laRegione
13.10.22 - 10:27
Aggiornamento: 14:03

Lugano, tentò di stuprare una coetanea: 20enne a processo

Alle Assise criminali un giovane che lo scorso marzo ha aggredito una ragazza cercando di violentarla dicendole: ‘Non muoverti o ti ammazzo’

lugano-tento-di-stuprare-una-coetanea-20enne-a-processo
Ti-Press
Fatti avvenuti lo scorso marzo

"Non muoverti o ti ammazzo". Oppure: "Tu non chiami nessuno (strappandole il cellulare di mano, ndr) o ti metto un coltello in bocca". Frasi forti, quelle pronunciate nei confronti di una 19enne lo scorso 13 marzo dal 20enne imputato alle Assise criminali di Lugano per tentata violenza carnale. Il giovane, che al momento dei fatti aveva 19 anni e la vittima 18, ammette quanto è successo: quel giorno ha tentato di stuprare una ragazza.

Stupro evitato grazie all’intervento di un passante

L’episodio è avvenuto a Sorengo: era l’alba. Entrambi i giovani stavano rientrando con l’autobus e dopo essere scesi alla fermata Cinque Vie di Breganzona si sono diretti verso Sorengo. Una volta in via Gemmo, l’imputato ha raggiunto la preda individuata mettendole le mani sul volto, sbilanciandola, causando la caduta di entrambi a terra, con lui sopra di lei. L’ha dunque toccata nelle parti intime, le ha abbassato i pantaloni, le si è strofinato addosso, arrivando anche a minacciarla di morte. La violenza sessuale completa è stata evitata solamente dall’intervento di un passante.

Consumo e vendita di droga

Oltre a questi fatti ammessi, il 20enne è accusato anche di infrazione e ripetuta contravvenzione alla Legge federale sugli stupefacenti, per aver venduto circa 300 grammi di marijuana e hashish (80 dei quali smerciati a minorenni, reato a sé stante) e consumato circa 50 grammi delle medesime sostanze, rispettivamente.

L’accusa propone tre anni, parzialmente sospesi

La Corte, composta dai giudici Francesca Verda Chiocchetti (presidente), Aurelio Facchi e Giovanna Canepa Meuli sta procedendo con l’interrogatorio. Tuttavia, le parti hanno già anticipato di aver trovato un accordo per la pena. Il procuratore pubblico Zaccaria Akbas, dato che l’accusato è reo confesso ed è stato collaborativo, è orientato verso una pena detentiva di trentasei mesi. Sei di questi da espiare, il resto sospesi condizionalmente per un periodo di prova di tre anni. «Si tratta di una proposta che riteniamo equa» dice l’avvocato difensore Felice Dafond, che ha posto l’accento sul percorso positivo intrapreso dal suo assistito dopo l’arresto e sulla volontà di voltare pagina rispetto a un passato fatto di formazioni scolastiche interrotte, consumo di alcol e droghe, vizio quest’ultimo che gli ha procurato già precedenti condanne e una breve detenzione.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Ticino
14 min
Dalla Vpod oltre 7’700 firme per cure sociosanitarie di qualità
Consegnate oggi le sottoscrizioni che chiedono anche più attenzione alle prestazioni socioeducative. Ghisletta: ‘Cautamente ottimista, serve migliorare’
Luganese
35 min
Tentata rapina al chiosco in stazione a Ponte Tresa, due fermi
Un uomo, insieme a una complice, ha minacciato la commessa con un’arma da taglio chiedendo l’incasso. I due hanno poi desistito e sono fuggiti a piedi
Luganese
36 min
Campione d’Italia, 12 kg di canapa destinati al Ticino
In prigione al Bassone da giovedì per tentata estorsione, il 30enne albanese si rifiuta di rispondere agli inquirenti
Luganese
1 ora
Tesserete, un Park & Ride trova posto sul terreno Arl
Presso la stazione dei bus sorgeranno una quindicina di posteggi. Il presidente del Cda Gianmaria Frapolli: ‘Vogliamo favorire la mobilità pubblica’
Luganese
1 ora
Aston Bank, scoperto ridotto a meno del 10 per cento
Alle Assise correzionali di Lugano si è parlato anche del fallimento della banca. Sedici mesi sospesi a un 53enne ex dipendente
Mendrisiotto
2 ore
Laveggio in... bianco: c’è finita della polvere d’argilla
Sul posto Pompieri e tecnici del Dipartimento del territorio: sospesi i lavori in un cantiere a Stabio. I pescatori vigilano
Locarnese
2 ore
Lungo il ‘Maschinenweg’ la strada della gestione si divide
A Ronco s/Ascona vi sono due rapporti sul credito di 100mila franchi necessario alla sistemazione del sentiero antincendio che taglia il pendio
Luganese
2 ore
Esce di strada e sbatte contro un rimorchio, è grave un 76enne
Incidente intorno alle 13.30 a Villa Luganese. Probabilmente un malore alla base della perdita di controllo del veicolo
Bellinzonese
3 ore
Quasi mille abitanti in più a Bellinzona
Nel 2022 sono stati registrati 3’098 arrivi e 2’315 partenze, 360 nascite e 377 decessi. La popolazione è formata da 198 nazionalità diverse
Ticino
6 ore
Le sirene d’allarme suoneranno l’1 febbraio per il test annuale
La consueta prova dei dispositivi di allarme avverrà a partire dalle 13.30. La comunicazione ufficiale anche in lingua ucraina per non suscitare paure
© Regiopress, All rights reserved