laRegione
laR
 
04.10.22 - 05:30
Aggiornamento: 19:24

Mezzovico: lite fra giovani degenera, interviene il... papà

Condannato per vie di fatto un 57enne che, durante un alterco fra il figlio e alcuni coetanei (fra cui la ex), ha tirato quattro sberle a tre dei ragazzi

mezzovico-lite-fra-giovani-degenera-interviene-il-papa
Ti-Press/Archivio
Quella notte è intervenuta anche la polizia

È tarda sera, fa ancora freddo e nell’aria si respira la paura del Covid. Siamo a marzo 2020, ma con l’imminente pandemia i fatti che raccontiamo non hanno nulla a che vedere. È invece la storia di una relazione fra adolescenti come tante che, come tante, finisce. A differenza di tante, dalle ceneri della rottura ne segue una lite che degenera in scazzottata fra giovani. E infine, all’escalation in un placido quartiere residenziale di Mezzovico-Vira, contribuisce il padre di uno dei contendenti. Un intervento che al 57enne è costato una condanna per ripetute vie di fatto accompagnato da una pena pecuniaria inflitte dalla Corte di appello e revisione penale (Carp).

La lite, il mancato chiarimento, la scazzottata

La vicenda risale dunque a circa due anni e mezzo fa e vede scontrarsi due rivali d’amore, quantomeno all’inizio. Oggetto della contesa è una ragazza, all’epoca dei fatti neanche 16enne, che dopo aver troncato il rapporto con il figlio del 57enne aveva intrapreso una relazione con un altro ragazzo. I due, dopo una lite telefonica decidono di incontrarsi per cercare di risolvere la spiacevole situazione venutasi a creare. E così, il ragazzo lasciato invita l’antagonista a casa e quest’ultimo si fa accompagnare da alcuni amici, fra i quali anche la ragazza all’origine delle tensioni. Al buio della notte, del chiarimento però neanche l’ombra: l’alterco degenera in una scazzottata, sulla quale le versioni delle parti divergono. È quando si arriva alle mani che entra in scena il padre del giovane. O meglio, i genitori, dato che anche la madre è stata inizialmente coinvolta nell’inchiesta, e condannata in primo grado a una pena pecuniaria per ingiuria e vie di fatto, salvo poi essere integralmente assolta dalla Carp.

Divide i litiganti ma... vola qualche ceffone

Il 57enne, in particolare, sarebbe intervenuto per dividere i litiganti. La tesi difensiva si limita a questo, mentre quella accusatoria si spinge oltre: l’uomo avrebbe infatti colpito diversi dei giovani presenti quella sera sotto casa: dapprima spintonando e schiaffeggiando il rivale in amore del figlio, e successivamente dando una sberla a testa anche alla sua ex ragazza e (per errore) a un’amica. Al punto che il primo è stato accompagnato all’ospedale per accertamenti medici, mentre le ragazze hanno allertato la polizia. Per questi fatti, lo stesso decreto d’accusa firmato dalla procuratrice pubblica Marisa Alfier, che nel luglio del 2020 aveva riconosciuto colpevole la moglie di ingiuria e vie di fatto, aveva stabilito la colpevolezza anche del padre per vie di fatto ripetute e una multa da 600 franchi come condanna. Vista l’opposizione di entrambi al decreto, la vicenda è sbarcata alla Pretura penale di Bellinzona, dove tuttavia entrambi sono stati condannati nel settembre del 2021 per i medesimi reati. Tuttavia, con pena ridotta per entrambi i coniugi.

