laRegione
laR
 
26.10.22 - 05:25
Aggiornamento: 15:39

Agno: aprirà un distaccamento dei Pompieri di Lugano

Importante novità nel 2023: nel borgo aprirà un Centro di pronto intervento che servirà Malcantone e Basso Vedeggio, per aggirare il problema del traffico

agno-aprira-un-distaccamento-dei-pompieri-di-lugano
Ti-Press/Archivio
Sarà possibile una sinergia con i Pompieri dello scalo

I Pompieri di Lugano si sdoppiano. Letteralmente: a breve verrà istituito infatti un distaccamento diurno per pompieri professionisti ad Agno. Gli esecutivi dei due Comuni hanno siglato nei giorni scorsi un accordo. «Lo scopo principale per il quale andiamo ad Agno è sopperire alla problematica viaria che c’è in determinate fasce diurne – spiega a ‘laRegione’ il comandante Federico Sala –. Constatiamo un traffico che per noi oggi è troppo eccessivo per garantire una sicurezza alla cittadinanza».

Missione: dribblare il traffico

L’esigenza nasce infatti dalla necessità di assicurare efficienza ed efficacia di intervento per il Corpo, che svolge le funzioni di Centro di soccorso cantonale (Csc) per tutto il distretto del Luganese. Un dovere al quale i vigili del fuoco luganesi sono chiamati in particolar modo nei venticinque comuni convenzionati al Csc. Comuni che, pur trovandosi a pochi chilometri di distanza da via Trevano a Lugano, dove si trova la caserma centrale dei Pompieri luganesi, non sono sempre facilmente raggiungibili a causa di un grave problema che attanaglia la regione: il traffico. E questo vale in particolar modo per il Malcantone e la bassa valle del Vedeggio e in generale la zona a ovest della città.

Collaborazione con i Corpi di Caslano, Monteggio e Novaggio

E poi ci sono i dettami della Coordinazione Svizzera Pompieri, l’ente nazionale di categoria, che invita a rispettare determinate tempistiche negli interventi «a seconda del tipo di intervento e del veicolo utilizzato. Quindi intendiamo avvicinarci di più ai nostri Comuni convenzionati della regione ed essere naturalmente un aiuto ai Corpi di categoria B e C, come quelli Caslano, Monteggio e Novaggio, un modo per essere più rapidi e continuare a fornire la qualità di servizio al cittadino» aggiunge Sala. Se la novità è già sicura, alcuni aspetti restano da definire. Fra questi l’esatta zona di intervento: «Nella valle del Vedeggio calcoliamo di arrivare indicativamente fino a Bioggio con questo distaccamento. Non dobbiamo dimenticare comunque che la caserma centrale di Cornaredo, grazie alla galleria Vedeggio-Cassarate, può in tempi brevissimi coprire tutta la zona da Manno a nord».

Presenza sei giorni su sette

Da definire poi gli orari operativi: «Il distaccamento sarà presente da lunedì a sabato compresi, per dodici ore dalle 7 alle 21. Quando di preciso è ancora stabilire: il presidio potrebbe essere dalle 7 alle 19 o dalle 8 alle 20 o dalle 9 alle 21, è ancora da stabilire. Dobbiamo effettuare delle prove e capire, anche in base alla viabilità, quale soluzione sia la migliore». E da definire resta ancora anche il numero esatto di militi coinvolti. «Calcoliamo fra i quattro e i cinque. Si tratterà di un piccolo nucleo, per poter affrontare un primo intervento. Saranno dislocate almeno un’autobotte e un veicolo leggero. Non bisogna dimenticare che in caso di interventi particolari, più complessi, ci sarà il rinforzo che partirà dalla caserma centrale. Si tratterà di un lavoro basato molto sul coordinamento». Una distribuzione dei compiti fra la caserma centrale di Lugano e il distaccamento di Agno, quindi. La caserma di via Trevano non viene depotenziata? «Assolutamente no. Si tratta piuttosto di un’aggiunta, dunque di un potenziamento. Pensiamo solo al fiume Vedeggio: quante volte ci è capitato di intervenire per inquinamento? Sicuramente saremo più rapidi nell’intervento di sbarramento delle sostanze inquinanti, per evitare che arrivino al lago».

