laRegione
laR
 
26.10.22 - 09:18
Aggiornamento: 15:21

Arogno guarda alle Ail per la gestione dell’acqua

Il legislativo dovrà esprimersi sull’affidamento del mandato. Si va verso un ritocco della tassa base. Rapporto di minoranza della Gestione

arogno-guarda-alle-ail-per-la-gestione-dell-acqua
Ti-Press/Pablo Gianinazzi
L’area oggetto dei lavori

Saranno le Aziende Industriali di Lugano (Ail Sa) a occuparsi della gestione globale del servizio acqua potabile di Arogno? L’intenzione dell’autorità comunale, tradotta in un messaggio municipale, troverà risposta nella seduta di Consiglio comunale convocata lunedì 7 novembre. Dalla Commissione della gestione è arrivato un rapporto di minoranza (firmato da Joy G. Cometta, Gruppo indipendenti) che chiede la "non entrata in materia". Nel messaggio, il Municipio ricorda che "la sorgente di Calfarée, unica fonte per il nostro comune, è utilizzata pure dalle Ail Sa di Lugano per la produzione di energia elettrica nella centrale della Val Mara a Maroggia. La sorgente è peraltro di proprietà delle Ail Sa e il nostro Comune dispone di un diritto di prelievo per le necessità di approvvigionamento idrico". Il Comune di Arogno non ha però ancora attuato la direttiva W12 "e non dispone ancora delle conoscenze necessarie per procedere alla sua attuazione". La direttiva W12, si spiega, consiste in un manuale che raccoglie una serie di linee guida atte a garantire, attraverso protocolli di autocontrollo, una buona prassi procedurale per le aziende dell’acqua potabile e può essere considerato come uno dei pilastri centrali nel diritto alimentare. "Nel rispetto della direttiva W12, le Ail Sa rientrano in questa categoria, ed è per questo che negli anni i Comuni si stanno orientando a stipulare con loro dei mandati per la gestione totale". La collaborazione con Ail, il Municipio lo sottolinea, "non ha nessun effetto né sulla proprietà delle infrastrutture (che restano tutte di proprietà del Comune di Arogno) né sul diritto di prelievo dalla sorgente". Il mandato di prestazione alle Ail Sa comprende la gestione tecnica e la manutenzione ordinaria ("tutti i lavori effettuati presso gli impianti dell’acquedotto relativi al servizio di erogazione"), la gestione amministrativa, l’assicurazione della qualità ("effettuata dalle Ail tramite un sistema di autocontrollo"), la manutenzione straordinaria ("puntuali riparazioni o interventi alle infrastrutture e alle condotte che rivestono un carattere d’emergenza") e la sorveglianza e gestione degli investimenti ("promossi dal Comune per migliorare, ampliare e rinnovare gli impianti dell’acquedotto comunale"). Con l’aiuto delle Ail, aggiunge infine il Municipio, è stato simulato un incasso sulla base delle tariffe attuali. Dallo stesso emerge che "bisognerà aumentare la tassa base e determinare un’unica tariffa di consumo al metro cubo".

‘La popolazione va informata’

Nel suo rapporto di minoranza, Cometta evidenzia il "desiderio di avere almeno due alternative sul mandato di gestione dell’acqua potabile comunale: dal momento che anche il Comune di Val Mara deve procedere alla stesura del manuale W12, si potrebbe sondare anche questa opportunità, che lascerebbe in mano pubblica la gestione". Con la transizione "verrà a mancare il saper fare e la conoscenza del territorio. Se è come sospetto, si tratta di un’ennesima dimostrazione delle difficoltà in cui si trova il nostro Comune per la mancata aggregazione". Ail, sottolinea ancora il consigliere comunale, "è una Sa il cui mandato prevede giustamente di fare utili. Quindi il margine di decisione del Comune si riduce, per questo basta accettare di cambiare il nostro Regolamento e allinearlo a quello di Lugano. Se il contratto ha la durata di tre anni perché cambiare il nostro Regolamento?". Essendo un cambiamento che "peserà sulle famiglie", prima di una decisione "bisognerebbe informare la popolazione con una serata informativa. Come tempistica ci può stare: abbiamo ancora un Consiglio comunale a dicembre".

