laRegione
26.09.22 - 16:52
Aggiornamento: 18:34

Lugano, a processo per un buco da oltre 8 milioni

Rinviato oggi, a causa dell’assenza dell’imputato principale, il procedimento a carico di quattro persone accusate di reati finanziari e patrimoniali

lugano-a-processo-per-un-buco-da-oltre-8-milioni
Ti-Press
Quando la pezza non copre il buco

Sono accusati di aver creato un buco da oltre 8,2 milioni di franchi fra il 2008 e il 2013. Si tratta di quattro cittadini italiani residenti tra Italia e Mendrisiotto che presto compariranno di fronte alle Assise criminali di Lugano. Dovranno rispondere, a vario titolo, di vari reati finanziari e patrimoniali: dall’amministrazione infedele aggravata alla cattiva gestione, dall’appropriazione indebita aggravata alla falsità in documenti. Il procedimento avrebbe dovuto tenersi oggi, tuttavia la Corte – presieduta da Siro Quadri e con i giudici a latere Aurelio Facchi e Renata Loss Campana – è stata costretta a rinviarlo in quanto, in particolare, l’imputato principale non si è presentato e verrà pertanto nuovamente citato a giudizio.

Dai Caraibi al Lussemburgo, via Lugano

La somma di denaro contestata dall’atto d’accusa stilato dal procuratore pubblico Daniele Galliano è rilevante: oltre 8,2 milioni di franchi. Una cifra senz’altro molto importante. Tuttavia, visti i tanti anni trascorsi dalla vicenda, una parte dei fatti, quelli iniziali, verrà probabilmente archiviata in quanto prescritta. La vicenda, all’apparenza complessa, si può sostanzialmente così riassumere: un 46enne italiano residente in Lombardia, difeso dall’avvocata Maria Galliani, è accusato di aver ideato un sistema che gli avrebbe permesso di spostare grosse somme di denaro da un fondo di investimento lussumburghese a una società luganese della quale era amministratore unico, il tutto – almeno inizialmente – per rimborsare gli investitori di un terzo fondo con sede alle Isole Vergini Britanniche. La particolarità? Tutti e tre gli enti facevano capo al 46enne.

Problemi iniziati col fallimento della Lehman Brothers

In effetti, il primo fondo, quello con sede caraibica, sarebbe entrato in crisi a seguito del fallimento della Lehman Brothers, perdendo fino a 3,2 milioni di euro. Omettendo di informare gli investitori di questa crisi, il 46enne avrebbe deciso di rimborsarli man mano attingendo in parte anche alla liquidità della società creata a Lugano per gestire il fondo. Tuttavia, man mano che i debiti si accumulavano, non solo non avrebbe intrapreso alcuna misura concreta per venirne a capo ma non ha neanche depositato i bilanci. Il fallimento della società luganese è stato infine decretato nel 2013: oltre 570’000 i franchi insinuati dai creditori. A un primo periodo, il pp fa risalire circa 100’000 franchi che l’imputato avrebbe utilizzato per scopi puramente casuali. Soldi per i quali l’uomo è indagato per amministrazione infedele aggravata e cattiva gestione.

Un impianto costituito grazie a tre complici

Del reato di appropriazione indebita aggravata, in complicità con un 57enne e un 61enne entrambi italiani residenti nel Mendrisiotto, il 46enne dovrà rispondere a causa del buco da 8,2 milioni di franchi circa creato con la malagestione della società luganese e del fondo lussemburghese. In sostanza, dopo che oltre al fondo caraibico anche la società luganese era entrata in grosse difficoltà finanziarie, per coprire il buco il 46enne avrebbe voluto attingere ai soldi del fondo lussumburghese, costituito da lui stesso nel 2009. Un fondo che, tuttavia, era di tipo conservativo e gli investimenti dovevano essere diversificati. Ed è qui che entrano in gioco il 57enne e il 61enne, rispettivamente difesi dagli avvocati Romeo Mazzoleni e Simone Beraldi. L’accordo prevedeva che, dietro compenso stimato dall’accusa in 35’000 euro, i due uomini creassero un ulteriore fondo lussemburghese (acquistato poi interamente dal fondo del 46enne) che investisse nelle obbligazioni emesse dalla società luganese. Un modo, per l’accusa, di appropriarsi del denaro custodito dal fondo dell’imputato principale. Per aiutarlo, i due complici si sarebbero serviti anche di altre società lussemburghesi da loro due gestite. Al quadro si aggiunge anche una 55enne italiana residente in Piemonte, difesa dall’avvocato Mattia Bordignon, che avrebbe avuto un ruolo minore nella vicenda ed è accusata solo di amministrazione infedele aggravata e ripetuta falsità in documenti.

Il salvacondotto negato e l’assenza

Il denaro oggetto dell’inchiesta, gli oltre 8 milioni di franchi, sarebbe stato utilizzato in parte come detto per rimborsare investitori precedenti, in una sostanziosa parte per un investimento in Italia che avrebbe dovuto dare dei frutti poi invece mai raccolti e, infine, in parte per spese personali. La vicenda sarebbe invece emersa in seguito a una segnalazione dell’Autorità federale di vigilanza sui mercati finanziari (Finma), nonché alla denuncia di un investitore. L’imputato principale sarebbe, sostanzialmente, reo confesso. E ora, ad anni di distanza, la vicenda sbarca finalmente in aula penale. Per il processo bisognerà tuttavia attendere: come spiegato dall’avvocata Galliani, il suo assistito aveva chiesto un salvacondotto per partecipare al dibattimento, temendo un arresto una volta arrivato in Svizzera. Il salvacondotto gli è però stato negato e l’uomo non si è dunque presentato in aula. Il procedimento sarebbe potuto proseguire disgiungendo le situazioni degli imputati, opzione questa non accolta però dai legali degli altri imputati. Si procederà pertanto ora con una seconda citazione a giudizio e, qualora dovesse andare a vuoto anche questa, il processo potrà svolgersi in contumacia.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Bellinzonese
13 ore
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
14 ore
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
15 ore
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
16 ore
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
17 ore
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
17 ore
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
Grigioni
1 gior
A San Bernardino (e non solo) mercato immobiliare congelato
Dopo tre intensi anni di compravendite, oggi la forte domanda non trova più offerta. Vigne dell’Ente turistico: ‘Qui come nel resto del Moesano’
Bellinzonese
1 gior
Pedone investito sulle strisce a Bellinzona. Ferite serie
L’uomo è stato travolto da un’auto su un passaggio pedonale di viale Portone. Chiuso un tratto di strada
Mendrisiotto
1 gior
Intercity, un treno chiamato desiderio. Oggi esaudito
Il via libera della Camera alta alle fermate nel Distretto fa gioire i sindaci di Chiasso e Mendrisio. Che rinviano il confronto sulle stazioni
© Regiopress, All rights reserved