laRegione
laR
 
05.10.22 - 05:30
Aggiornamento: 12.10.22 - 14:01

Scuola media, la Direttiva e i segnali non recepiti

Indigna la presunta violazione del dovere di informazione nel caso dell’ex direttore di una scuola media arrestato per reati sessuali con minorenni

scuola-media-la-direttiva-e-i-segnali-non-recepiti
Ti-Press/Archivio
Restano tanti interrogativi irrisolti sul caso

C’è un aspetto che desta inquietudine e continua a suscitare profonda indignazione nella vicenda penale riguardante l’ex direttore di una scuola media del luganese, che è stato arrestato lo scorso 7 settembre con l’accusa di atti sessuali con fanciulli per aver avuto un rapporto sessuale completo con una minore di 16 anni e per aver toccato un’altra ragazza minorenne. Parliamo ancora di segnalazioni, su anomalie e comportamenti sospetti sul conto del 39enne arrestato, da parte di genitori che sono rimaste all’interno dell’istituto. Ci si chiede come mai e soprattutto perché il direttore precedente e i docenti che erano informati di queste situazioni poco edificanti non abbiano provveduto a segnalare queste circostanze alle autorità competenti, in questo caso i collaboratori del Dipartimento educazione sport e cultura (Decs). Qualcosa non ha funzionato a dovere. Eppure, avrebbero dovuto farlo, come prescrive la direttiva del Consiglio di Stato concernente le molestie psicologiche, sessuali e le discriminazioni all’interno dell’Amministrazione cantonale.

Segnalazioni rimaste in sede

Una direttiva di ventun articoli, entrata in vigore nel luglio del 2021, che mette nero su bianco il codice di condotta dei dipendenti dello Stato, in caso di presunti abusi. In particolare, l’articolo 12, capoverso 2, recita così: "Il funzionario dirigente e/o l’istanza gerarchica superiore informano tempestivamente i servizi centrali del personale e intervengono in collaborazione con essi. I servizi centrali monitorano l’evoluzione della segnalazione". Gli altri articoli della direttiva mirano a prevenire e a tutelare i collaboratori dell’Amministrazione cantonale da violazioni dell’integrità personale, come appunto le molestie psicologiche, sessuali e le discriminazioni e stabiliscono le procedure da seguire. Una direttiva allestita in seguito al caso dell’ex collaboratore del Dipartimento della sanità e della socialità condannato, in via definitiva, per coazione sessuale e violenza carnale, che, però, non è bastata per la vicenda dell’ex direttore di una scuola media del Luganese. Le segnalazioni formulate dai genitori sono infatti rimaste tra le mura dell’istituto. Una volta terminato il procedimento penale a carico dell’ex direttore, sarà l’inchiesta amministrativa a valutare eventuali responsabilità.

Necessari nuovi canali?

Nel caso specifico, dunque, il passaggio di informazioni non ha funzionato. Tanto che il presidente della Conferenza cantonale dei genitori Pierfranco Longo ha lanciato l’idea di uno sportello genitori dopo la conferenza stampa del Decs che ha informato delle dimissioni del direttore della scuola media del Luganese accusato di reati sessuali con minorenni. All’indomani della conferenza stampa nella quale il consigliere di Stato Manuele Bertoli aveva detto che "l’unica prevenzione è la comunicazione" e che "la gente deve parlare, e se si nota qualcosa che si blocca o non va come dovrebbe, trovare il canale di segnalazione e comunicarlo", Longo ha preso posizione motivando la sua suggestione come "un passo possibile, per avviare una cultura di maggior trasparenza e apertura nella gestione delle problematiche tra istituti, genitori e la Divisione della scuola. Uno strumento che "consentirebbe al Dipartimento di avere conoscenza diretta dei problemi, delle casistiche, senza filtri, di avere una visione d’insieme e valutare se e quando affiancare gli istituti nella ricerca di soluzioni, competenze o, nei casi più gravi, sorvegliare e intervenire". Un’altra soluzione potrebbe essere quella evocata dalla collega Katiuscia Cidali nel commento pubblicato ieri: un numero di WhatsApp attraverso il quale i genitori potrebbero attivare quel canale che non è stato attivato nel caso del 39enne.