Nello stesso stabile delle Guardie di confine

L’implementazione è prevista entro la fine del primo trimestre del 2023. Il luogo dove si insedierà il distaccamento è già uno stabile comunale, in parte già occupato dalle Guardie di confine che resteranno lì. «Dallo stabile c’è un accesso al sedime aeroportuale, ma non verrà utilizzato quello», precisa la capodicastero Sicurezza e spazi urbani di Lugano Karin Valenzano Rossi. Questo per evitare di dover sottostare costantemente ai controlli doganali per ogni intervento. Verrà per contro utilizzato l’accesso sull’altro lato, che dà su via Aeroporto. Una via residenziale. «Ma la soluzione trovata è compatibile con la zona residenziale. Lungo la via la velocità dei veicoli sarà adattata. Si tratta di un breve tratto e i militi saranno comunque nettamente in anticipo rispetto alle tempistiche odierne. E per noi è importante la posizione perché ci permetterà di attuare delle sinergie con i Pompieri aziendali dell’aeroporto».

Investimento sotto i 50’000 franchi

Un compromesso che piace anche ad Agno, che accoglie con soddisfazione la novità. «È una buona notizia sia per il nostro comune, sia per tutta la nostra regione – sottolinea il sindaco Thierry Morotti –. Abbiamo qui da non molto tempo anche una sede della Croce Verde e per noi queste presenze sul territorio sono molto importanti, in quanto danno un senso di sicurezza maggiorato». Tutto pronto dunque, o quasi. Resta infatti da sistemare lo stabile: «Bisogna garantire gli accorgimenti tecnici per ospitare una piccola caserma di pompieri – chiarisce Sala –: mettere in sicurezza l’area, mettere la videosorveglianza, garantire l’abitabilità, gli allacciamenti». «E costruiremo una tettoia – aggiunge la municipale –, ma in generale si tratta di un investimento molto contenuto. Il credito licenziato dal Municipio è di 50’000 franchi, ma saremo verosimilmente sotto».

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
18 min
“Nei paesini la gente è solidale, ma in città...”
Non sembra essere un periodo facile per il volontariato, che dopo la pandemia sembra aver perso drasticamente attrattiva
Ticino
4 ore
Caso Unitas, Mps e Noi (Verdi) tornano alla carica
Nuove interpellanze: ’Le risposte scritte del Consiglio di Stato sollevano altri interrogativi’
Luganese
4 ore
La comunità cripto trova casa in centro città
L’Hub s’insedierà nell’edificio che ospitava il Sayuri e una banca, tra via Motta e Contrada Sassello. Lunedì discussione generale in Consiglio comunale
Locarnese
4 ore
Scintille tra Gordola e la Sopracenerina sulle tariffe
Nuova lettera dal Municipio al CdA della Ses per fare chiarezza sui costi di produzione e i prezzi applicati. Dividendi? ’Si può rinunciare’
Bellinzonese
12 ore
‘Eros Walter era un vulcano: alla Federviti ha dato moltissimo’
Lutto nel mondo vitivinicolo ticinese: è deceduto lo storico presidente della sezione Bellinzona e Mesolcina. Il ricordo di amici e colleghi
Ticino
14 ore
Marchesi: ‘Se l’Udc entrasse in governo, noi pronti per il Dfe’
I democentristi ribadiscono la loro ricetta per il risanamento delle finanze cantonali: ‘Se ci avessero ascoltato, avremmo già risparmiato 100 milioni’
Luganese
14 ore
Lugano, quel vuoto in piazza della Riforma
Verso la ristrutturazione l’edificio che ospitava il Caffè Federale, sulla cui facciata c’è la più vecchia insegna di caffetteria della piazza
Bellinzonese
15 ore
Zac, via altri alberi a Bellinzona: perché?
I Verdi insorgono con un’interpellanza al Municipio sui tagli eseguiti lungo i viali Franscini e Motta
Ticino
16 ore
Radar: questa settimana sono in un comune su due
L’elenco delle località dove dal 6 al 12 febbraio verranno eseguiti controlli della velocità
gallery
chiasso
16 ore
Nebiopoli, in seimila al corteo dei bambini
L’appuntamento odierno ha visto sfilare 1’500 allievi delle scuole elementari e dell’infanzia
© Regiopress, All rights reserved