‘Esasperato e sopraffatto dalla situazione’

Convinti della bontà delle proprie tesi, gli imputati – entrambi difesi dall’avvocato Gian Maria Bianchetti – hanno dunque interposto appello rivolgendosi alla Carp, presentandosi infine dinanzi alla Corte composta dalla presidente Giovanna Roggero-Will e dalle giudici a latere Rosa Item e Francesca Lepori Colombo lo scorso 30 maggio. E forti di una novità rispetto al primo grado: la testimonianza di un vicino di casa che quella sera avrebbe assistito all’episodio. Di fronte alla Corte locarnese, la difesa ha spiegato che le dichiarazioni rese dai giovani mancherebbero di linearità, coerenza e concordanza. Un’opinione tuttavia non condivisa dalle giudici, secondo le quali le piccole differenze sono spiegabili con la concitazione del momento. Una concitazione che ha visto intervenire il padre, "esasperato per la situazione e da essa sopraffatto" secondo la Corte, per difendere il figlio. Una difesa riconosciuta però limitatamente agli spintoni, cancellati infatti dai reati in secondo grado, ma non alle sberle.

La madre accusata di ingiurie, ma assolta

Integralmente accolto invece l’appello della madre. La donna, che sin dall’inizio ha sostenuto di essersi trattenuta sull’uscio di casa quella sera, è stata accusata di aver insultato l’ex ragazza del figlio e schiaffeggiato entrambe le ragazze presenti. Tuttavia, su questi episodi le versioni delle parti discordano al punto da non aver trovato il necessario supporto probatorio in secondo grado. Anche grazie alla testimonianza del vicino, che ha confermato la tesi della signora. Mentre quest’ultima è stata dunque assolta, la Carp ha ridotto la pena al 57enne, spiegando che egli avrebbe agito "in una situazione particolarmente concitata e di sovraccarico emotivo e che ciò costituisce un importante fattore di attenuazione della pena, adeguata alla sua colpa è la multa di 300 franchi".

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Cantone
Locarnese
12 min
Il Museo di Val Verzasca nominato all’EMYA 2023
Tra i sette istituti culturali svizzeri iscritti per il prestigioso riconoscimento europeo vi è anche la struttura con sede a Sonogno
Ticino
3 ore
Un appello per l’Ucraina (e contro Putin)
È quello reso pubblico da Verdi, Ps, Mps e altre formazioni progressiste in previsione della Giornata mondiale dei diritti umani
Locarnese
3 ore
Hangar 1, il Cantone risponde alle Città
Sul futuro dell’aviorimessa all’Aeroporto di Locarno, il CdS ha raggiunto un’intesa con la Aelo Maintenance, che si occuperà della ricostruzione
Bellinzonese
1 gior
Ad Airolo-Pesciüm l’inverno scatta il 16 dicembre
Una nuova stagione invernale ricca di interessanti proposte e attività per tutti gli amanti della neve scalpita
Locarnese
1 gior
Ascona, inaugurato il Centro diurno socio-assistenziale
Offre una sessantina di appartamenti a pigione moderata a persone anziane o invalide. Promotrice è la Parrocchia, a gestirlo è la Fondazione San Clemente
Bellinzonese
1 gior
La casa Aranda di Giubiasco festeggia un’ultracentenaria
Erminia Addor di Cadenazzo mercoledì 7 dicembre ha superato la bella età di 102 anni attorniata dai familiari
Locarnese
1 gior
Centovalli, riaperta la strada
Dopo lo smottamento di martedì sera, i lavori di sgombero sono stati eseguiti e la tratta fra Camedo e il bivio di Palagnedra è di nuovo percorribile
Mendrisiotto
1 gior
Chiasso, per riaprire la piscina è urgente investire
La richiesta di credito ammonta a 582mila franchi e sarà votata il 19 dicembre. Verrà chiesto aiuto ai comuni convenzionati
Ticino
1 gior
In Ticino 1’483 nuovi contagi Covid e cinque decessi
I posti letto occupati da pazienti con Coronavirus sono 141, per un +23% rispetto alla scorsa settimana. Sei i pazienti che si trovano in cure intense
Luganese
1 gior
Viganello, restano grigie le facciate di Casa Alta
Trovato il compromesso, che prevede la rinuncia al tinteggio blu, dopo l’incontro tra Cantone, Città e presidente dell’assemblea dei proprietari
© Regiopress, All rights reserved