Merlo: ‘Occorre un’entità esterna e indipendente’

La deputata in Gran Consiglio e consigliera comunale di Lugano Tamara Merlo (Più Donne) aveva già espresso perplessità nel merito della direttiva. Alla luce del caso specifico, ribadisce: «Finché la catena dei controlli resta interna, è più facile che capiti un intoppo. La Direttiva, di per sé, è un elemento positivo, ma affinché il passaggio di informazioni funzioni, occorre una reale indipendenza a tutela di tutte le parti coinvolte, e soprattutto a protezione delle vittime. Nell’ambito delle molestie sul lavoro, anche la Seco (Segreteria di Stato dell’economia) si esprime in questo senso. L’indagine dev’essere indipendente. In realtà, per fare chiarezza, occorrerebbe un’entità esterna e del tutto separata dai legami personali e gerarchici e dagli interessi in gioco di chi lavora lì. Ci vorrebbe anche un cambiamento di mentalità sul posto di lavoro, e a maggior ragione nella scuola, dove non c’è una relazione paritaria tra docente e allieva/o. E non dimentichiamo che alla base, in questi casi, può esserci un potenziale predatore sessuale».

Dal profilo penale, l’inchiesta a carico del 39enne continua con la raccolta di testimonianze. Nel frattempo, in base all’articolo 184 del Codice di procedura penale, il procuratore pubblico Roberto Ruggeri ha nominato lo psichiatra incaricato di allestire la perizia, formulando i quesiti del caso e dando un termine per presentare il lavoro. Un lavoro per il quale ci vorranno alcuni mesi.

Leggi anche:

Sospettato di atti sessuali con fanciulli: direttore arrestato

Molestie sessuali e mobbing, ecco la nuova Direttiva del governo

Direttore arrestato: ‘Si crei uno sportello per genitori’

Bertoli sull’arresto del direttore: ‘Non mi capacito neanch’io’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Mendrisiotto
5 ore
Da Berna un sostegno per il ‘centro di partenza’ di Rancate
Passa all’unanimità agli Stati la concessione di una somma forfettaria ai Cantoni che in situazioni straordinarie gestiscono centri asilanti provvisori
Mendrisiotto
7 ore
Il Museo dei fossili di Meride spegne dieci candeline
Tra esperienze multimediali e una nuova teca terrestre, il direttore Luca Zulliger si prepara per le porte aperte d’anniversario
Locarnese
10 ore
Un fuoristrada, un gatto e l’amore per la (nuova) vita
Grazie al piacere nel viaggiare assieme al suo fedele Jek, il locarnese ‘Jonni’ è riuscito a riprendersi dopo un tragico incidente in cui è quasi morto
Ticino
10 ore
Salario minimo non adeguato all’inflazione, Durisch: ‘Contesto!’
Il capogruppo Ps dopo la decisione del governo: ‘Assurdo, è una manovra per non arrivare all’ultima forchetta nel 2025: non sta né in cielo né in Terra’
Luganese
16 ore
Lugano, trasporto pubblico più friendly per i disabili
Approvato il maxi credito (13,6 milioni) per adeguare una parte delle fermate cittadine. Polemica in Consiglio comunale sulle telecamere nei parchi gioco.
Luganese
17 ore
Morcote allacciata all’impianto di depurazione del Pian Scairolo
Tra i progetti previsti dal Consorzio l’abbattimento di microinquinanti e l’utilizzo di energie alternative
Ticino
19 ore
‘Quell’iniziativa è superata dagli eventi’
Consiglio della magistratura, così la commissione parlamentare: Assemblea dei magistrati e Gran Consiglio hanno nel frattempo designato il nuovo Cdm
Gallery
Mendrisiotto
19 ore
Volto coperto e armati: commando irrompe in una abitazione
In cinque rapinano una casa privata a Novazzano. Immobilizzate le persone all’interno, gli autori del ‘colpo’ si sono poi dati alla fuga
Ticino
20 ore
‘Riconoscimento del carovita così come proposto dal governo’
Risoluzione della sezione ticinese della Federazione svizzera funzionari di polizia
Ticino
21 ore
Non cambia l’età limite per restare in Magistratura: 70 anni
La commissione parlamentare ‘Giustizia e diritti’ silura la proposta di Filippini di scendere a 68. La democentrista ritira l’iniziativa
© Regiopress, All rights reserved