Iniziati i lavori per l’area pubblica

Sono invece iniziati da un paio di giorni i lavori che restituiranno alla popolazione "più di un semplice posteggio". Il comparto Canaa sarà molto di più, ovvero "la messa in atto di un desiderio comune, espresso dall’intera popolazione e da tutte le forze politiche, di porre fine a una situazione insoddisfacente, che deturpa una zona esposta alla vista di tutti". Così il Municipio di Arogno ha descritto l’intervento nel messaggio con la richiesta di credito di 1’478’000 franchi approvato in maggio dal Consiglio comunale (18 voti favorevoli e un’astensione). Questi lavori, che dureranno 6-9 mesi, rappresentano "un’opera architettonica ricca di creatività, in quanto combina in un risultato armonioso esigenze legate alla mobilità (posteggi), allo svago nel rispetto della cultura del paese e dell’ecologia (orti condivisi rialzati) e al ripristino in ottica naturalistica di una zona oggi abbandonata (pendio)". Sono quattro gli interventi previsti dal progetto. Il primo è la costruzione di una nuova strada di accesso, lunga 120 metri, che collega la strada cantonale alla strada comunale per Devoggio, che verrà utilizzata per accedere al parcheggio, un’area con 67 stalli sottostante alla casa comunale. L’area d’interesse pubblico prevista nella zona ovest "sarà prevalentemente finita a prato con la formazione di collinette verdi e una zona per la realizzazione di orti rialzati, che hanno il vantaggio di essere più facilmente lavorabili". La formazione dell’area di parcheggio comporta lo scavo dell’attuale sedime per un volume di circa 2’800 metri cubi "che verrà riutilizzato per il profilamento del nuovo terrapieno a sud, a valle del parcheggio, tra l’area pubblica e il riale Canaa". Lungo il pendio verrà realizzato un percorso pedonale in legno-cemento; mentre sui pianori verranno piantumati 20-25 alberi da frutto per la formazione di un frutteto pubblico con l’intento di creare una zona di svago e incontro.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
1 ora
Gara dei parlamentari: vincono Buri e Ghisla
Il tradizionale slalom dei granconsiglieri si è svolto ieri a Campo Blenio
Locarnese
6 ore
Grave incidente ad Avegno, un motociclista rischia la vita
Un 56enne del Locarnese ha perso il controllo del mezzo andando a sbattere contro lo spartitraffico riportando gravi ferite
Mendrisiotto
18 ore
La Castello Bene conquista il Nebiopoli 2023
Il corteo mascherato ‘cattura’ 20mila spettatori. Per gli organizzatori del Carnevale chiassese è l’edizione dei record
Luganese
20 ore
Auto contro moto a Novaggio, grave il motociclista
L’incidente sulla strada verso Miglieglia. Il giovane è stato sbalzato a terra dall’impatto frontale
Mendrisiotto
21 ore
Il Corteo di Nebiopoli fa il pieno di satira e pubblico
La sfilata mascherata si riappropria del centro cittadino tra guggen, gruppi e carri (venuti anche da fuori) e le cannonate di coriandoli da Sion
Luganese
22 ore
Scontro auto-moto a Manno, ferito il motociclista
L’incidente intorno alle 15:45 in via Cantonale. Non sono note le condizioni del ferito, portato in ospedale dopo i primi soccorsi sul posto
Luganese
1 gior
A Lugano incendio in una discarica in zona Stampa
Un grosso incendio si è sviluppato questa mattina provocando molto fumo e un odore sgradevole. Una persona in ospedale per intossicazione
Locarno
1 gior
Solduno, un poliziotto di prossimità gentile e apprezzato
Dopo 37 anni di servizio va in pensione il sergente maggiore Fabrizio Arizzoli. L’Associazione di quartiere esprime la sua gratitudine
Mendrisiotto
1 gior
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
1 gior
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
© Regiopress, All rights reserved