
27.10.22 - 16:21
Aggiornamento: 17:51

Lugano, vandalismi in San Carlo: ‘È stato davvero un colpo’

Il sagrestano Mauro Martini racconta l’azione dell’uomo che questa mattina ha causato danni stimati in 30-40mila franchi

lugano-vandalismi-in-san-carlo-e-stato-davvero-un-colpo
I danni
+9

«Per noi uomini di chiesa, vedere i nostri simboli ridotti in quelle condizioni è stato davvero un colpo». Quando raggiungiamo al telefono Mauro Martini, sagrestano e vicepriore della confraternita San Carlo Borromeo di Lugano, la sua voce è ancora scossa. Questa mattina, poco dopo l’apertura, la chiesa di via Nassa è stata oggetto di importanti vandalismi causati da un uomo di origine nordafricana che, con la sua azione, ha causato danni stimati in 30-40mila franchi, considerato il valore antico degli oggetti sacri presenti in chiesa. Martini ci racconta che «apriamo la chiesa alle 7 di mattina. Mentre io parcheggiavo l’auto e mia moglie sistemava i fiori, in chiesa è entrato questo personaggio che, correndo verso il presbiterio, ha lanciato un nostro vaso preso all’esterno contro l’altare». Un gesto che ha portato «alla rottura del vetro che protegge la Madonna. Cadendo, la vetrata ha rotto anche il crocefisso che c’è sull’altare».

‘Era fuori controllo’

Le persone che in quel momento si trovavano all’interno della chiesa sono uscite e si sono chiuse la porta alle spalle. «Quella persona era fuori controllo: il timore era che potesse aggredire il parroco o altre persone – continua il racconto di Martini –. Quando sono arrivato sul posto, gli ho detto che la polizia era stata chiamata. Lui brandiva un nostro cero di resina che ha usato come clava per spaccare tutto (cristalli, crocifissi, seggiole) e ha cominciato a offendermi nella sua lingua». Sul posto è poi arrivata la polizia. «Ci sono voluti quattro agenti per tenerlo fermo». Sul posto, oltre alla polizia e agli specialisti della Scientifica che hanno lavorato per tutta la giornata odierna, è intervenuto anche l’amministratore apostolico della Diocesi di Lugano Alain De Raemy che ha voluto constatare di persona i danni causati.

La chiesa riaprirà sabato

Oggi la chiesa è rimasta inaccessibile ai fedeli. Per consentire i rilievi, sulla porta d’ingresso è stato affisso un foglio che indicava la chiusura ‘per atti di vandalismo’. «Domani inizieremo con i lavori di pulizia per rimettere in sesto la chiesa. Chiesa che – aggiunge ancora Mauro Martini – riapriremo sabato, utilizzando quello che abbiamo, mentre altre cose ci verranno prestate. È stato un gesto molto duro soprattutto dal punto di vista morale e di fede». Stando alle prime indicazioni, l’autore del gesto sarebbe un richiedente l’asilo assegnato al Canton Lucerna che nelle scorse ore sarebbe stato dimesso da una clinica ticinese.

La Lega interroga

Gli atti di vandalismo hanno portato il gruppo Lega in Consiglio comunale (primo firmatario Andrea Sanvido) a interrogare il Municipio. Dall’autorità comunale si vuole sapere "per quale motivo l’uomo era da solo su un treno in direzione di Lucerna senza essere accompagnato", da quanto tempo era in Ticino e come mai "un cittadino tunisino (Paese non in guerra) è accolto in Svizzera come asilante".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
6 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
18 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
20 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
21 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
22 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
© Regiopress, All rights reserved